lunedì 17 marzo 2008

Mediterraneo segreto: la strada delle mimose

Un percorso da turismo lento alla scoperta della costa azzurra d’inverno, in un clima dolce e mite. Dalla strada dell’Esterel che collega Nice a Marsiglia è uno spettacolo straordinario, sembrano fli d’oro che ogni anno si ripete in questo periodo la fioritura delle Mimose, il fiore simbolo dell’otto maggio, la primavera è alle porte.

Da fine Gennaio a Marzo all’interno un percorso di 130km vi invita a scoprire la storia e la cultura della mimosa. Da Bormes-les-Mimosas à Grasse, passando per Le Rayol-Canadel, Sainte-Maxime, Saint-Raphaël, Mandelieu-la-Napoule, Pégomas et Tanneron, la “Route du mimosa” si presenta come un circuito a otto tappe da fare in due o tre giorni.

La mimosa venne introdotto in costa azzurra nel XVIII ° secolo dagli inglese nella ville delle loro residenze invernali. Nel mondo ci sono circa 1200 varietà di mimose nel 700 sono in australia. Fu in navigatore James Cook a portarle in Inghilterra nel giardino botanico di kew alla periferia di londra.

Ci sono circa 160 varietà di mimose nell’area del mediterraneo che si sono acclimatate bene. In questo periodo è incantevole perdersi tra i boschi dell’esterel tra le piante di mimose, a grasse c’è un giardino botanico della Domaine du Royal nei pressi di Grasse dove sono conservate alcune varie varietà.

Non tutte le mimose che troviamo da acquistare sono naturali, molte sono “forzate”, vengono prodotte in serre, a una temperature di venti gradi ed con una percentuale d’umidità alta per accelerare la maturazione dei fiori. Una particolare sosta gourmand a Saint-Raphael sono riusciti a ottenere dalla mimosa dei prodotti alimentari al sapore di mimosa come caramelle, confetti, sciroppi e gelatine.

Sur Internet : Pepinieres Gerard Cavatore

Office Municipal de Tourisme
Tél. : 04 94 01 38 38, “Route du Mimosa”.
Email : mail@bormeslesmimosas.com

5 commenti:

  1. molto inreressante questo articolo buona giornata

    RispondiElimina
  2. spero di sbagliarmi alla super grande,ma ancora la cina stà proponendo solo l'antipasto al tibet !ahimè! se passi dalla mia cucina penso che ti piacerà http://zenzero2.blogspot.com buona giornata

    RispondiElimina
  3. Che nmolte mimose erano coltivate in serra la sapevo, ma che cerano così tante varietà questa proprio l'imparo adesso.

    Grazuie del passaggio un saluto da
    Gabry

    RispondiElimina
  4. mi piacciono da impazzire le mimose

    RispondiElimina