lunedì 24 novembre 2014

Certosa di Trisulti, un invito e un appello speciale


Lo so che in Italia c'è tanto Patrimonio storico e architettonico che non si può salvare tutto, ma voglio fare un invito, finché sarà possibile d'andare a visitare la Certosa di Trisulti, un abbazia nella Ciociaria, nel Lazio, alle autorità competenti invece un invito a un maggiore interesse al patrimonio storico.
Alla Certosa di Trisulti mi portavano da bambino, sono sempre stato affascinato dalle sue mura, dai monaci, dal giardino molto curato, dalla ricca biblioteca e dalla vecchia farmacia.
Ho sentito dire che nella Certosa sono rimasti solo 4 monaci che con la loro pensione contribuiscono a mantenere la Certosa.
Devo essere sincero non pensavo che la Certosa fosse in condizioni precarie, pensavo che la Chiesa o lo Stato avessero provveduto al sul mantenimento, si tratta di un luogo di culto a cui le persone di più regioni e di più provincie sono interessate, come la provincia di Frosinone, l'Aquila, Isernia, i fedeli sono molto affezionati, in cui non c'era giornata io ricordo che qualcuno non saliva a trovare i monaci della Certosa.
Non so capire come mai cosa sia successo, sarà la mancanza di vocazioni, le certose sono sempre state un centro d'attrazione sia spirituale che culturale. Forse è colpa anche mia, sono venti anni che non passo più in zona, quando c'è un luogo del cuore, forse bisognerebbe ricordarselo più spesso.
Per quelli che non sanno nulla della Certosa di Trisulti, siamo nel Lazio, in provincia di Frosinone, nel comune di Collepardo, l'Abbazia attuale è stata costruita nel 1204 per volere del papa Innocenzo III, sui ruderi di una precedente abbazia, pertanto un luogo di memoria storico della spiritualità, sono tre le rilevanze storiche artiste la Chiesa di san Bartolomeo con dipinti realizzati alla fine del '700, la chiesa è stata rimaneggiata più volte da una struttura gotica ora è possibile vedere una forma e una decorazione più vicina al Barocco.
La vecchia biblioteca con 36.000 volumi storici e la vecchia farmacia dove venivano custodite le erbe e i preparati galenici preparati dai frati.
La Certosa di Trisulti fa parte del Cammino di San Benedetto, un percorso che unisca Norcia con Montecassino.
Un invito a non dimenticare questo luogo, perchè luogo di culto e patrimonio storico nazionale, un invito andarlo a vedere è l'unico modo per non farlo dimenticare tenere alta l'attenzione, mi piacerebbe che non fosse visto come luogo da salvare ma come luogo che può generare delle opportunità per il territorio per avvicinare le persone sia al sapere che alla farmacia oltre che alla spiritualità.
Mi permetto di segnalare che a Collepardo, il comune di appartenenza della Certosa di Trisulti c'è il Museo delle erbe, nel palazzo comunale e il Giardino Botanico Flora Enrico e il 23 Novembre è stato inaugurato il Museo del Caffè.  
Per saperne di più : Certosa di Trisulti.

La Certosa di Trisulti

8 commenti:

  1. E' una triste realta', ma il venire meno delle vocazioni religiose costringe a chiudere tanti luoghi di altissimo interesse spirituale e artistico. Spero davvero che questa Certosa possa tenere aperte le sue porte ancora a lungo e se ne avro' l'occasione non manchero' di visitarla e farla conoscere agli amici.

    RispondiElimina
  2. Ci sono tanti luoghi che avrebbero bisogno di restauri e manutenzioni...ma la solfa è la solita. Non ci sono soldi (o ci sono ma per strani giochetti non si possono usare) e intanto si rischia di perdere tutto. Speriamo bene! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo questa certosa, grazie per aver postato questo luogo di culto, spero un giorno di visitarla! Buona giornata, ciao!

    RispondiElimina
  4. Caro Carmine,ecco un'altra cosa che non conoscevo per niente.
    Il video è molto bello si vede quel giardino tenuto veramente bene.
    Parlando delle vocazione, purtroppo e arrivata quasi a 0 le domande di noviziato, ma stava dicendo la Vicaria delle suore a Ravenna dell'istituto Tavelli.
    Ciao e buona giornata, qui è iniziata la nebbia.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo questa piccola chicca. Davvero bella come certosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi spiace di non potere ricambiare i suoi commenti, ma il suo blog mi si obbliga a iscrivermi a un network che mi chiede all'accesso dei dati della mia posta elettronica e ai miei profili twitter e facebook, un po troppo invasivo per i miei gusti,, mi dispiace niente di personale

      Elimina
  6. un posto che non mancherò di visitare se passerò da quelle parti, sei sempre prodigo di ottime informazioni Carmine !

    RispondiElimina
  7. bella la certosa, posto da visitare senz'altro

    RispondiElimina