domenica 28 settembre 2008

Viaggi in treno: Danubio Express

C'è un nuovo trend in Europa il viaggio in treno, ideale per un turismo lento e una mobilita sostenibile, grazie alle nuove tecnologie si sono abbreviate le distanze, i treni sono comodi portano nel centro delle città e con l'aumento del petrolio diventano anche convenienti se si vogliono visitare quattro o cinque città.
Un bel esempio è il Danubio Express, un nuovo treno, che settimana scorsa ha fatto il suo primo viaggio da Budapest verso Berlino Schönefeld . Questi treni hanno sempre avuto un non so che di romantico, la realtà storica era che avevano "letti" duri, riconvertiti in sedili di giorno, con lavatoi ma privi di toilette anche sul Simplon-Orient-Express .
Oggi invece questi treni sono dotati di tutti i migliori comfort bagno, docce, luci soffuse, aria condizionata ma il senso del mistero, il senso dell'avventura rimane unito a un po' di dolce nostalgia che definisce il Danubio Express un viaggio lungo le rive del fiume Elba e Danubio - si passa attraverso un mondo senza tempo della Mittle Europa, ancora dominato da i fantasmi del slavi, magiari, tatari, Ottomani e Asburgo. Tra le tappe più belle Dresda, malinconica sotto la pioggia, con molti degli splendori architettonici ricostruiti dopo la devastazione lasciata da bombardieri alleati del 1945 e gli orrori di calcestruzzo d' epoca sovietica. Una vera sorpresa sono invece i pranzi e le cene in treno, ogni paese che passiamo un menù locale e sempre diverso, la fine del viaggio è a Berlino con un bicchiere di champagne in mano. Posso dire di avere passato una delle più belle notti di sonno della mia vita, sarà che il treno concilia il sonno.

Come arrivare
Ho preso il Danubio Express con un tour di tre giorni, tra Budapest e Berlino ho speso € 670 a persona. Il prezzo include due notti di pensione completa in un viaggio Classic due letti compartimento, con vino, birra, bibite e tutte le visite in tutte le fermate. Si ferma a Budapest, Kosice ( Slovacchia), Karlsbad (Karlovy Vary) e Praga, Dresda e finisce a Berlino .
Il Danubio Express offre diversi percorsi e tour che da Londra passando per Bruxelles portano ai paese dell'est europa fino ad arrivare a Istanbul.
Un percorso che consiglio fare anche con i treni normali invece che con l'aereo e l'auto.

Istria in bicicletta

Per tutti gli amici di turismo lento a cui piace andare in giro in bicicletta volevo segnalare questo sito : Itinerari in bicicletta dell'Istria, perchè è uno dei siti migliori che io abbia mai trovato, ci sono tutti i percorsi, suddivisi per grado di difficoltà , tempo, pendenza, ad ogni percorso vengono segnalati i bike hotel o i semplici bike and Bad, dove potere alloggiare. L'estate scorsa sono passato e ho visto che ogni percorso è ben segnalato e ho verificato che le indicazioni sono corrette.
Ho pensato che potrebbe essere un ottimo suggerimento per questo inizio autunno, un weekend all'insegna del turismo lento e della mobilità sostenibile, tra l'altro l'Istria è facilmente raggiungibile in treno da Venezia fino a Trieste- per arrivare in Istria ci sono le linee regolari Lubiana (SLO) – Divača (SLO) – Pinguente (HR) – Pola (HR) and Zagabria (HR) – Fiume (HR) – Pisino (HR) – Pola (HR). (Per altre informazioni visitate http://www.hznet.hr/) o anche in Autobus, ci sono dei traghetti che partono da diversi porti del adriatico, Venezia lines , Jadrolinija (Rijeka) .
Per quanti sono oltre che essere ciclisti anche golosi l'autunno è il periodo delle sagre del tartufo ogni weekend in ogni paese diverso il calendatio qui, al quale si può unire una visita nelle aziende vitivinicole l'elenco qui. So per certo che avrete l'occasione di passare un weekend all'insegna della piacevolezza e della lentezza.

mercoledì 24 settembre 2008

Città dimenticate : Civita di Bagnoregio, (Viterbo)

Arroccato su uno sperone di roccia friabile, una cinquantina di case in pietra, formano un borgo dal fascino unico ed è una meta ideale per un turismo lento all’insegna del silenzio, senza automobili senza moto solo il rumore di qualche passo. Civita è quello che resta di una cittadina medioevale che contava 5 porte d’ingresso, il terremoto del 1695 segna l'inizio di un declino fisico, con il susseguirsi di terremoti e smottamenti, che ne hanno allontanato attività e popolazione tanto che oggi sono rimasti solo una decina gli abitanti, ma il suo contesto e il suo fascino attrae le persone in cerca di tranquillità come Paolo Crepet, Giuseppe Tornatore, Astra Zarina. Tuttavia è uno dei borghi più a rischio geologico d’Italia nonostante i lavori di consolidamento e di recupero, Settembre è forse il periodo più bello per visitare Civita con i colori della natura favolosa la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno.


