giovedì 24 novembre 2016

Milano weekend: Re Panettone, Mercato dei Navigli, Mercatino Natalizio Svedese e Mostra di Rubens

Ultimo weekend di Novembre dedicato alla città di Milano, una città sempre molto ricca d'attrattive sia culturali, di shopping e gastronomiche. Questa fine settimana ci riserva più appuntamenti da non perdere, alcuni si prolungheranno anche per tutto il mese di Dicembre:
Appuntamento per festeggiare la vera e autentica specialità di Milano, sabato 26 e domenica 27 " nona edizione di Re Panettone, che si tiene nello spazio MegaWatt, in via Watt 15. Sabato dalle 10 alle 20 e domenica dalle 10 alle 19, mostra di soli panettoni artigianali ideata da Stanislao Porzio con la partecipazione di 40 eccellenti maestri pasticceri provenienti da tutta Italia, molti pasticcieri del Sud che hanno dato al Panettone un contributo innovativo in termini di lavorazione e gusto, grazie all'uso di prodotti locali.
Sappiamo che il panettone più ricercato sarà il panettone riso e zafferano dello chef Daniel Canzian, del ristorante Daniel. Il panettone è stato creato arricchendo la ricetta originale con zafferano e riso, ingredienti principali della cultura gastronomica milanese del risotto.
Premio il miglior panettone fatto in casa, l''evento non è solo rivolto alla gara di chef e pasticceri per il miglior panettone d'Italia, ci sarà anche una gara riservata a blog e casalinghe esperte che premierà il miglior panettone fatto a casa. Perchè noi sappiamo dai blog che ci sono delle autentiche artiste del Panettone e che meritano d'essere conosciute e valorizzate dalla stampa ma anche dall'intero settore gastronomico. 
L'evento Re Panettone offre dalla Fermata della linea 2 di Romolo della Metropolitana Milanese, una navetta che porta all'evento il cui ingresso è gratuito previa registrazione on line o direttamente all'ingresso.
Mercatino di Natale Svedese a Milano
Sabato 26 novembre nel foyer del teatro Franco Parenti in via Pierlombrado 14 MM3 Porta Romana, tante prelibatezze tipiche, prodotti d'artigianato e attività per bambini permetteranno di vivere l'atmosfera dei mercatini scandinavi, non mancherà il Glògg, bevanda tradizionale svedese tipica dei mercatini di Natale che ricorda molto il nostro vin brulè. Il Kanelbullar, girelle dolci alla cannella glassate con lo zucchero. I Pepparkakor, biscotti alla cannella tipici del natale svedese. L'ingresso è gratuito.
Mercato dell'antiquariato sui Navigli
Domenica 27 novembre come tutte le ultime domeniche del mese, il classico mercato dell'antiquariato per trovare ispirazione a qualche regalo per Natale, MM2 Porta Genova.
Palazzo Reale a Milano: Rubens e la nascita del Barocco
La  Mostra si sofferma su uno degli artisti più noti a livello europeo del Barocco, in particolare sul suo soggiorno in Italia dal 1600 al 1609, anni importanti per la sua formazione artistica, che lo porto qui in italia per studiare i grandi artisti del Rinascimento come Michelangelo e Raffaello ma anche ammirando l'arte del Caravaggio, tra le opere più note di Rubens in Italia il Compianto sul corpo di Cristo deposto del 1605 a Roma nella Galleria Borghese il Trittico per l’altare maggiore di Santa Maria della Vallicella a Roma.
Mostra Rubens, Palazzo Reale a lato del Duomo in Piazza duomo a Milano dal 26/10/2016 al 26/02/2017 MM1 Duomo.

Dormire a Milano: Bed and Breakfast Friendly Home

Go Slow Green Milano





mercoledì 16 novembre 2016

Cremona la Festa del Torrone, dal 19 al 26 Novembre 2016

In questo mese di Novembre la città di Cremona diventa protagonista della cultura gastronomica italiana con la Festa del Torrone.
Quest' anno il tema della festa è il Tempo, passato presente e futuro, inteso come sorpresa sogno e innovazione che bel rappresenta il genio tutto cremonese di Jannello Torriani, maestro orologiaio innovativo del '500 a cui la città dedica una grande mostra.



