lunedì 31 maggio 2010

Giardini segreti: il parco dell'Hotel Villa d'Este, Cernobbio (Co)



Considerato a livello internazionale uno dei più bei giardini d'Italia, è un giardino di proprietà dell' Hotel Villa D'este che si affaccia sul lago di Como. La costruzione del parco nasce insieme con la Villa nel 1568, si narra che già nel 1615 il sultano del Marocco rimase estesiato dalla bellezza e dal fascino del luogo.

La villa fu eretta nel 1568 dal cardinale Tolomeo Gallio su disegno di Pellegrino Tibaldi, nel 1815 fu rilevata da Carolina di Brunswick, principessa di Galles e moglie di re Giorgio IV d’Inghilterra; fu lei a chiamare “Nuova Villa d’Este” la proprietà. Nel corso del 1800 sono stati diverse le teste coronate ospiti per lunghi periodi della villa come dal 1868 al 1870 la zarina Maria Fedorowna, affascinata dalla villa, dal giardino e dal paesaggio. Solo nel 1873, Villa d’Este è stata aperta come hotel oggi tra i più rinomati del mondo.

Il giardino nel corso degli anni ha perso l’impostazione cinquecentesca e acquisito la grandiosità scenografica del barocco ospita uno dei platani più longevi che si conosca di 500 anni, ma anche castagni, magnolie, glicini, allori, agavi, palme, cipressi, pini, lecci, rose, glicini, azalee, camelie, narcisi e aiuole dalle diverse sfumature di mille colori.

A richiesta i Giardini sono visitabili anche dai non clienti dell'Hotel, con la formula visita guidata dei giardini più thè . Villa d'Este Lago di Como, Italia Villadeste, fa parte del circuito Grandi Giardini Italiani.

giovedì 27 maggio 2010

ISLANDA, DOVE IL GIORNO NON HA MAI FINE

Dalla metà di Giugno alla metà di Luglio, si ripete ogni anno il miracolo della magia delle notti bianche, fenomeno del tutto naturale, che gli islandesi attendono ogni anno, un rituale che fa parte della vita e della cultura di tutti e viene festeggiato gli abitanti delle città, dei paesi piccoli anzi piccolissimi disposti lungo i fiordi e dei villaggi di pescatori sulla costa.
È come se il tempo fosse sospeso, una sorta di crepuscolo eterno, il sole ruota sulla linea dell’orizzonte, scompare e illumina il resto che rimane in attesa, latente del nuovo giorno, il vento sembra che si plachi, gli uccelli dormono, un silenzio regna incontrastato. Non sembrerà vero, con tutta quella luce, ma è mezzanotte.

A Reykjavick ci si ritrova sulla costa, e sul bordo del fiordo “breidafjordus” si compiono dei balli di origine pagana, si compiono riti tramandati da secoli, è il tempo della festa, della celebrazione dell’armonia con la natura.
La festa della notte di San Giovanni il 24 giugno, è la notte delle leggende e dei sortilegi : coloro che faranno il bagno nella penisola di Snaefellsnes avranno in dono l’eterna giovinezza, le giovani donne che raccoglieranno sette fiori diversi ai piedi di un vulcano e se né adorneranno i capelli, con colui che danzeranno questa notte, danzeranno per tutta l’eternità. La notte dove più forte è il senso del magia, sarà facile passare da un mondo reale ai domini dell’immaginazione. È la notte degli elfi e delle ninfe, riemergono qua e là i miti delle leggende celtiche dei spiriti gentili e scherzosi.


La magia è un patrimonio ancestrale, di ogni islandese, un sentimento vissuto interiormente con pudore e orgoglio, è anche un modo per sentire la propria terra, per vivere in armonia con essa e con i ritmi che la percorrono.
L’isola offre diversi percorsi, ma ogni itinerario anche se breve, per la bellezza dei scenari si trasformerà in una esperienza indimenticabile. Luoghi dove la solitudine si fa assoluta e magnifica tanto che, dona una grande sensibilità verso qualsiasi forma di vita. Luoghi che hanno la capacità di fare crescere un mondo interiore di fantasia, che tenderà a prendere il sopravvento sulla realtà fisica.