Arrivare a Civita: In treno: è sufficiente arrivare alla stazione di Orvieto o Viterbo, qui bus dell’azienda Cotral vi portano fino a Bagnoreggio.
In auto: Autostrada A1 uscita Orvieto seguite le indicazione per Castiglione in teverina è poi Bagnoreggio.
Ufficio turismo di Bagnoreggio, Piazza Sant’ Agostino 21 0761760206

Alloggiare a Civita : Bad and Breakfast Civita B&B in P.zza Duomo Frazione Civita - tel 0761/760016 , sul sito anche una vista vistuale del borgo.
Alloggiare nei pressi : Hotel Divino Amore, via fidanza 27, La locanda Romantica Pucci, piazza Cavour tutti e due a Bagnoreggio sul sito del comune le altre forme di ospitalità come agriturismo, sosta camper e bad and breakfast.

venerdì 19 settembre 2008

Oktoberfest a Monaco di Baviera dal 20.9 al 5.10 senza auto a CO 2 zero

Fare turismo lento non è solo la ricerca di silenzio e di tranquillità ma anche un ottimo modo di stare in compagnia, perchè ci sono diversi modi di vivere questa festa e con un po' di organizzazione diventa un momento di allegria senza per questo sconfinare nella maleducazione nella confusione e nel brusio. Monaco è una della città meglio organizzate d'Europa, con servizi di prima qualità che ne fanno una delle mete di turismo lento e mobilità sostenibile .
Arrivare a Monaco : è comodamente reggiungibile per treno da diverse città italiane per informazioni Ferrovie Tedesche e anche in autobus con le linee eurolines, consulate sul sito gli orari, nessuna necessità di usare l'aereo.

Muoversi a Monaco: un ottimo servizio di autobus e metropolitana, che vi portano dappertutto il biglietto giornaliero è di 5 euro, ma potete acquistare anche una card se vi fermate diversi giorni. Monaco in bicicletta diversi tour sono organizzati e anche sono noleggio con alberghi attrezzati da Mikesbiketours informazioni anche da Munichwalktours

Dormire: Monaco a una scelta incredibile di hotel ma anche di bad and breakfast e piccole hotel di charms, camere private , o anche appartamenti io vi segnalo due alberghi i miei preferiti Deutsche-Eiche vicino il virtual market e Advocat.

Monaco non è solo oktoberfest ma anche musei, pinacoteca d'arte moderna, shopping, mercatini.


I tavoli per oktoberfest si possono prenotare, cosi non dovete attendere anche su internet guardate qui, con precisione germanica troverete il tavolo libero all'ora che desiderate.
Come vedete si può praticare un turismo lento e mobilità sostenibile anche all'interno di un evento di grande richiamo.

Quartieri da scoprire : Cukurcuma, Istanbul

Un viaggio a Istanbul è un viaggio impegnativo,tante cose da vedere e sempre di più diviene una specie di Disneyland, se volete invece fare un bagno in clima di vera Istanbul, dovete recarvi nel quartiere di Cukurcuma, tutto è differente i negozi, il mercato, i caffè.
Si trova tra il centro di Beyuglu ( è l’antico quartiere di Pera) e l’inizio dei quartieri sofisticati e ricchi di Taksim e Harbiye, al lato nord del Corno d’Oro. Sebbene considerato fuori dai confini di Costantinopoli nel medioevo, è sempre stata la zona commerciale, vi si stabilirono i mercanti genovesi e veneziani ed è sempre stato abitata dalle comunità della popolazione Galati. Nel XIX° secolo fu la prima parte della città che venne abitata dagli europei che portarono novità e nuove tecnologie come telefono, treni, tram, bar, pasticcerie, luce elettriche gallerie commerciali, che attirò gli abitanti più ricchi e i nobili compreso il sultano che si fecero costruire nell’800 le residenze sul Bosforo più belle.

