lunedì 22 febbraio 2010

Sulle traccie di Chopin a Varsavia

Come lui stesso disse "Sono varsaviano di nascita, polacco nel cuore e cittadino del mondo grazie al mio talento" quest'anno si celebra il 200° anniversario della nascita del compositore polacco più famoso. Una vita breve mori a 39 anni ma che ha lasciato un segno in tutti i polacchi e in tutti i cultori della musica. Non si può capire la musica di Chopin senza vedere Varsavia, senza conoscere i polacchi.

Anche se inverno e c'è la neve le mura completamente ricostruite hanno mantenuto un fascino inimitabile. Il centro storico di Varsavia sembra che in ogni strada ci sia il suo lato oscuro, la sua storia è il martirio della storia europea, annientata dai nazisti, dai russi e dei socialisti, ora sembra risorta a una nuova vita. I polacchi parlano del tempo come della storia con un misto di malizia e di fatalismo.

Per trovare le tracce di Chopin, dobbiamo recarci nel centro presso Il Castello Ostrogski al 1 della via Okolnik sede del Museo Frederic Chopin fondato da rappresentanti di spicco del cultura intorno negli anni '30, hanno iniziato la collezione con l'acquisto di diversi preziosi manoscritti dai parenti del compositore. Oggi è la collezione più grande del mondo. Manoscritti, stampe commemorative, ritratti, manifesti, libri, riviste, appunti e una collezione sonora e visiva

La giovinezza di Chopin sarà stata caratterizzate da più chiese ma la “sua” era la Chiesa di Santa Croce, dove il cuore del musicista è stato chiuso. Il compositore non poteva essere sepolto nella la sua patria, dopo la rivoluzione del 1930, cosi la sorella del compositore Ludwika, compiendo il suo ultimo desiderio, ha portato il suo cuore a Varsavia. Qui in un pilastro a sinistra della navata centrale dietro l'iscrizione "dov'è il tuo tesoro li si trova il tuo cuore". La chiesa barocca è uno dei più importanti siti storici di Varsavia.

Anche se chiesa è copia dell’originale non è difficile pensare a Chopin nella sua giovinezza, nella cultura cattolica di Varsavia, la Messa non è un optional, è un appuntamento fisso, dove tutti hanno il loro posto fisso, un rito a cui sicuramente Chopin ha partecipato. Uscendo dalla chiesa, le famiglie che non hanno paura di sfidare il freddo vanno nel grande Parco Lazienki. Al centro di questo parco di 74 ettari di statua di Chopin, eretto da Waclaw Szymanowski .

Nonostante 10 ° C sotto lo zero, gli uccelli vagano placidamente. Quattro di loro sono appollaiati su un balconcino in ferro battuto. Famiglie a piedi, i bambini mangiano cialde, è Domenica ..... Nell'aria echeggia la musica di Chopin, le cui dolce note ci scaldano più di un leggero raggio di sole.

Altri luoghi di Chopin :
-Frederic Chopin Music University in Via Okólnik 2, la scuola di musica alui dedicate
-Chopin appartamento, dove lui ha vissuto prima di vivere all’estero, si trova in Czapski Palace al 5 Krakowskie Przedmieście . Attualmente appartiene all' Accademia di Belle Arti. Contiene arredi e gli strumenti tra cui un pianoforte. La mostra è completata da ritratti tra cui quelli dei genitori di Frederic Chopin e i loro figli.
-La chiesa di San Giuseppe Visitation 34 Krakowskie Przedmieście dove suonava tutti i giorni l’organo.

Per saperne di più : Nifc.pl,
Warsawatour.pl, Polonia.travel,
Raggiungere Varsavia:
Lot Linee aeree Polacche collegate con i principali aereoporti italiani con Alitalia, in treno Varsavia è collegata con Berlino in 6 ore e Vienna in 8 ore.
Informazioni dettagliate : Ufficio Turistico Polacco via G.B.Martini 6, Roma tel. 06 4827060 fax 06 4817569
Guida interattiva da scaricare Sulle orme di Chopin

6 commenti:

  1. Stupendo viaggio, come sempre!!!

    RispondiElimina
  2. un viaggio per appassionati di musica

    RispondiElimina
  3. ma ci sei stato Carmine?
    Queste città sono i posti che amo visitare :-) ho degli amici che alla fine di aprile andranno a Varsavia ....deve essere proprio bella da visitare.

    ciao! Ale

    RispondiElimina
  4. questo si, purtroppo il tempo è stato inclemente, è nevicato per due giorni di seguito, solo ultimo giorno un po di sole.
    Ps non tutti i viaggi che consiglio, alcuni sono una selezione delle proposte che mi inviano che metto insieme ai miei ricordi di luoghi in cui sono stato

    RispondiElimina
  5. nevicava così tanto da "interferire" con la visita? ...peccato!
    in questo post si intuiva una tua visita della città è per questo che te l'ho chiesto.
    ciao!!!
    Ale

    RispondiElimina
  6. non conosco la polonia ma mi incuriosisce molto, ciao e complimenti

    RispondiElimina