martedì 15 dicembre 2015

Adorazione dei Pastori di Rubens, Palazzo Marino Milano

Anche quest’anno a Palazzo Marino a Milano, offre la possibilità d'ammirare da vicino e a titolo gratuito un capolavoro dell'arte.
Quest'anno  la scelta è caduta su Adorazione dei Pastori di Rubens, un pittore fiammingo considerato l'anima artistica pittorica del Barocco.
L'opera è datata 1608, un periodo che Rubens trascorse in Italia, come pittore di corte dei Gonzaga a Mantova. In Italia Rubens affinò la sua tecnica pittorica e grazie ai Gonzaga venne mandato in missione in più città italiane come Venezia, Roma, Firenze, dove ebbe modo di studiare i grandi pittori italiani del Rinascimento come Michelangelo e Raffaello, ma anche i grandi pittori del '500 come Veronese, Tintoretto, Tiziano, non si può non notare nella pittura e nell'adorazione dei Pastori più che in altri l'influenza del Caravaggio, che Rubens conosce durante il suo soggiorno a Roma.
Nonostante dal punto di vista artistico lo si colloca nel Barocco, Rubens elaborò uno stile molto personale frutto dello studio dei grandi pittori italiani che lo condurrà alle grandi commissioni, della città d'Anversa, delle famiglie Nobili Genovesi, di cui produrrà una serie d'arazzi oggi visibili nel Museo di Vaduz. ma sopratutto di Maria de' Medici a Parigi, i dipinti da lei commissionati e realizzati da Rubens sono esposti oggi al Palazzo del Luxemburg.
L'adorazione dei Magi arriva dalla Città di Fermo nelle Marche dove l'opera viene conservata, originariamente pensata per la Chiesa di San Filippo Neri oggi  e visibile in forma stabile nella Pinacoteca Civica.
Quindi per tutti i milanesi e per coloro che in questo periodo passano a Milano, consiglio di fare la fila per vedere questo capolavoro dell'arte, perché le opere d'arte per comprenderle vanno viste dal vivo.
Milano, Palazzo Marino in Piazza della Scala, 2
dal 03 Dicembre 2015 al 10 Gennaio 2015, dalla 9,30 alle 22,30



6 commenti:

  1. Caro Carmine, sono passato per lasciarti un saluto.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Le luci e le ombre di questa tela...pura poesia.

    RispondiElimina
  3. deve essere davvero bellissimo! peccato la lontananza!

    RispondiElimina
  4. io, caro Carmine voto comunque per queste mete anche con la neve in montagna di cui non mi importa un fico secco :-) quindi grazie per il tuo meraviglioso post, come sempre! se non ci sentiamo più tanti cari auguri :-)

    RispondiElimina