Oggi Cucukcuma si può definire la Soho di Istanbul, da sempre considerata il quartiere dei veri antiquari, si sono uniti negozi d’artigianato, gallerie d’arte, negozi di design, di moda. Stravolge quello che è l’idea che si ha di Istanbul, un quartiere dove convivono vecchie e nuovo, Europa ed Asia, oriente ed occidente, trandy e fuori moda, spesso all’interno dello stesso negozio.
Sul lato sinistro di Istiklal Caddesi la strada che delimita il quartiere troverete il Balik pazar (il mercato del pesce), Cicek Pasaji (galleria dei fiori) e soprattutto la Nevizade Sorak, il più famoso posto di ristorazione di Istanbul per i turchi, che servono ogni varietà di antipasti e pesce fritto. Se invece amate la quiete risalite la Istiklal Caddesi verso Piazza Taksim e perdevi nelle vie adiacenti potrete cosi scoprire il meglio di Istanbul.

Negozi di tappeti: A La Turca, Faikpasa Sorak 4,Il negozi di tappeti ideale per acquistare un kilim originale dell’Anatolia

Antiquari: Samdan, Altipatlar Sorak 20 - Hikmet e Pinar, Cukurcuma caddesi 74- Anadol Antik, turnacibasi sorak - Galery Alfa, Faikpasa sorak 47

Un grande magazzino: Vakko , Istiklal Caddesi 123

Alloggiare : Bahar appartment Istiklal caddesi 61 tel 212 2450772 fax 212 2441708, Hotel residence , Albergo d’epoca Pera Palace

Mangiare:
- Boncuk Restaurant 212 2431219 novizade sorak , è un ristorante misto armeno e turko, non perdetevi il topik, (antipasto con ceci, pistacchi, cipolla, uva sultanina, cumino) e il Borek
- Haci Abdullah, Sakizagaci caddesi 17, antica locanda del 1888, servono tutti i piatti tradizionali, notissimo il dessert Kunefe una pasta di grano sbriciolata con pistacchi, miele e zucchero.

mercoledì 17 settembre 2008

Italia Nostra: Paesaggi Sensibili

Il 20 Settembre 2008, l'associazione Italia Nostra lancia la campagna nazionale “paesaggi sensibili” , un iniziativa nata per promuovere la conoscenza del territorio italiano. Una nuova modalità per ri-lanciare la tutela del paesaggio, poichè colline vallate e pianure, coste e vette alpine, laghi e fiumi, pinete e aree agricole, parchi archeologici ville storiche e borghi antichi sono gli elementi costitutivi di un patrimonio architettornico e ambientale di indiscutibile valore sono sempre più a rischio. Il 20 settembre 2008, vuole essere un giorno alla scoperta di “paesaggi sensibili” , cinquanta tasselli di un patrimonio, per fare conoscere i valori del nostro territorio. Si va dallo Stretto di Messina all’Appia Antica, dalle Cinque Terre alla Murgia materana, dal Delta del Po alla Necropoli di Tuvixeddu, Italia Nostra invita i cittadini a appropriarsi del paesaggio attraverso passeggiate, escursioni in battello, escursioni in barca o in treno.
Noi di turismo lento non potevamo non aderire a questa iniziativa, tuttavia nel rilevare che esistevano leggi e strumenti, che avrebbero dovuto tutelare il paesaggio come la legge Galasso e l'impatto di valutazione ambientale ma però sono stati deligittimati e dimenticati a favore di una politica di speculazione immobiliare. A tutti buon weekend.
Info: Italia Nostra Paesaggi Sensibili

mercoledì 10 settembre 2008

Il cammino più antico: il percorso della transumanza in Val Senales

Ogni anno seguendo un antica tradizione, migliaie di pecore in primavera partono dalla Val Senales verso i pascoli austriaci e alla metà di settembre fanno rientro in Valle dove si celebra una gran festa. Un weekend da turismo lento, si tratta di un percorso spettacolare che in questa occasione è possibile percorrerlo insieme ai pastori e fare festa al rientro i giorni 13 e 14 settembre . Si tratta di un antica via, di grande tradizione già presente nel 1357, ma da quando nel 1991 due escursionisti ritrovarono il corpo di Otzi, la mummia conservata nel Museo Archeologico di Bolzano a temperatura controllata, prende più consistenza la tesi che questa transumanza risalga alla preistoria tra il Neolitico e era dei metalli, segnando questo cammino come uno dei più antichi conosciuti.

