domenica 29 giugno 2008

I bagni di fieno una cura di benessere lenta, dolce e antica

Turismo lento è vivere con lentezza e prendersi cura di se stessi, curarsi con lentezza. Una pratica antichissima che forse non tutti conoscono è: il bagno di fieno. Il fieno è un miscuglio di erbe che crescono nei prati e vengono tagliate durante la fioritura.
Una miscela di erbe come : l'achillea, la pulsatilla, il genepi, le ranuncolacee, il raperonzolo, la prugnola, l'alchimilla e la genziana; questa cura dolce è utile come coadiuvante nelle terapie dei reumatismi, artrite, colpo della strega, insonnia, rinforzo del sistema immunitario, aiuta a ritrovare le proprie energie dopo condizioni di stanchezza fisica e mentale.
Dopo avere a lungo camminato sui sentire delle Dolomiti, questa cura è una pausa ristoratrice . Consite in una sudata sotto un letto d' erbe fresche, perchè capaci di fermentare, tanto da potere raggiunge le temperature anche di 60 gradi. Le sedute vengono aumentate progresivamente da dieci minuti in poi per ben tollerare la fermentazione. Dopo il bagno ci si riposa almeno un ora anche se la sudorazione può durare anche 3 o 4 ore. Mi è stato detto che si possono perdere dai 500 ai 2000 grammi di peso nel corso di ogni bagno. I benefici del bagno di fieno si vedono dopo un ciclo di almeno cinque applicazioni. Una cura naturale da praticare in montagna magari tra un trekking e l'altro.

Dove praticare la terapia
Almhof Call Belvita & Wellnesshotel (Marebbe (San Vigilio)) 
Hotel Adria (Merano) 
Bad Schlüsslerhof (Selva dei Molini) 
Hotel Pfösl (Nova Ponente)

14 commenti:

  1. Non li ho mai fatti, ma detto cosi una tentazione di tuffarmi nel fieno mi viene, ciao isabella

    RispondiElimina
  2. cosa non farei per uan settimana welleness nel fieno

    RispondiElimina
  3. Ammetto che non mi attira questo tipo di bagno.

    RispondiElimina
  4. non conoscevo assolutamente questa cosa... e pensare che i mie nonni lo hanno raccolto da poco ... quasi, quasi ... ;)

    RispondiElimina
  5. davvero molto interessante questo bagno nel fieno, non ne avevo mai sentito parlare prima. di certo non mi sarei mai immaginata che lì sotto si potessero raggiungere addirittura i 60 gradi centigradi! è un po' come fare una sauna, no? se lo scoprono certe mie amiche che si può perdere così tanto peso sai come corrono di corsa sulle dolomiti?!! eh eh!
    buona settimana, a presto

    RispondiElimina
  6. Davvero molto interessante questo blog.
    Lo diciamo con cognizione di causa. Noi bamboccioni alla riscossa siamo infatti espertissimi di turismo slow. L'anno scorso, essendo rimasti senza soldi, abbiamo fatto una vacanza precaria (e molto molto lenta): siamo andati a piedi da Piacenza a Nizza. A Nizza -per onor del vero- non ci siamo mai arrivati.

    Buon lavoro

    I soliti due

    RispondiElimina
  7. ho letto più di una volta dei loro benefici, sfortunatamente non li ho ancora mai fatti. ma prima o poi mi regalo una vacanza così :-)

    RispondiElimina
  8. uan vacanza cosi benessere e natura mi piacerebbe molto

    RispondiElimina
  9. per i loro benefici mi ci butterei ora a capofitto, ma per il prurito che mi procureranno cercherò di resistere

    RispondiElimina
  10. .....semra molto invitante....buona serata!!

    RispondiElimina
  11. mai sentito questo bagno in fieno.
    è una novità?

    RispondiElimina
  12. Ciao carmine grazie per la visita al mio blog...
    complimenti per il tuo perchè dà delle informazioni che non sono a conoscenza di tutti
    a presto...

    RispondiElimina
  13. Ne ho sempre sentito parlare di questo bagno di fieno.....mi piacerebbe anche provarlo ,prima o poi.

    Buona serata
    Gisella

    RispondiElimina