domenica 16 agosto 2015

In Liguria dal Sentiero Blu al Turismo Subacqueo

Oggi sempre più spesso si sente parlare di turismi, tanti segmenti di mercato che una destinazione turistica deve tenere presente per essere al centro dell'attenzione e delle scelte del viaggiatore.
Tuttavia non è sempre semplice rincorrere le motivazioni di viaggio per una destinazione che spesso con l'obiettivo di cercare d'arrivare ai più target o motivazioni creano una gran confusione.
La Liguria o meglio la riviera di Ponente e per essere più precisi Finale Ligure, da diversi anni oltre che guardare all'interno con le strade dell'olio extra vergine d'oliva e dei prodotti tipici (vino, formaggi, agrumi, pesto), offre sia percorsi in mountain bike che possibilità di fare climing, ora ha individuato un muovo segmento di mercato che guarda il mare, il turismo subacqueo; tanto che prevede di creare delle escursioni subacquee sui relitti e la scoperta della fauna e della flora lungo le coste.
Già da qualche tempo è in funzione il Sentiero blu, un sentiero caratterizzato da una profondità compresa tra 0,5 e 3 metri e segnalato da boe in superficie e sul fondale mediante una cima/cavo guida che corre in prossimità degli anfratti e dei punti interessanti.
In virtù di questa esperienza positiva si pensa di valorizzare quello che i fondali offrono come i relitti adagiati sui nostri fondali come le navi romane ad Albenga, il Ravenna a Capo Mele o la Haven tra Varazze e Arenzano, ma anche i i fondali della riserva marina protetta di Bergeggi o della Gallinara tra Alassio e Albenga.
Intanto ricordiamo che ogni mercoledì alle ore 10,00 con la Lega Navale Italiana e Salto nel blu, si tiene sul sentiero blu lo snorkeling naturalistico con biologici marini, c'è inoltre la possibilità di un corso d'avvicinamento alla fotografia subacquea.
Tutte iniziative molto originali che completano l'offerta della attrazioni di Finali Ligure e di tutta la costa di Ponente che in futuro sembra guardare più verso il mare che verso l'interno.

6 commenti:

  1. conosco, essendo piemontese, molto bene i luoghi di cui parli. consiglio di evitare luglio ed agosto, se possibile e allora sì che ci si può godere appieno la bellezza di quei luoghi :-) (diciamolo...anche costosucci....) grazie Carmine di questo post!

    RispondiElimina
  2. Sempre bella la Liguria! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  3. che bella la liguria e che prodotti magnifici ci presenta!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  4. adoro la Liguria, bel post informativo, buona settimana !

    RispondiElimina
  5. Un'iniziativa veramente unica e particolare ed interessante. Ciao Carmine!

    RispondiElimina
  6. Concordo con la tua descrizione di Finali Ligure, ben particolareggiata.
    Un punto in più a favore di questa bella cittadina è la presenza di un depuratore, cosa che in altre località balneari delle vicinanze purtroppo manca . . .

    RispondiElimina