mercoledì 30 settembre 2009

Le dieci cose che un turista lento non dovrebbe mai fare


ANDARE A VEDERE UNA GARA DI FORMULA UNO ALL’AUTODROMO DI MONZA
L’ odore di benzina, il rombo dei motori, vi faranno male le orecchie, non si saprà cosa succede in pista , tutti cercheranno di coinvolgervi in una discussione sui cambi e sui motori. Unesco ha valutato l’impatto ambientale di una gara di formula uno alla presenza di un disastro ambientale. Autodromo di Monza

SALIRE SULL’EVERESTChi oramai non va sull’ Everest ? Sembra un autostrada, non passa estate che non c’è qualcuno che manda una bella foto dal tetto del mondo, attenzione le condizioni sono molti difficili sono almeno duecento i morti, si rischia di scalare dei cadaveri congelati su una montagna di rifiuti, se amate la montagna non fatelo, si possono fare delle vacanze in montagna avventurose anche in modo diverso

VISITARE ISOLA DI PASQUA
Isola di Pasqua è lontana dalla costa cilena di almeno 1200 miglia sono distanti almeno 5 ore , i voli non sono frequenti, l’isola non offre molto non c’è nulla da fare le statue sono difficili da raggiungere ma vista una le hai viste tutte. Avete presente quanto costa andare all’isola di Pasqua in termine di Co2? Gotevela on line!

NUOTARE CON I DELFINI
I delfini sono belli in mare aperto sono anche dei incredibili cuccioloni, ma pensateli tutti i giorni in spazio chiuso di un acqua park costretti a ballare, a uscire e mettersi in posa per una foto . I delfini vanno osservati e rispettati in mare aperto. Sono amichevoli se avvicinati in mare aperto in modo appropriato per non fargli male ma all’interno di un parco di divertimento forse non gradiranno molto la vostra presenza, se proprio volete nuotare per farvi una foto con qualche pesce bello grosso, provate con gli squali.

SPORT EXTREMO
Fare un viaggio del mondo in bicicletta senza manubrio, fare un viaggio in bicicletta senza sellino, fare un viaggio in bicicletta con una sola ruota, girare il mondo in vespa, tuffarsi dalla cima di una montagna per fare paracadutismo, buttarsi giù da una montagna su una cesta, tutto quello che rientra nello sport estremo non è turismo lento anche non è un mezzo veloce.

ANDARE A VEDERE LA MONNA LISA A PARIGI
Stare in fila per vedere il quadro di Leonardo Da Vinci, la più famosa creazione del Louvre non è più eccitante di fare la fila al check-in per un aereo o alla cassa da Macdonald , alla fine lo si potrà vedere da lontano è molto piccolo, portevi un binocolo tempo concesso massimo 15 secondi. Una delusione forte.

CORRERE CON I TORI A PAMPLONA
È lo spettacolo più penoso che abbia mai visto in vita mia, vedere correre dei tori su delle strade stretto e affollato una sofferenza, vedere dei ragazzi sfidare i tori per dimostrare la loro virilità, ci sono dei luoghi e dei momenti più adatti, comprendo la tradizione, la ricerca di emozioni vere te la dà la vita.

FARE IL BAGNO NEL GANGE
Comprendo coloro che vedono Benares come una meta spirituale , ma il Gange è in India la più grande fogna a cielo aperto, se cercate di farvi assolvere i vostri peccati, cercate un altro modo, cosi rischiate di peggiorare la situazione, ho rispetto per le religioni, ma l'odore che emana l'acqua a Benares, sono certo vi distoglierà da qualsiasi intenzione.

CELEBRARE IL SOLSTIZIO D'ESTATE A STONEHENGE
Cercare il legame con i nostri antenati del passato è una ricerca molto personale fare questo pellegrinaggio annuale in pullamn e macchina fotografica è una farsa priva di senso. Il significato non lo conosciamo, i druidi probabilmente si e dei druidi noi non siamo .

