lunedì 27 aprile 2009

Il lato dolce di Vienna: la sacher torte

Il lato dolce della vita va colto sempre, anche stando seduti al tavolo di un bar e vedere il via vai, Vienna è una destinazione interessante per un turismo lento ma anche per qualche peccato di gola e Vienna in pasticceria fa rima con sacher torte, che ha lasciato un impronta nella storia della città di Vienna tanto da potere essere considerata alla pari di altre espressioni d'arte. Nei libri di cucina viennesi del Settecento e dell'Ottocento si trovavano più ricette di dolci , ma a Vienna costituivano allo stesso tempo, sia espressione di nobiltà, che di rispetto osservanza cattolica nei giorni di magro.
Siamo nel 1832, Vienna è la capitale dell'impero austro-ungarico. Qui alla corte del principe cancelliere austriaco Klemenz Wenzel Lothar von Metternich Winnesburg, lavorava il pasticcere Sacher. Metternich era famoso come goloso di cioccolato. Sacher, inventava ogni giorno una creazione diversa, ma senza suscitare entusiasmo, cosi Sacher pensò di creare una torta leggera: la Sacher Torte, un composto di farina, uova, zucchero e cioccolato con marmellata di albicocche. La fama della torta di cioccolato della casa Metternich, si sparse in pochi anni in tutta Vienna.

Nel 1866 insieme al figlio Edward Sacher aprì un albergo che divenne tra i più noti di Vienna, che contribuì alla fama della torta al cioccolato fuori dei confini della città. Due pasticcerie conservano la ricetta originale Hotel Sacher in Philarmonickerstrasse e la pasticceria Demel in Kohlmarkt 14, a voi a scoprire quale è la migliore.

9 commenti:

  1. Buona!!!!! Potessi prenderne una fetta di quella che vedo nella foto sic.... :-)))

    RispondiElimina
  2. Gianna.Aliverti28 aprile 2009 10:41

    le ho provate, le ho provate tutte e due! preferisco la sacher dell'hotel sacher è meno secca e la servono con la panna montata, per chi è goloso si può ordinare anche on line, ma hanno aperto un negozio a Bolzano originale sacher in piazza walter

    RispondiElimina
  3. oH CaVoLo! Carmine continuo a passar di qua solo per guardar la torta! ma te dovevi proprio farne un post??????? è un attentato alla mia persona!!!!!!!!!!!!!!!!

    baci

    Ale

    RispondiElimina
  4. appena andrò a Vienna, non mancherò di assaggiarla :)

    RispondiElimina
  5. ci andrei anche solo per una fetta di quella meraviglia! :-)

    RispondiElimina
  6. deliziosa questa torta....buona giornata
    Annamaria

    RispondiElimina
  7. Ricordate la famosa scena di "Bianca" in cui Moretti si scandalizza perché il padre di una sua alunna non ha mai sentito nominare la Sacher torte? Ecco, per me chi non la conosce è un tipo che "ama farsi del male"!!! :-)
    buoni peccati di gola, slow, i migliori senz'altro! ;-)

    RispondiElimina
  8. Passo per l'ennesima volta! ho deciso di chiedere l'oscuramento del tuo blog: deciditi o metti un post nuovo senza foto di Sacher oppure prenderò provvedimenti!!!
    ... è una condanna caro Carmine! non sai quante volte sono entrata qui a guardare la foto!!!!!

    buon Primo Maggio!!!

    Ale :-)))

    RispondiElimina
  9. "(..)Il lato dolce della vita va colto sempre, anche stando seduti al tavolo di un bar e vedere il via vai(...)"
    Esatto: questa è la mia idea di turismo... anzi la vita dovrebbe essere così... fatta di pigra, ma vigile, osservazione... (sapevo che avrei trovato Vienna qui da te!)

    RispondiElimina