Si percorrere l’isola all’interno di paesaggi incredibilmente belli e misteriosi, sarà come scoprire degli angoli dimenticati che vivono dentro di noi, al di fuori di uno spazio temporale, il paesaggio così assume una dimensione leggendaria.
Quest’isola è magica , ti prende e ti cattura l’anima, e andando via scopri che qualcosa di tè rimane lì tra i vulcani e il ghiaccio.
I miei consigli :

Air Iceland, Reykjavík Airport/Aeroporto di Reykjavík, IS-101 Reykjavík
Tel.: +354-570-3030 • Fax: +354-570-3001
E-mail:
websales@airiceland.is www.airiceland.iswww.airiceland.dk
Come arrivare in Islanda via mare
SMYRIL LINE: gestisce un servizio di traghetti di linea per l’Islanda da Esbjerg e Hanstholm
in Danimarca e Tórshavn nelle Isole Faroe. Si prega di contattare la sede centrale o vd. Il
sito
www.smyril-line.com per ulteriori informazioni sugli uffici di vendita all’estero.
Smyril Line p/f (Sede Centrale) Yviri við Strond 1 P.O.Box 370 • FO-110 Tórshavn
Tel.: +298-345-900 • Fax: +298-345-950 E-mail:
booking@smyril-line.fo www.smyril-line.com

Icelandic Farm Holidays, Sí›umúli 2 • IS-108 Reykjavík, Tel.: +354-570-2700 • Fax: +354-570-2799 E-mail:
ifh@farmholidays.is www.farmholidays.is
Blue Lagoon geothermal spa IS-240 Grindavík Tel.: +354-420-8800 • Fax: +354-420-8801
E-mail:
bluelagoon@bluelagoon.is www.bluelagoon.com
Iceland Encounter, Miðstræti 5 • IS-101 Reykjavík Tel.: +354-894-9408 • Fax: +354-551-5510
E-mail:
contact@encounter.is www.encounter.is
Iceland Excursions – Gray Line Iceland Höfðatún 12 • IS-105 Reykjavík
Tel.: +354-540-1313 • Fax: +354-540-1310 E-mail: iceland@grayline.is
www.icelandexcursions.iswww.grayline.is

domenica 23 maggio 2010

Gusto 22-23 Maggio a Moncalieri, Torino


Si svolge nella splendida cornice di Moncalieri una mostra mercato di prodotti tipici, laboratori per adulti e bambini, convegni e degustazioni per conoscere, gustare e provare cibi, prodotti e sapori delle Colline Torinesi, il tutto nel magnifico scenario offerto dal centro storico della città sabauda

Il ravanello tabasso, la tipica e originale trippa di Moncalieri, i trifulot del bür, le piccole patate dall’incredibile gusto burroso, ma anche l’asparago di Santena, o il Salame di Giora del Carmagnolese. Questi ed altri prodotti tipici sono i protagonisti della prima edizione di G.U.S.T.O., Ci sarà una mostra mercato dedicata alla formazione del consumatore consapevole in programma il 22 e il 23 maggio nel centro storico di Moncalieri (TO), organizzata da ASCOM -Confcommercio Torino con la partecipazione di Slow Food Piemonte e Valle d’Aosta.

Un centinaio circa gli espositori, produttori e coltivatori con i prodotti del Paniere della Provincia, i vini di produzione locale proposti da giovani e intraprendenti produttori,le birre di eccellenza prodotte da alcuni microbirrifici del territorio e i “tesori” dei migliori apicoltori delle vallate alpine.

Interessante anche la reinterpretazione in stile contemporaneo della tradizione culinaria locale, come l’approccio “street food” della Piola Vagabonda e i suoi “tajarin da passeggio”, o la Merenda Sinoira servita su in cestini da picnic sui classici tavoli in legno, a base di tonno di coniglio o pollo, antipasto rosso alla piemontese, dolce al cioccolato e fragole con panna montata.