ANDARE AL POLO NORD
Per molti il Polo Nord rappresenta l'estremo dell’ esperienza umana, uno dei pochi posti dove non c’è né la pizza né McDonald's. Ma rischiate di scoprirete che è freddo, senza vita e sopratutto non c'è niente da vedere km e km di ghiaccio. Questa esperienza si può essere ricreare anche altrove non serve arrivare fino lì.

sabato 26 settembre 2009

Weekend da turismo lento : Festival della letteratura di Viaggio II° edizione 24-27 Settembre Roma


2° Edizione del Festival Letteratura di Viaggio a Roma, organizzato dalla Società Geografica Italiana ( è un istituto culturale fondato nel 1867, è sede di Eugeo, rete delle società geografiche europee) e da Federculture (l'associazione nazionale dei soggetti pubblici e privati che gestiscono le attività legate alla cultura, allo spettacolo ed al tempo libero) con il contributo tecnico e culturale dei Viaggi dell’Elefante, saranno infatti presenti le opere di David Roberts e gli acquerelli di Stefano Faravelli nell’ambito della mostra “Viaggio in Egitto” ospitata al Tempio di Adriano in Piazza di Pietra. Per tutta la durata del Festival della letteratura di viaggio, i visitatori potranno scoprire la Biblioteca del Viaggiatore di Enrico Ducrot, che esporrà alcuni dei volumi della collezione privata di libri di viaggio della Famiglia Ducrot, nella sede della manifestazione, Palazzo Mattei in Villa Celimontana.
Un programma ricco di incontri per turisti viaggiatori e anche per turisti lenti come domenica nella sezione Reportage e letteratura curata da Giovanna Zucconi :
ANDAR CAMMINANDO
Incontro con Fabrizio Ardito, giornalista, Enrico Brizzi, scrittore, Alfredo Conde, scrittore, Carlo Infante, libero docente di performing media, Christopher Somerville, scrittore e giornalista Daily Telegraph, Sergio Valzania, dirigente Radio RAI. In collaborazione con Cammini d'Europa.
IL DISEGNO DEL MONDO
La Malesia di Hugo Pratt, la Praga di Vittorio Giardino, l'Iran di Marjane Satrapi, il Libano di David PolonskyIncontro su Emilio Salgari e Hugo Pratt. Con Alfredo Castelli, autore di fumetti, Simone Romani, editor Rizzoli Lizard. Intervengono Carlo Bazan e Corinne D'Angelo, cultori salgariani. Conduce Ugo G. Caruso
Il Festival si può seguire anche su You tube, Info: Festival della Letteratura di Viaggio
Sabato e Domenica 26-27 Settembre sono le Giornate Europee del Patrimonio un weekend speciale con aperture dei musei serali e tour organizzati gratuitamente un invito a scoprire i tesori vicino casa info Ministero Beni Culturali eventi suddivisi per regioni, Buon Weekend