Quest'anno la famosa azienda di Cremona la Sperlari festeggia i suoi 180 anni per l'occasione, per tutta la durata dell'evento presso la Loggia dei Militi, l'azienda organizza una mostra sulle sue attività del passato del presente e della sua proiezione nel futuro, ci saranno filmati, documentari, spot televisivi, una grande documentazione per festeggiare quello che è l'orgoglio della città di Cremona.



Domenica 20 Novembre nel pomeriggio ci sarà la rievocazione storica del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti con un fastoso corteo di oltre 150 personaggi storici rigorosamente vestiti con preziosi abiti ispirati all’epoca rinascimentale a cui si fa risalire la nascita della tradizione del Torrone, secondo alcuni una realtà storica secondo altri una leva del marketing delle aziende produttrici di Torrone.
Non mancherà durante la Festa del Torrone, uno spazio commerciale con i stand con i maggiori produttori del torrone sia produttori locali che provenienti da tutta Italia, la scelta tra torrone morbido e torrone duro, al croccante e a tutte le possibili varianti della lavorazione e delle materie prime.



La Festa del Torrone è l'occasione per visitare una delle città lombarde più belle e ricche di tesori di valore a iniziare dalla Liuteria Cremonese un itinerario musicale che vi condurrà nel mondo magico della Liuteria e del Violino con visita al Museo del Violino e alle botteghe liutaie.
Una visita importante al Duomo della città il cui interno ci sono dei affreschi realizzati tra il XVI ° secolo che per la bellezza hanno meritato l'appellativo di Cappella Sistina della Pianura Padana.
L'interesse gastronomico della città di Cremona, non riguarda solo il Torrone ma anche altre specialità che rappresentano la città come la Mostarda, il Salame Cremonese e i Marubini.


Un capitolo a parte meritano le Pasticcerie di Cremona, con le loro specialità biscotti, come i baci di Cremona (biscotti doppi, con pasta a base di amaretti, separati da un ripieno che può essere di cioccolata, confettura o panna montata) e i bumbunéen (biscotti secchi, con farina bianca e gialla, aromatizzati con mentine polverizzate e scorza di limone).


Passiamo alle torte la Torta Paradiso di Cremona, la Torta Cremona, il Bussolano di Soresina, la Treccia d'oro (pasta lievitata, cotta al forno con canditi di arancia e cedro e uvetta), la torta Bertolina (farcitura con l’uva fresca), il Pan Cremona, il Pan Torrone, la torta di Castelleone, la torta de Riòlta, il dolce dei Gonzaga di Vescovato, e la torronina (turrunina).
Come arrivare a Cremona in treno : da Milano sulla linea Milano - Mantova circa un ora con i treni regionali al costo di euro 7,30.
Le Trenord offrono a prezzo forfettario un viaggio andato e ritorno da Milano, con visita della città e ingresso alla Mostra di Jannello Torriani.
Dormire a Cremona: Locanda Torriani, siamo nel centro della città, offre ospitalità in appartamenti e ristorazione. 
Mangiare a Cremona: Osteria la Sosta, ristorante storica vicino la Piazza Duomo, piatti tipici della tradizione cremonese rivisitati in chiave moderna, gnocchi vecchia Cremona, Marubini, Ossobuco, Tortelli di zucca, Formaggio di capra con mostarda di pere, mele e mandarini, semifreddo di Torrone in salsa di cioccolato. 