In Piazza Vittorio Emanuele invasione degli spaventapasseri costruiti dagli alunni delle scuole con premiazione e spettacolo teatrale finale. Per tutti e due i giorni musica e cultura con fanfara itinerante e gruppo gipsy swing d’autore, e installazioni di arte contemporanea nelle Sale del Castello.

Per info sul programma http://www.gustomoncalieri.it/ e http://www.ascomotorino.it/.
tratto dal comunicato stampa di Alessia Zacchei

mercoledì 19 maggio 2010

Biodiversità a Tavola. 22,23 Maggio 2010 WWF Le Fattorie del Panda



Questo sabato e domenica Il WWF presenta questa iniziativa la Prima giornata della Biodiversità nelle Fattorie del Panda, per chi non conosce le Fattorie del Panda, sono degli agriturimi presenti all'interno dei Parchi il cui scopo è quello di proteggere e recuperare produzioni locali e tradizionali, per mantenere la biodiversità e ottenere alimenti di grande qualità alimentare e culinaria. Cosi per l'occasione imbandiranno le loro tavole di prodotti locali e di tradizione. Qualche esempio:
- Il Giardino delle erbe e dei frutti dimenticati nell’Agriturismo Baglio Case Colomba, un rigoglioso frutteto siciliano della biodiversità dove conoscere le specie antiche che oggi rischiano l’estinzione.
- Oasi di Galbusera Bianca a Rovagnate in provincia di Lecco, visita dell' orto botanico dei frutti dimenticati e dei sapori antichi come Azzeruoli e Susini, l'azienda ospita anche una Osteria rigorosamente Bio.
- Aperitivo etrusco a base di rosa canina e miele, seguito da un pranzo prodotti tipici proposti dall’Oasi Agrituristica Baugiano a Quarrata (PT), come affettati, pecorino di latte crudo della montagne pistoiesi e il pane prodotto con grani antichi.
Un weekend all'insegna della biodiversità, del relax e del gusto
Info: WWF Fattorie del Panda, per cercare la fattoria più vicina a voi. Contatti: fattorie@wwf.it, turismo@wwf.it
Fattorie del Panda è un progetto WWF in collaborazione con Turismo Verde, Federparchi, Terranostra, Agriturist. e il patrocinio del Ministero dell Politiche Agricole e il Ministero dell'Ambiente.

sabato 15 maggio 2010

Friuli Venezia Giulia, 16 Maggio "Giardini Aperti"


Grazie all'iniziativa saranno visitabili 40 parchi e giardini del Friuli Venezia Giulia, per la maggior parte privati e disponibili solo alla visita raramente. L'iniziativa nasce dal circolo di giardinaggio ‘Amici in Giardino' di Palmanova, con il coinvolgimento dell'agenzia Turismo FVG. I giardini saranno aperti dalle 9.30 alle 12 e dalle 15.30 alle 19. Rimarrete incantanta da quanta bellezza quanta dedizione e quanto lavoro ci mettono gli Amici del Giardino, troverete collezzioni di piante rare, roseti multi colori, rose storiche, ortensie, rododentri, camelie, magnolie rare e camelie. Il materiale informativo dell'evento con la mappa dei giardini aperti è reperibile presso il circolo ‘Amici in giardino', gli uffici turistici dell'Agenzia Turismo FVG potete scaricarlo qui in pdf.

L'evento coinvolge 51 operatori del settore, 40 parchi e giardini, 6 Associazioni, 5 vivai.

Per avere maggiori informazioni contattate direttamente i responsabili dell’iniziativa: il signor Romeo Comunello (Presidente del circolo Amici in giardino)tel. 0431 918984 email: rosamundi@libero.it o la signora Valeria Macuz Laninitel. 0434 858687 email: valeryilsasseto@email.it

