martedì 22 ottobre 2013

Venaria Reale: Carrozze Reali, cortei di gala di Papa, Principi e Re


All'interno del complesso di Venaria Reale e precisamente nella Citroneria è stata aperta una mostra di dieci meravigliose carrozze risalenti al XVIII° e al XIX° secolo, sono quelle utilizzate dai Papi e Sovrani (il Re di Napoli, Sicilia e Sardegna. il Granducato di Toscana) per le loro uscite pubbliche, tra le più note il "beringotto" del 1789 di Vittorio Emanuele I e la "palombella" del 1909 della regina Margherita.
In questo stesso periodo c'è: una mostra dedicata a Il Veronese e i Bassano sui maestri veneti del Cinquecento, una mostra dedicata a Roberto Capucci e l'esposizione della Barca Sublime dei Savoia.
Per tutti coloro che per diversi motivi non si possono recare a Venaria Reale per ammirare le magnifiche opere d'arte presenti, informo che la Reggia di Venaria Reale è entrata a far parte del Google Art Project, dove possiamo ammirare i 48 capolavori esposti alla Reggia come il ritratto di Vittorio Amedeo II di Martin Van Meytens il giovane, con una vista della sale.
Ricordo che potete ammirare il giardino e gli interni della Reggia di Venaria Reale su Google Map.
Carrozze Reali: Cortei di Papa Principi e Re. Alla Reggia di Venaria Reale in esposizione fino al 2 Febbrario 2014 info: 011 4992333
Raggiungere Venaria Reale: dista 10 km dal centro di Torino, c'è il Venaria Express che parte da Corso Stati Uniti angolo Corso Re Umberto e conduce a Venaria Reale Borgo Castello al costo di 3 euro solo a e 5 euro a/r, otto corse al giorno partenze il primo alle 8,30 l'ultimo alle 18,30.





16 commenti:

  1. Rimango sempre stupefatta dalla ricchezza di opere d'arte (non solo dipinti e sculture) che il genio italiano ha saputo creare nei secoli. Una mostra davvero interessante; ti ringrazio di aver segnalato l'opportunità, per chi non può raggiungere Venaria Reale, di visitarla senza muoversi da casa.

    RispondiElimina
  2. A breve riceverò ospiti a Torino, grazie per l'idea, li porterò senz'altro a Venaria!

    RispondiElimina
  3. Caro Carmine, i ci sono stato a Vanaria con i nostri alpini di Zurigo, non dimenticherò facilmente quanto ho visto! Uno splendore di storia deoi Savoia... Ciao e buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Che bella Venaria, ci sono stata qualche anno fa e anche allora ricordo di aver ammirato una bellissima collezione di abiti! Ho sentito parlare di questa nuova esposizione che davvero mi affascina e mi incuriosisce molto!

    RispondiElimina
  5. Delle opere meravigliose, spettacolari!!! Grazie per le informazioni.

    RispondiElimina
  6. Ciao Carmine, nel passare da te e nel leggere di Venaria fortunatamente ho letto anche del taxi qui sotto, mi sono emozionata, quella donna è veramente meravigliosa, una forza della natura, sono rimasta senza parole, come lasciano sempre i gesti semplici e pieni d'amore ai quali si può solo rispondere "Grazie". Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. sono stata alla Venaria Reale e ne ho un bellissimo ricordo !

    RispondiElimina
  8. Insomma, con il beringotto e la palombella siamo in piena Belle Epoque! Un periodo storico fantastico per tanti motivi, morto o meglio distrutto dalla Prima Guerra Mondiale.

    RispondiElimina
  9. Molto affascinante. Non ci sono ancora stata...

    Baci

    RispondiElimina
  10. bellissima! l'ho visitata 2 estati fa con Dede, torinese doc!

    RispondiElimina
  11. deliziose queste carrozze e illuminata questa mostra. Fai bene a segnalarcela.

    RispondiElimina
  12. Bellissima questa reggia che ho visitato qualche anno fa e carinissimo anche tutto il paese. Mostra molto interessante.

    RispondiElimina
  13. bellissima venaria come le tantissime altre meraviglie artistiche di questa nostra "povera" nazione !!!!!

    RispondiElimina
  14. Spero di tornare da quelle parti... ci son passato tante volte da bambino e ormai mi ricordo ben poco. Un salutone, Fabio

    RispondiElimina
  15. Ciao buona domenica!

    Tiziano.

    RispondiElimina
  16. Interessante, incantevole destinazione!
    Neanch'io ci sono ancora stata...
    Buona domenica.

    RispondiElimina