martedì 28 giugno 2016

Syros, l'isola capitale delle cicladi



La nostra ricerca delle isole greche da proporre per una vacanza all'insegna del relax, ci ha portati a Syros, nelle Cicladi.
Il turismo ha portato a fare conoscere solo alcune destinazioni come Mykonos e Santorini, mentre c'è una maggiore possibilità di scelta in tutte le Cicladi, è stato un mio amico ad Atene, che mi dice che tutte i fine settimana lui li passa a Syros che dista solo tre ore e mezza di traghetto da Atene e per coloro che arrivano direttamente all'areoporto di Mykonos, ci sono traghetti che in 45 minuti portano direttamente a Skyros al costo di 24 euro.
Arrivando con i l traghetto sicuramente si rimane stupiti, non è forse l'isola delle Cicladi che ci si aspetta, una grande cittadina ad anfiteatro con i cantieri navali, ma questo fa parte della storia di Syros che è stato nell'800 il più grande e importante porto del Mare Egeo, ma vi assicuro che è un isola molto affascinante con dei luoghi molto belli d'ammirare.
Dal punto di vista storico Syros venne conquistata dalla Repubblica di Venezia, per essere poi conquista del 1537 dal pirata Khayr al-Din Barbarossa per nome e conto del Sultano Solimano I il magnifico, l'isola ottenne uno speciale protettorato sotto la Francia a difesa delle comunità cattoliche che si erano sviluppate ai tempi della Repubblica di Venezia, tanto che si stabilirono a Skyros le comunità dei Gesuiti e l'ordine dei frati Cappuccini.
Il periodo d'oro dell'isola fu '800 la città di Hermoupolis  ebbe un grande sviluppo come centro commerciale e nautico, venne fondato il Cantiere Neorio e venne costruito il primo ospedale di tutta la Grecia.
Oggi Skyros è il capoluogo amministrativo delle Cicladi dove ha sede perfino l'Università in Design industriale, questo per farvi capire farvi capire perchè camminando per Hermoupolis sembra di stare in una piccola capitale europea, con un suo nucleo storico, le case degli armatori, la piazza Miaoulis lastricata in marmo progettata da un architetto tedesco dove sorge il Municipio, poco più in là il teatro Apollo costruito come la Scala di Milano, le case con i ricchi decori del quartiere di Vaporia. Il villaggio più tipico che fa parte del comune di Hermoupolis è Ano Syros che vanta più di 700 anni ospita la cattedrale di San Giorgio e i due Monasteri dei Gesuiti e dei Padri Cappuccini.
La tradizione del loukoumi 
Il loukoumi di Syros era apprezzato e venduto in tutto il mondo nel secolo scorso, tra i suoi estimatori Wiston Churchill, a Syros ancora si produce il loukoumi artigianale come lo si faceva una volta. 
Per comprende la storia di questa tradizione bisogna tornare indietro di due secoli, dove il Loukoumi veniva prodotto solo in due località a Istanbul per accontentare il sultano e nell'isola di Chios (ex territorio delle Repubblica Genovese, finito nell'Impero Ottomano). 
Nel 1822 è la data dell'eccidio di Chios, l'isola si ribella ai turchi e la maggior parte della popolazione venne uccisa, i sopravvissuti si rifugiarono a Syros, portando con loro questa tradizione dolciaria, che originariamente si preparava con zucchero, amido, mastica e acqua di rose. 
Nella realizzazione a Syros il dolce ha perso la mastica che al di fuori dell'isola di Chios non si trova, ma ha acquisito un sapore più interessante dato dall'utilizzo dell'acqua di Syros leggermente più salata, tra i migliori produttori Loukoumia Denaxa.
Tradizione servire il caffè con un pezzo di loukhumi, a rendere unico è la lavorazione artigianale che è rimasta manuale tranne che per alcuni passaggi tra i gusti più famosi di Syros, il mandarino, il bergamotto, rose, cocco, nocciola, noce, oggi in tutto il mondo il loukhoumi è conosciuto a livello internazionale come il Turkish Delight.
Non è la sola specialità dell'isola si produce un ottimo formaggio San Michalis, la marathopita la torta di finocchio, Gouna (lo sgombro salato), Loupsa carne di maiale salata con pepe ed erbe aromatiche,  il polpo con il pomodoro, capperi, rosmarino e timo, per i dolci oltre al Laukoumi /Loukoumia, ricordiamo la Chalvadopita e Amigdalota fatte con il miele dell'isola e le mandorle fresche.
L'isola è lunga 16 km e ci sono diverse spiagge su tutta l'isola dove fermarsi a fare un bagno come la spiaggia Delfini, molto apprezzata dai naturisti, sembra un luogo incantato, si può accedere sia con l'auto che con il bus a piedi dal villaggio di Kini 20 minuti.
Dove alloggiare a Syros: Hotel Electra un piccolo hotel ma molto raffinato che offre un servizio curato e personalizzato, nel quartiere di Vaporia, sul mare, organizza soggiorni di trekking sull'isola e soggiorni enogastronomici sull'isola.
Come arrivare a Syros, Si può arrivare in aereo ad Atene e poi preseguire per il porto del Pireo per prendere il traghetto con Blue Star Ferries e Hellenic Seaways, da 66 euro 3,30 h, oppure alcune compagnie aeree sono collegate con alcune città europee con areoporto di Mykonos, da Mykonos  a Hermeupolis ci impiegano 45minuti a 24 euro, ci sono collegamenti da quasi tutte le maggiori isole delle Cicladi.

Si ringrazia per la condivisione del video Loukoumi Festival, mi rendo conto che è un video greco con sottotitoli in inglese ma è unico che fa vedere bene il contesto dell'isola e la lavorazione del Loukoumi.

10 commenti:

  1. in questa isola ancora non sono stata! magari sarà la meta del prossimo anno!

    RispondiElimina
  2. Sono stata in Grecia una ventina d'anni fa ma mai nelle isole...il tuo post, così dettagliato e ricco di utili e interessantissime informazioni mi invoglia a rimediare al più presto:)

    RispondiElimina
  3. infatti non di capisce una cippa-lippa ma io l'ho guardato lo stesso :-) non p che il tuo amico ha un posto vacante per me? sai Carmine che voglio andare in Grecia da una vita? poi succede sempre qualche imprevisto.. prima o poi... (sono tutti belli robusti.. si vede che si mangia bene, ok .. ci vado) vorrei proprio fare un giro delle isole, i villaggi non fanno per me..bacioni

    RispondiElimina
  4. Che voglia di partire... dopo le Eolie le isole mi attirano particolarmente :) Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Quante informazioni utili! Grazie :)
    Buona serata

    RispondiElimina
  6. Devo farti proprio tanti complimenti. Stasera, a tavola, parlavo del tuo blog e di quanto è interessante....un mare di utilissime informazioni, a presto!

    RispondiElimina
  7. Bellissimo post molto interessante, posti incantevoli che meritano di essere visitati.
    Buona serata da Gabriela

    RispondiElimina
  8. quanto mi manca la Grecia,bellissimo post !

    RispondiElimina
  9. Bravo Carmine, mi fai conoscere sempre dei posti nuovi che ormai non farò più in tempo a vedere.
    Buona giornata
    Mandi

    RispondiElimina
  10. Non ci sono mai stato ma mi dai una grande voglia di andarci. Chiederò ai miei gatti se mi permettono di assentarmi. Ciao e buona settimana.

    RispondiElimina