giovedì 24 settembre 2009

Oktoberfest a Monaco da Turismo Lento fino al 04.10.2009


Ultimamente leggo sempre di più riviste e giornali dove si cerca di fare passare il turismo lento come turismo verde da fare nei parchi, come il turismo di prossimità il turismo vicino casa, non è cosi, fare turismo lento non è la negazione del viaggio. Prendiamo per esempio l'Oktoberfest, un evento che richiama turisti da tutto il mondo, lo possiamo vivere anche lentamente.
Monaco è una della città meglio organizzate d'Europa, con servizi di prima qualità che ne fanno una delle mete di turismo lento e mobilità sostenibile, una rete di servizio pubblico di trasporti che funziona anche durante la notte, una citta che ha le corsie peferenziali per le biciclette, sistema di noleggio di bici, Hotel a basso impatto ambientale ma anche Bad and Breakfast.
Arrivare a Monaco : è comodamente reggiungibile per treno, il treno inquina il 70% meno dell'automobile) da diverse città italiane per informazioni Ferrovie Tedesche (biglietti in offerta a 29 euro su trenitalia) e possibile arrivarci anche in autobus con le linee eurolines, consulate sul sito gli orari, nessuna necessità di usare l'aereo o la propria automobile.
Muoversi a Monaco: un ottimo servizio di autobus e metropolitana, biglietto giornaliero è di 5 euro, ma potete acquistare anche una card se vi fermate diversi giorni. Monaco in bicicletta diversi tour sono organizzati e anche sono noleggio con alberghi attrezzati da Mikesbiketours informazioni anche da Munichwalktours
Dormire: camere private , o anche appartamenti, Ostelli della gioventù, io vi segnalo due alberghi i miei preferiti Deutsche-Eiche vicino il virtual market e Advocat.
Monaco non è solo Oktoberfest ma anche musei, pinacoteca d'arte moderna, shopping, mercatini.
Info Ufficio del turismo Monaco , Oktoberfest,
Come arrivare all'Oktoberfest: la sede è il parco Theresienwiese. Per raggiungere il luogoo conviene utilizzare le due linee della metropolitana (U-Bahn) che portano direttamente U4 o la U5, e scendere alla fermata 'Theresienwiese'. Durante i weekend l’ultima corsa parte intorno alle due dopo ci sono bus notturni.
I tavoli per Oktoberfest si possono prenotare, cosi non dovete attendere anche su internet guardate qui, con precisione germanica troverete il tavolo libero all'ora che desiderate.
Come vedete si può praticare un turismo lento anche all'interno di un evento di grande richiamo è diversa la modalità di arrivo e di come si decide di trascorrere la vacanza, nessun luogo è meglio o peggio di un altro sia vicino che lontano.

domenica 20 settembre 2009

Il cammino più antico d'Europa: la transumanza in Val Senales

Ripropongo il viaggio dello scorso anno in Val Senales, che quest'anno non posso fare per via della riabilitazione a causa della rottura del legamento del ginocchio, alcuni lettori so che sono già lì (a Mauro, Gianna e Company non fatemi fare brutta figura!). Le immagini di questo percorso sono state riprese magistralmente dal fotografo Mauro Gambicorti.
Il percorso è quello seguito dalle pecore dai pascoli austriaci fanno ritorno dopo la stagione estiva in Val Senales dove si celebra una gran festa. Un percorso spettacolare, storico ed emozionante un antica via già nota nel 1357, ma da quando nel 1991 due escursionisti ritrovarono il corpo di Otzi, la mummia conservata nel Museo Archeologico di Bolzano a temperatura controllata, prende più consistenza la tesi che questa transumanza risalga alla preistoria tra il Neolitico e era dei metalli, segnando questo cammino come uno dei più antichi conosciuti.
Il 19 Settembre il percorso viene fatto dalla malga Niedertal con partenza di buon mattino, attraversamento al Rifugio Similaun (3019 m.) presso il Giogo Basso alle ore 10 circa, arrivo delle greggi a Vernago al lago (1700 m.) tra le ore 12 e le ore 13. Un percorso di otto ore con un dislivello di 1500 m .
Il 20 Settembre, un altro gregge parte dal maso di Rofen, passa per Giogo Alto, e giù verso Maso Corto, arrivo delle pecore attorno alle 15-16 del pomeriggio, sempre di circa otto ore con un dislivello di 800 metri .
Il programma sul sito istituzionale dalle valle qui altre informazioni sulla Val Senales , per i più sportivi da Naturno in Bicicletta con la Otzi Bike Accademy, potete vedere il percorso su Trekking Alto Adige

venerdì 18 settembre 2009

In viaggio senza impronte, racconti di viaggi sostenibili a Bologna 18-19 Settembre 2009

Viaggiare senza danneggiare l’ecosistema è uno degli obiettivi di Turismo Lento. A questo obiettivo puntano tutti i segmenti del turismo sostenibile. Racconti di viaggi fanno parte della sezione “In viaggio senza impronte”, che si svolgerà a Bologna sabato 19 settembre nell’ambito del Festival dedicato ai Stili di Vita "imparare a stare al mondo" , fa parte del progetto “Pedalando per Kyoto” promosso da Regione Emilia-Romagna e Comune di Bologna.
Interverrano con la loro testimonianza di turisti sostenibili, Matteo Scartabelli, che ha girato i paesi sul mare mediterraneo in bicicletta, Mauro Pastonesi, che ha seguito il giro ciclistico del Burkina Faso, Claudio Visentin racconterà del suo viaggio in Abruzzo a dorso d’asino, gli skipper di Alisei, illustreranno come navigare senza a basso impatto ambientale.
Appuntamento presso l'Auditorium Enzo Biagi di Sala Borsa (p.zza Nettuno 3, Bologna) dalle 10,30 alle 12,30. Per maggiori informazioni e per la prenotazione gratuita è possibileconsultare il sito Er-consumabile, Centro studi ambientale Antartide