mercoledì 12 maggio 2010

Borghi più belli d'Italia : Tremosine, Lago di Garda



Tremosine è entrato a far parte del club esclusivo ‘Borghi più Belli d'Italia', un riconoscimento per questo piccolo ma delizioso paesino del Lago di Garda. Siamo in Provincia di Brescia all'Interno del Parco Alto Garda Bresciano a pochi chilomentri da Limone del Garda. Tremosine è una località particolare tranquilla, suddivisa in diciotto frazioni solo quella di Campione è prospicente il Lago sulla strada gardesana che costeggia la riva del lago e porta fino a Riva del Garda. Per arrivare a Tremosine di può salire su una strada irta sia dalla frazione di Campione che da Limone del Garda.
La piccola località ha il suo punto di forza nel microclima del lago che ha donato un clima quasi mediterraneo caratterizzato da inverno quasi mite ed estati non afose, di conseguenza non bisogna essere sorpresi se Tremosine ha una flora quasi simile a un paese del mare mediterraneo, che in questi anni ha richiamato sopratutto un turismo estero.

Una meta per un turismo lento ma non slow per uno stile di vita sedentario ma uno stile di vita attivo, le attivita sull'acqua si svolgono a Campione come Kit ane Wind Surf, Velaclub. I dintorni si rivelano ideali per la pratica degli spot all'aria aperta in mezzo alla natura come Skyclimber, Cult Walking o Nordic Walking.


Purtroppo la località non ha un sistema di collegamento e trasporto da mobilità ecostenibile, c'è un sitema di autobus ma non è suffciente, come non ha ancora un buon livello di infrastrutte per un turismo lento, ecompatibile ed ecostenibile ma siamo certi che la strada intrapresa porterà a questi risultati in breve tempo.
Non mancano i sapori di tremosine, i pascoli le montagne danno un ottimo latte per la produzione dei formaggi, il miele dalle api che raccolgono il polline sui fiori nei campi, olio di oliva garda bresciano DOP.

Info: InfoTremosine.it, TremosinesulGarda.it , Comune Tremosine
Segnalo: Agriturismo Lazangola (latte, formaggio e burro di malga) il prorietario possiede la malga a 1.350 m. dove d'estate porta le sue mucche , Agriturismo Nai (azienda agricola biologica certficata con allevamento di mucche, capre e cavalli), Caseificio agriturismo Alpe del garda (acquisto di formaggi di Tremosine freschi e stagionati, salumi), Residenza B&B la tartufaia,

domenica 9 maggio 2010

Bici day, Giornata Nazionale della Bicicletta. un po' di sana polemica


Ho letto con molto interesse l'articolo del Corriere delle Sera di Mosca sulla Bici Day, l'iniziativa per quanto sia simpatia, nella realtà denuncia una carenza di praticita, di mancanza di piste ciclabili al quale non posso che unirmi. Chiudere il centro della città per biciclette è un iniziativa lodevole ma gli altri 364 giorni come facciamo?

Un altro aspetto che vorrei fare notare oramai diversi anni che molte destinazioni turistiche propongono itinerari turistici in bicicletta, purtroppo tutto rimane sulla comunicazione all'atto pratico si rivelano dei percorsi non usufruibili, una carenza di servizi che vanno dalle officine alle soste, alle mancanze di indicazioni.

Io in qualità di turismo lento mi sono posto in modo contrario a chi propone il turismo in bicicletta come giro nei parchi, bisogna stimolare il turismo non all'interno di aree protette o percorsi di ex binari della ferrovia, altrimenti rimangono dei percorsi altri, cosi dopo le ferrovie dimenticate avremo i percorsi ciclabili dimenticati, il percorso in bicicletta per quanto tutelato deve essere usufruibile ovunque e nelle aree turistiche tutelate e favoriti.

Info: Miniambiente.it per il calendario completo in ogni regione, iniziative in Italia da lastampa