Il 13 Settembre il percorso viene fatto dalla malga Niedertal con partenza di buon mattino, attraversamento al Rifugio Similaun (3019 m.) presso il Giogo Basso alle ore 10 circa, arrivo delle greggi a Vernago al lago (1700 m.) tra le ore 12 e le ore 13. Un percorso di otto ore con un dislivello di 1500 m .

Il 14 settembre, un altro gregge parte dal maso di Rofen, passa per Giogo Alto, e giù verso Maso Corto, arrivo delle pecore attorno alle 15-16 del pomeriggio, sempre di circa otto ore con un dislivello di 800 metri . I percorsi di andata di può fare il primo giorno, potete pernottare pressi i rifugi e malghe e tornare il giorno dopo, utilizzando un percorso per andata e l'altro per il ritorno, in genere i cammini sono praticabili fino al massimo alla metà d' Ottobre, dipende dal tempo e dalle neve. Per chi invece non vuole camminare sulle vette delle montagne può tranquillamente attendere l'arrivo del gregge a Vernago o Maso Corto, degustando le specilità locali dai canederli o i dolci tipici come Schneemilch fatto con pane bianco, latte, uva passa, pinoli, zucchero e buccia di limone.
Il programma sul sito istituzionale dalle valle qui altre informazioni sulla Val Senales , per i più sportivi da Naturno in Bicicletta con la Otzi Bike Accademy, potete vedere i percorsi su Via-Alpina

Food festival autunno 2008

La fine dell'estate coincide con inizio dell'autunno e con gli eventi dedicati al cibo, ho sezionati quelli che ritengo più interessanti per la nostra logico di andare lentamente.

Pizzafestival a Napoli, 11-21 settembre

Napoli e dove la pizza è nata è una festa popolare . Si può arrivare in treno da tutta Italia, tanti bad and breakfast, dove trovare un ospitalità napoletana o un'ospitalità religiosa presso casa del monacone, annessa alla seicentesca basilica di Santa Maria della Sanità.

I prossimi appuntamenti

I primi d'Italia Foligno Italia 25-28 Settembre

Festival del tartufo, Alba, Italy 4 Ottobre-9 Novembre

Slow Food Festival, Il salone del gusto,Torino, 23-27 Ottobre

Merano Wine Festival & Culinaria, Merano, 8-10 Novembre

mercoledì 3 settembre 2008

Turismo Lento in mare: pescaturismo, tutti i barca con i pescatori

Si gettano le reti insieme a chi lo fa di mestiere, si gusta il pesce freschissimo, si vive l'avventura del mare, un nuovo modo per avvicinare le persone al mare e alla pesca. Trascorrere spensierate giornate a bordo di pescherecci e gozzi, osservare i pescatori i loro gesti i metodi di cattura, fare il bagno in calette nascoste, riscoprire ciste e borghi marinari, in altre parole questo è Pesca Turismo, un' attività ricreativa che si svolge a bordo delle imbarcazioni della pesca artigianale. Volta alla diffusione della cultura del mare e del patrimonio di conoscenze e saperi legati ai mestieri e alle tradizioni marinare, nasce come opportunità di integrazione del reddito dei pescatori, che possono ospitare a bordo dei pescherecci un certo numero di persone diverse dall’equipaggio. Settembre è poi il periodo della apertura della pesca dopo la ferma estiva in molte zone, le giornate sono ancora belle.

Tutte le regioni hanno Cooperative di Pescaturismo, sono le stesse cooperative di pescatori del luogo queste piccole segnalazioni sono quelle da me effettuate.

Capri, tutto quello che c'è a Capri sa di già visto e di turistico, la pescaturismo no, riporta alla motivazione originaria, la bellezza del mare e della natura come la costa dell'Oasi protetta della Riserva Marina di Punta Campanella immersa in uno scenario fantastico, incontaminato e mitologico. Si impara quali sono le vere specie ittiche della zona e come prepararle. info@caprirelaxboats.com

Camogli (Liguria) Cooperativa PESCATORI CAMOGLI, Via Della Repubblica 140 16032 CAMOGLI - GE, contattare Sig. Mario Mortola Tel 0185 772600 - fax 0185.772691
copescamogli@libero.it

Scardovari (Rovigo)Cooperativa FRA PESCATORI DELL'ADRIATICO, Viale della Repubblica n. 8 45010 SCARDOVARI - RO, contattare il sig. Cesare Vendemmiati tel. 0426 389287 - 328 2174089 coopadriatico@virgilio.it