martedì 15 settembre 2009

Il mare di Settembre: la costiera amalfitana in barca

Settembre è il mese ideale per godersi il mare, una vacanza senza fretta, senza traffico, senza folla, settembre il mese migliore per le vacanze slow. Il mese per le vacanze di qualità, le giornate sono ancora calde e questa volta voglio suggerire una meta classica, si perché fare turismo slow non è solo una questione di destinazione ma di periodo. Località classiche affollate a caotiche d'Agosto tornano "slow" a dimensione d'uomo qualche giorno dopo, cambiano fisionomia doventano slow e anche low cost questa volta ho scelto la Costiera amalfitana.

Lungo la Costiera Amalfitana, una costa lunga venti miglia di una bellezza unica, dal mare la vista è ancora più bella ai nostri occhi marine, spiagge e torri d’avvistamento, da Sorrento ti porta fino ad Amalfi, quello'ospitalità a filo dell'acqua che ti fa sentire parte di quell'ambiente unico. Un sogno costeggiare gli isolotti di Li galli, la Baia delle Mortelle, la Baia di Puolo, fra l'azzurro del cielo e colore blu cobalto del mare.

Raggiungere la Costiera Amalfitana in treno: da Napoli, Circumvesuviana, corso Garibaldi 387, partenze ogni mezz’ora con capolinea a Sorrento,.Via mare: da Napoli, numerosissimi collegamenti con aliscafi o traghetti. Consultare orari e collegamenti su Metro del mare e Lauro . Noleggiare magari un gozzo sorrentino presso Amalficharter, Masticello boat service, Gisalnautica. Ufficio del turismo: Positano, Sorrento, Amalfi.

Potete godervi la costiera amalfitana anche in bicicletta o ancora meglio lasciare qualsiasi mezzo e fermarsi in una località per il tempo che volete a vedere il mare, siamo certi che non vi annoierete.
Ospitalità scegliete quello che più vi piace preferendo se siete viaggiatori slow i bad and breakfast, country resort o appartamenti.
Articoli collegati Il sentiero degli dei, Amalfi destinazione Slow
Immagine: tratta dal sito Sorrentotourism.com

venerdì 11 settembre 2009

Borghi da gustare in Liguria dal 12 Settembre al 20 Dicembre

Fonte Immagine tratta dal sito www.ponenteligure.it/zuccarello
Un evento che sia apre a fine estate e che conduce fino a Natale, un invito a cogliere la fine dell'estate e l'autunno dell'entroterra ligure, un viaggio alla scoperta della liguria meno nota ma non meno interessante ma dai sapori unici. Piccoli paesi dove è possibile fuggire per godersi il suono del silenzio, un ritmo lento, passeggiando sull'acciottolato di antiche creuze. Borghi dove è doveroso concedersi una sosta in una trattoria per conoscere la cucina del territorio, semplice ma gustosa più di terra che di mare.
Tra i comuni che partecipano Apricale, Brugnato, Castelnuovo Magra, Cervo, Dolceacqua, Finalborgo, Noli, Santo Stefano d'Aveto, Sassello, Tellaro, Triora, Varese Ligure, Vernazza e Zuccarello si può pernottare, cenare e fare colazione nei bed and breakfast, alberghi e agriturismo convenzionati al prezzo speciale di 40 euro al giorno. per scoprire tutti i comuni andare sul sito ufficiale turismoinliguria.it della regione alla sezione turismo.
Nelle pagine del sito regionale dedicato al turismo è possibile consultare una cartina attraverso la quale scegliere il borgo nel quale soggiornare e selezionare la struttura ricettiva tra quelle che aderiscono all'iniziativa.