Ps siccome a Milano piove sono rimasto senza pedalare

giovedì 6 maggio 2010

Turismo lento: alla scoperta del Salisbughese sulla linea Salzburg-Villach

Si tiene a Milano il 7/8/9 Maggio in Piazza San Fedele, vicino alla galleria Vittorio Emanuele un evento dedicato alla conoscenza della regione austriaca del Salisbughese come scelta delle prossime vacanze. Si tratta di una delle regioni austriache più interessanti, dove in realtà la città di Salisburgo, è solo un' attrattiva di una regione che offre una vacanza all'insegna della tranquillità, una vacanza in mezzo alla natura, una vacanza ecosostenibile. Uno dei punti di forza della Vacanza in Salisburghese è la mobilità ecostenibile i collegamenti con il treno tramite una rete capillare a cui si uniscono una serie di ferrovie a cremagliera per gite e soggiorni brevi e una rete di autobus.
Salisburgo- Villach
Uno dei percorsi più usuali per i turisti lenti è visitare il salisbughese con il treno, si raggiunge Salisburgo tramite la linea Verona Bolzano Innsbruck, visita della città che meglio rappresenta Mozart e la sua musica (offre un ricco cartellone di concerti estivi del Festival di Salisburgo). Per poi prendere la linea ferroviaria Salisburgo - Villach, la linea ferroviaria che attraversa tutto il Salisbughese e arriva fino in Carinzia, segue parallela il percorso del fiume Drau per un lungo tratto. Si può decidere di fermarsi in una delle stazioni del percorso come Badgastein, una stazione termale delle più note al mondo, perchè nelle sue acque calde contengono radon, un elemento benefico per la cura delle malattie reumatiche.
Altre località di sosta per un turismo lento sono : Hallein, Bischofshofen, SanktJohann, Bad hofgaisten  Arrivati a Villach, si può tornare in Italia grazie alla linea Vienna Venezia, mentre i più girovaghi possono proseguire per Vienna o per Lubjana.
Informazioni : Salisburghese, Ferrovie austriache o Ferrovie Tedesche, Rete di autobus regionale Salisbughese, Mobilitio Eco Friends Travel Info Ospitalità Salisburgo: Bad& Breakfast a Salisburgo ( es. private house mayerhofer), Appartamenti a Salisburgo (Apartment Linda), ospitalità case religiose : Der Pallotiner, Christkoenig (36-47 euro) Per informazioni e depliant: Il Salisbughese in città a Milano il 7/8/9 maggio Piazza San Fedele.

martedì 4 maggio 2010

Orchidee selvatiche sul Lago di Bohinj, Slovenia

Sicuramente avete sentito parlare della Slovenia come meta di destinazione turistica qualcuno avrà sentito parlare della località di Bled che in estate ha più di 5.000 visitatori al giorno che rende la località particolarmente calda. Il mio invito personale è di raggiungere si Bled ma fermarsi un po' prima sul lago Bohinj durante il mese di Maggio l'aria è particolarmente frizzante, le cime sono ancora innevate, i campi sono pieni di fiori selvatici e l'accoglienza è speciale perchè la stagione estiva deve ancora iniziare.
Quest'anno si celebra il 4° Internazionale Wild Flower Festival dal 22 maggio al 5 giugno 2010, l'evento prevede un workshop sul taglio del fieno, lezioni di botanica sulle orchidee e gli iris che sbocciano proprio in questa zona in Primavera, un corso di cucina tradizionale con uso dei fiori e delle erbe in cucina. Per i più attivi ci sono i Botanic cycle tour o le escursioni botaniche a cavallo, la possibilità di escursioni in quota e di affrontare corsi d'acqua in kayak, oppure per noi turisti lenti di nome e di fatto una canoa o una barca a remi per fare finta di pescare trote nel lago.
Non ci sono solo orchidee il fiore più noto è Oryctographia Carniolica ma ci sono anche diverse varieta di rododentri, genziane, campanule, gerani e lilium.
Arrivare a Bohinj dista un ora di auto da Ljubljana, si può raggiungere sia in treno sulla linea Nova Gorica - Bohinjska Bistrica e in autobus sulla linea Ljubljana - Bled , la città di Ljubljana è collegata con le città di Venezia, Trieste, Gorizia con l'Italia, ma grazie alla breve distanza molti la raggiungono autonomamente in auto. Orari ferrovie Slovene, le ferrovie hanno anche un servizio di car train, Orari Bus.
Ospitalità il miglior albergo è Chalet Jezero , ma ci sono anche delle ottime possibilità in aziende agrituristiche e affitto di appartamenti
Info: Bohinj.si