venerdì 24 settembre 2021

Autunno della farina di pere (Birmehl) a Verdignes e Pardello (Chiusa, BZ)


Domenica 26 settembre 2021 a partire dalle ore 10:00 si terrà a Verdignes e Prarello (Chiusa) la manifestazione culturale e gastronomica "Autunno del Birmehl". 

L'obiettivo dell'evento è riportare in vita e fare conoscere un antica usanza contadina di queste due località della Valle Isarco.

A chiunque sarà capitato di andare in Alto Adige avrà notato la varietà di farine e ingredienti che comunemente si usano in cucina, qualche volta sono dettati dalla tradizione, qualche volta sono dettati dalle esigenze e virtù della vita di montagna.

La farina bianca era un prodotto per ricchi, cosi nasce l'esigenza di mescolare altre farine a seconda delle ricette, un esempio su tutte la farina di castagne, le castagne in questa zona vengono utilizzate sia per dolci che per il pane, primi piatti.

In questa zona dell'Isarco invece è natala tradizione della farina di pere, che sostituiva parte della farina ma anche dello zucchero.

La sua produzione era molto complessa e lunga, una vola raccolte le pere denocciolate o intere venivano essiccate, ottenendo così la cosiddetta Kloaz, che poi veniva macinata trasformata in farina. I numerosi pereti di Verdignes erano considerati la fonte migliore per ottenere la farina, tanto che un tempo questa località veniva chiamata ironicamente Birmehldorf , "paese della farina di pere".


Nel 2014 è stato creato anche un percorso tematico chiamato Sentiero Birmehl che inizia da la piazza principale  di Verdignes , e toccando i prati aridi che ricoprono il lato meridionale del colle della chiesa, scende al borgo di Pradello, per poi risalire fino al maso Moar zu Viersch, immerso nel verde, e fare quindi ritorno, su un antico sentiero lastriciato, al punto di partenza, adatto a tutta la famiglia, lo si percorre in un ora e mezza.

Saranno presenti diversi luoghi dove degustare specialità contadine e preparazioni con farina di pere a Verdignes : Pasta all'uovo con farina di pere e selvaggina (Jager), Ravioli di farina di pere ripeieni con patate e formaggio, pane con farina di pere (Bar Gosser), gnocchi di farina di pere, strigoli di farina di pere (Gasthoh St. Valentin), strauben di farina di pere (Associazione anziani) , si potranno inoltre degustare antiche varietà di frutta locali messe a disposizione delle diverse aziende di coltivatori locali della zona.

Come arrivare a Verdignes : Attraverso la Val d'Isarco fino a poco dopo Chiusa e in salita fino a Velturno. A Velturno si prende la strada fino a Verdignes.

Per saperne di più: 

Associazione Turistica di Chiusa


venerdì 17 settembre 2021

Cicladi, Grecia : il mare di settembre tra sapori, colori e storia

© GNTO Y Skoulas
Chi può andare controcorrente può essere molto fortunato, la bassa stagione è il momento ideale per godersi i luoghi di villeggiatura, come la Grecia, specialmente nelle Cicladi, che sono una delle mete più ambite dei mesi estivi come Luglio e Agosto.

Le temperature difficilmente scendono sotto la media dei 27 gradi, sono garantiti 26 giorni di sole, i prezzi sono più bassi rispetto a Luglio e Agosto, non solo di Hotel ma anche d'aereo e traghetti.

Se i turisti d'agosto sono votati al mare e alla spiaggia, a settembre  i turisti oltre a scoprire le spiagge sabbiose e le acque cristalline, sono interessati a scoprire la vita locale, la natura, la cultura locale ed è più facile avviare una conversazione con gli abitanti.


Ci sono attività più facili da fare in questo periodo come i percorsi escursionistici nell'isola di Sifnos e Santorini, un conto è fare trekking con 45° un conto con 27°, una temperatura più mite ma anche più piacevole.

Il mese di Settembre può essere il periodo migliore per rispolverare le pagine di storia attraverso la visita dei siti archeologici e le testimonianze del passato come:

il Tempio di Apollo e Artemide a Delos, i resti dell'antica città di Fylakopi e il Forte Veneziano di Plaka a Milos, Portara, ovvero la famosa porta del tempio di Apollo e il tempio di Demetra a Nasso, Museo Archeologico nella città di Paroikia a Paros, il sito archeologico di Kastri e Chalandrani e il  Museo archeologico di Sifnos, il castello di Oria a Kithnos, nonchè tutti i Monasteri  e le chiese delle isole che contengono oltre che testimonianze di fede, oggetti d'arte e di cultura millenaria.