domenica 6 settembre 2009

Paesi Slow : Barbiano, zwetschken woche (la settimana della prugna) 6 Settembre -12 Settembre

Ci sono dei paesi speciali, piccoli anzi piccolissimi che racchiudono un mondo tutto loro, delle oasi di pace tranquillità. Uno di questi e Barbiano in valle d'Isarco, tra Bolzano e Chiusa, è famoso nell'Alto Adige per il suo campanile "storto" della sua chiesa, un po' come Pisa, il paese si offre come punto di partenza per escursioni a piedi o in biciletta per tutta la valle d'Isarco, è bel collegato con gli altri paesi e località dell'Alto Adige grazie alla Mobil Card, è possibile trascorrere una vacanza senza utilizzare l'automobile. Barbiano è un paese dove la cultura del maso, dell'agricoltura, dell'ospitalità e dell'ambiente ha un valore importantissimo. Noterete appena arrivati in paese le coltivazione delle mele, i filari d'uva, gli alberi di ciliegie, alberi di pere, alberi di prugne. Un occasione per scoprire questo delizioso paese è la settimana dedicata alla prugna di produzione locale, dal 6 settembre al 13 settembre i ristoranti, alberghi e masi proporanno nel loro menù le prugne di Barbiano e le specialità locali a base di prugne come lo strudel.

Partecipano all'iniziativa: Gastof Messerhof, il località dreikirchen/tre chiese, a 45 minuti di cammino dal paese, Gasthof Zur Traube in paese dopo la chiesa a destra, si sale al primo piano c'è una bella terrazza, gasthof Rosslwirt nella piazza del paese, Gasthof Saubacherhof, maso Gostnerhof e il maso Unteraichrhof del 1350. Mi permetto di sottolineare la qualità, la genuinità e la tipicità delle ricette nei luoghi di ristorazione in tutto il paese, che invece altre località dell'Alto Adige hanno perso.

Nella frazione di Saubach il giorno 6 Settembre si tiene nella mattina una festa che darà inizio all'evento con un concerto di musica alle 10,30 e alle 14,00 degustazione del tipico zwetschkenstrudels.
Ricordate che la fine dell'estate e l'autunno è il periodo migliore per venirci infatti a breve inizierà il torggelen con l'assaggio del vino nuovo e la raccolta delle castagne.

venerdì 4 settembre 2009

In treno nelle riserve naturali della Sicilia


Conoscere la Sicilia da un finestrino del treno, un viaggio di turismo verde, un occasione per coniugare viaggio in treno un po retrò ma anche una modalità per conoscere le riserse naturali siciliane, un connubbio indovinato, una sicilia poco nota ma molto interessante dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, un viaggio originale per l' autunno che in sicilia vuole dire un prolungamento della stagione estiva, ecco le date
- il 20 settembre con partenza da Palermo e arrivo a Caltanissetta per la visita alla riserva di Monte Capodarso e Valle dell’Imera Meridionale, gestita da Italia Nostra.
- il 4 ottobre la partenza è da Catania con destinazione Caltagirone per la visita alla riserva del Bosco di Santo Pietro.
- il 18 ottobre si parte da Agrigento per Cammarata S. Giovanni Gemini per la visita alla riserva di Monte Cammarata e Fondo Salaci.

Il trasporto viene garantito da un treno storico siciliano con composizione di tre carrozze centoporte di terza classe nella livrea bicolore in castano ed isabella degli anni ’50. Le riserve sono dei lughi unici ricchi di flora e fauna mediterranea, la riserva di bosco san pietro ha un bosco di quercie da sughero di grande valore.
Per informazioni sui prezzi e prenotazioni: tel.091.7304948.
“Treni Storici in Sicilia 2009 - In treno nelle riserve” è inserita dall’assessorato regionale al turismo nel progetto “Turismo Verde” ed è sviluppata dall’Associazione Treno D.O.C. di Palermo in collaborazione con Trenitalia Direzione Regionale Sicilia.