giovedì 15 ottobre 2015

Il treno delle Castagne del Sud da Taranto a Melfi

Alla 52° Sagra della Varola a bordo del Treno delle castagne, sull'esempio del treno di Marradi per la Sagra delle Castagne che riscuote molto successo in Toscana, quest'anno per il primo anno si inaugura con la fondazione FS e la proloco di Melfi, il treno delle castagne che da Taranto alle 8,30 del mattino, poterà i viaggiatori a Melfi, alle 12,10 passando per Metaponto e Potenza, per la Sagra delle castagne o del marroncino del Vulture della Varola, il ritorno è previsto con partenza alle 17 e l'arrivo a Taranto alle 20,20
Un iniziativa che mi piace molto, perché è giusto fare conoscere la Lucania in questa modalità slow.
La festa è organizzata dalla Pro Loco di Melfi, per celebrare i sapori e la bontà del marroncino del Vulture in attesa del marchio IGP, la valle di Varola è quasi tutta ricoperta di piante di castagne, alcuni sostengono che siano state importate dall'Imperatore Federico II dalla Turchia.
La festa si tiene in Piazza Umberto I, dove da stands dalla forma di rifugi montani, vengono offerti al pubblico, il castagnaccio, i dolci di castagne, il gelato di marroni, la birra di Castagne, primi piatti con farina di castagne, primi piatti con castagne, secondi piatti con crema di marroni e perfino la pizza al marroncino della Valrola, i piatti per tradizione sono abbinati all'Aglianico del Vulture, che si produce a livello locale che in pochi anni è divenuto uno dei vini simbolo della rinascita enologica del Sud Italia. 
Un occasione per scoprire Melfi, una delle città più caratteristiche del Sud Italia, da una storia molto complessa ai Svevi, seguirono gli Angioini, i francesi, le famiglia spagnole dei Aragonesi, Asburgo, Borbone, furono anche feudo dei Doria, famiglia della Repubblica Marinara di Genova per diversi anni, tutti hanno lasciato traccia del loro passaggio.
La testimonianza più importate del passato è il Castello Normanno-svevo voluto da Federico II che fece di Melfi una delle città più importanti del suo regno. La fama di Melfi, si sviluppò in epoca medievale grazie alla sua posizione geografica, a metà strada tra la Puglia dominata dai Greci-Bizantini e i territori di Benevento e Salerno dominati dai Longobardi. Oggi Melfi offre ai visitatori uno dei borghi medievali più interessanti del Sud Italia 
Melfi può essere una gran bella scoperta dal punto di vista sia gastronomico che storico e architettonico.
Per saperne di più Proloco di Melfi per prenotazioni il treno delle castagne : prenotazioni@fondazionefs.it.


si ringrazia per la condivisione video © Sagra della Valrola utente Mirella Guida

3 commenti:

  1. Caro Carmine, che bello vedere la festa delle castagne.
    Ciao e buona notte caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Sono una bellezza queste sagre! E poi le castagne sono così buone! Mi è piaciuto moltissimo anche il video, per le immagini e per il discorso tramutato in canto.

    RispondiElimina
  3. Ed ecco che con la scusa delle castagne si possono scoprire borghi e citta' bellissime. Grazie come sempre.

    RispondiElimina