Post correlati
Le migliori pasticcerie storiche di Cremona

Go Slow Green Cremona




martedì 8 novembre 2016

Venezia Slow a Novembre : la Biennale, 500 anni del Ghetto, Carpaccio, Tintoretto, Tessuti e Furlane

Per questo mese di Novembre vi propongo un viaggio a Venezia, una delle destinazioni preferite dai turisti in Italia. Una città affollata durante tutto il resto dell'anno da Carnevale fino a Ottobre, poi la città torna ad essere dei veneziani a quel movimento e turismo lento che noi apprezziamo molto.
Una visita in questo periodo ci fa apprezzare meglio la città e il suo scorrere del tempo, girare per i mercati come il Mercato del Pesce di Rialto e il barcone di Frutta e Verdura a sestiere Dorsoduro, fare un giro per i lattai vicino alla Biennale e i bacari per un bicchiere di vino e un assaggino d'antipasti tipici crostini di radicchio, di polenta e baccalà e di seppie.



Se si parte dalla Stazione il tragitto deve essere fatto solo a piedi per arrivare in Piazza San Marco, ci sono due strade, la prima classica costeggia il Canal Grande, la seconda si attraversa il canale di fronte alla Stazione e si passa per il sestiere di San Polo in un parte di Venezia molto autentica e si arriva a Rialto ci si ricongiunge per la prima strada e si arriva in San Marco.
Due gli appuntamenti per l'arte più importante che chiudono a fine mese:



La 15° Biennale d'Architettura di Venezia: sarà aperta fino a Domenica 27 Novembre, dal titolo Reporting from the front, vuole offrire un momento di riflessione per la progettazione di spazi e luoghi collettivi. Il percorso espositivo dal Padiglione Centrale (Giardini) all’Arsenale, include 88 partecipanti provenienti da 37 paesi diversi con 33 architetti under 40.
500 anni del Ghetto di Venezia, si festeggia la comunità del Ghetto di Venezia che quest'anno festeggia i 5 secoli di presenza a Venezia, una comunità che ha dato lustro alla città. Per festeggiare l'evento si tiene a Palazzo Ducale la Mostra "Venezia, gli Ebrei e l'Europa", ma ogni giorno ci sono eventi con musica, cultura e visita alle sinagoghe e case della comunità ebraica.
Tra i progetti più interessanti il recupero dei Giardini Segreti del ghetto, 2 orti vicino uno alla Sinagoga Spagnola e l'altro vicino alla Sinagoga Levantina.

Tra i luoghi di Venezia meno noti e curiosi che io consiglio d'andare a vedere:



La Scuola di San Giorgio degli Schiavoni, (siamo nel Sestiere Castello) è chiamata anche Scuola Dalmata dei Santi Giorgio e Trifone, sede di una delle confraternite, quella dei dalmati, tra le più antiche della città. Al suo interno conserva un ciclo pittorico di Vittore Carpaccio, ritenuto il migliore pittore veneziano per avere rappresentato al meglio la vita e i costumi del periodo della Serenissima.
Chiesa della Madonna dell'Orto, località Cannareggio, la chiesa conserva dieci tele di Jacopo Robusti dello il Tintoretto.
Libreria Acqua Alta a Venezia, si tratta di una delle librerie più originali che io abbia visto, siamo in Calle lunga Santa Maria Formosa, scaffali  a forma di gondole, libri vecchi rielaborati in oggetti d'arredamento, uno dei luoghi che bisogna assolutamente conoscere e vedere a Venezia.



Colorcasa, Campo San Polo, uno dei pochi luoghi dove trovare i tessuti Fortuny, provengono da un laboratorio che si trova alla Giudecca, che produce tessuti con cotone di qualità con pigmenti naturali che danno delle tonalità uniche e originali.
Pied a Terre, S. Polo, 60 Rialto, per acquistare le famose Furlane, le babbucce in velluto dei gondolieri, difficile resistere all'acquisto.
Se volete trovare un momento di silenzio e tranquillità ci sono le isole della Laguna: Murano, Burano, il Lido, Mazzorbo, Torcello e Sant'Erasmo l'orto di Venezia.
Arrivare a Venezia in treno: il migliore modo per raggiungere Venezia con Trenitalia ci sono molte offerte per il weekend come il biglietto andata e ritorno a prezzo scontato oppure 2 x1 il sabato, 2 biglietti per due persone al prezzo di uno nel solo giorno di sabato.


Post correlati:

B&B a Venezia

Su Go Slow Green Venezia / venice trovate tutti gli indirizzi