Settembre è anche un ottimo periodo per apprezzare le delizie gastronomiche delle Cicladi: dell'Isola di Santorini, sono molto apprezzati i pomodorini, le fave, ma in modo particolare il vino, la produzione vitivinicola caratterizzata da un vitigno autoctono l 'Assyrtiko, vitigno resistente alle malattie che permette di ottenere una buona qualità di vini bianchi secchi e un vinsanto particolarmente apprezzato a livello internazionale. 

photo © GNTO F Baltazis
Se dovessimo accostare  alle isole Cicladi  un sapore, questo sarebbe il sapore del miele con il profumo di  cannella, chiodi di garofano, acqua di rose, frutta sciropposa e mandorle tostate. Il dolce alle mandorle  più noto è Amigdalota, fatto con di mandorle sbollentate macinate impastate con acqua di rose e zucchero e cotte al forno e spolverizzate da zucchero a velo, immancabile in tutte le isole Cicladi.

Da provare anche la Koufeta, un dolce tradizionale a base di mandorle con la pelle aggiunte al miele di timo bollente, tipico dell'isola  di Santorini.

L'isola di Siro è invece famosa per loukoumia, l'isola di Nasso per la torta alle noci, l'isola di Ios è famosa per il formaggi con cui si realizzano dolci come kalasounia con aggiunta di pasta fillo, miele e cannella.

Fuori stagione le Cicladi sono delle isole da scoprire nei suoi aspetti forze meno noti ma che le rendono una delle destinazioni più interessanti ricche e complete.

Per saperne di più e le informazioni Covid:

Info e foto: Visit Greece

Post correlati

Sifnos le Cicladi per un turismo lento

Syros, la capitale delle Cicladi

Santorini in Virtual Tour

Isola della Lentezza: Kithnos

Isola della Lentezza: Amorgos

martedì 14 settembre 2021

Fiera del fungo di Borgotaro (Parma) 18-19 Settembre 2021


Nel prossimo weekend 18-19 Settembre per i golosi di funghi secondo appuntamento in Provincia di Parma, in Val di Taro in quella parte d'Appennino Emiliano vicino alla Toscana, dove si svolge la 46° edizione della Fiera del Fungo di Borgotaro.

In questa zona la raccolta dei funghi è una grande tradizione popolare, vi si trovano tutte le specie di fungo porcino: Boletus edulis, Boletus aereus, Boletus aestivalis e Boletus pinophilus. Da diversi anni il Fungo Porcino di Borgotaro ha avuto il riconoscimento IGP. 

Sono autorizzati alla raccolta solo chi è munito di tesserino rilasciato dalla Comunità Montana delle Valli del Taro e del Ceno.


Ci sarà la Fiera enogastronomica dedicato al fungo con il mercato che si tiene nel centro storico dalle 9 alle 19,00.



Come arrivare a Borgo Val di Taro in auto
dall' autostrada A15 Parma - La Spezia, uscita Borgotaro, da qui una superstrada conduce direttamente a Borgotaro in circa 15 km.

Come arrivare a Borgo Val di Taro con il treno: la stazione ferroviaria di Borgo Val di Taro si trova invece a circa 900 metri dal centro storico. ci sono diversi treni regionali che da Parma in un ora collegano con la stazione di Borgo val di Taro al costo di 5,80 euro, esempio 07,48 partenza a Parma e arrivo a Borgo Val Taro alle 08, 45. Analogo viaggio anche per coloro che vogliono raggiungere Borgo val di Taro da La Spezia in Liguria o anche dalla Toscana dalla Provincia di Massa, Lucca e Pisa, in quanto siamo sulla linea Milano- Berceto - Pisa. 

Per saperne di più: 

Fiera del Fungo Porcino di Borgotaro 18-19 Settembre 2021

Turismo Val Taro

Facebook Fiera del Fungo Borgotaro


lunedì 6 settembre 2021

XXIV° edizione del Festival del Prosciutto di Parma , 10-12 Settembre 2021



Vista la situazione d'emergenza Covid 19 che non accenna nonostante tutto ad attenuarsi, in questo periodo sto andando a vedere che ne è stato di tutti quelli eventi che caratterizzavano l'Autunno.
Questa volta andiamo in provincia di Parma, più precisamente Langhirano, perchè è qui che hanno sede diverse aziende che realizzano il Prosciutto di Parma e la sede del Festival.
Quest'anno solo tre giorni per celebrare la bontà di uno dei salumi più conosciuti e apprezzati, per la visita dei prosciuttifici i giorni 11 e 12 Settembre.



Ci sarà inoltre il mercato agricolo e l'occasione di degustare verticali di Prosciutto di Parma stagionato 18, 24 e 30 mesi, abbinato al Parmigiano Reggiano e i vini DOC colli di Parma.
Dimostrazioni della lavorazione del prosciutto, una fase molto importante per ottenere un prosciutto di qualità: salatura, sugnatura, disossatura, puntatura e apposizione Corona Ducale, che differenzia visivamente il prosciutto di Parma dagli altri prosciutti.



Per quanto riguarda finestre aperte i prosciuttifici di Langhirano che hanno aderito all'iniziativa hanno organizzato l'attività di visita per piccoli gruppi, in 5 tour guidati per gruppi di massimo 10 persone ai seguenti orari: Sabato e Domenica 11/12 settembre: Mattino ore 10,00 – ore 11,30 ; Pomeriggio ore 15,00 – ore 16,30 – ore 18,00.
Una modalità più modesta ma non per questo meno sentita e divertente, un'occasione anche per scoprire il territorio del Prosciutto di Parma ricco di storia, arte e un paesaggio incomparabile che parte dalla pianura padana e sale fino agli Appennini, ricordate che questo è un territorio anche di funghi..
Per saperne di più: 

mercoledì 1 settembre 2021

5 Settembre 2021,Venezia : Regata Storica


Covid 19 permettendo, si cerca di tornare alle attività che sempre hanno caratterizzato la nostra vita. A Venezia la prima domenica di Settembre è il classico appuntamento con la Regata storica.

L'evento vuole ricordare il corteo riservato all’accoglienza nel 1489 di Caterina Cornaro, sposa del Re di Cipro, che rinunciò al trono a favore di Venezia.

L'evento pare abbia una datazione più antica, nato dalla necessita di addestrare equipaggi a remi, in quell'anno si uni la gara con l'evento politico che proiettava Venezia come una delle potenze del Mare Mediterraneo.



Il Corteo Storico è una sfilata decine e decine di imbarcazioni tipiche cinquecentesche, multicolori e con gondolieri in costume, che trasportano il doge, la dogaressa, Caterina Cornaro, tutte le più alte cariche della Magistratura Veneziana, in una fedele ricostruzione del passato glorioso di una delle Repubbliche Marinare più  influenti del Mediterraneo.

Segna un momento storico, di lì a poco ci sarà la scoperta dell'America che cambierà completamente la rotta del commercio, la politica, il potere dei paesi europei, favorendo i paesi che sono sull'Oceano Atlantico (Gran Bretagna, Francia, Spagna, Portogallo).

Oltre al Corteo Storico una competizione con le tipiche imbarcazioni veneziane (pupparin, mascareta, caorlina, gondolino) con diverse categorie, bambini, donne, ragazzi e uomini perchè sapere andare in mare a Venezia è un esigenza più che uno sport anche oggi e serve a ricordare il passato e sostenere il presente.


Il programma dell'evento :

DOMENICA 5 SETTEMBRE

Dalle ore 16.00: CORTEO STORICO  sfilata lungo il Canal Grande di imbarcazioni storiche con figuranti in costume, gondole e imbarcazioni delle associazioni remiere di voga alla veneta. Percorso: Bacino di San Marco, Canal Grande, Rialto, Ferrovia e ritorno lungo il Canal Grande fino a Ca’ Foscari

Alle ore 16.30 Regata de le Maciarele e de le Schie: regata su mascarete a due remi riservata a ragazzi.

Alle ore 16.50 Regata dei Giovanissimi su Pupparini a due remi 

Alle ore 17.10  Regata delle Caorline a sei remi 

Sfida Remiera Internazionale delle Università

Sfida su galeoni a 8 remi tra l’equipaggio delle Università Ca’ Foscari / Iuav di Venezia e le squadre di altre Università., nel percorso tra Rialto e Ca’ Foscari

Alle ore 17.40, REGATA DELLE DONNE SU MASCARETE A DUE REMI. Percorso: Bacino San Marco, Canal Grande, Rialto (giro del paleto all’altezza di San Marcuola), ritorno lungo il Canal Grande e arrivo a Ca’ Foscari

Alle ore 18.10 REGATA DEI GONDOLINI A DUE REMI, percorso: Bacino San Marco, Canal Grande, Rialto (giro del paleto all’altezza di San Marcuola), ritorno lungo il Canal Grande e arrivo a Ca’ Foscari

Per saperne di più:

Regata Storica di Venezia