giovedì 7 ottobre 2021

Andare per Castagne 2021: Cuneo, Marradi, Castel del Rio, Combai, Polcenigo e Valle Isarco


Il mese d'Ottobre è il mese tradizionale dedicato alla raccolta delle Castagne che ci porta alla scoperta del turismo lento di quei paesi della dolce Italia immersi nei colori dell'autunno.

Le regioni più produttive e rappresentative sono Piemonte in particolare la provincia di Cuneo, Toscana, Trentino Alto Adige, Lazio in particolare la provincia di Viterbo, Campania e la meno nota ma di gran qualità della Sardegna. 

I marroni, con i quali si preparano i famosi marron glacè, le zone più vocate sono la Toscana con il Marrone del Mugello, l'Emilia Romagna con il Marrone di Castel dei Rio, il Veneto con Marrone di Combai, Marrone di S.Zeno e il Piemonte con il Marrone della Valle di Susa.

Causa Covid 19 alcuni eventi sono stati spostati, altri riprogrammati per garantire quelle condizioni di sicurezza sanitaria necessarie quando si vuole attirare pubblico.

Appuntamenti per fiere, festa e sagra della castagna e dei marroni in Italia:

Piemonte


Fiera Nazionale del Marrone - 22ª Edizione, Cuneo, 

Venerdì 15 e sabato 16 ottobre: dalle 9.00 alle 23.00 e  domenica 17 ottobre: dalle 9.00 alle 21.00, ingresso libero


L'evento darà ampio spazio ai stands gastronomici e all’artigianato locale, la fiera coinvolge il centro storico della città, da dove si potranno ammirare gli stupendi palazzi medioevali della città. In Piazza Europa con show cooking, laboratori didattici, che avranno come tema le castagne, il marron glacè e i suoi abbinamenti culinari.

Trentino Alto Adige / SudTirol


Settimane delle castagne della Valle Isarco. Delizie culinarie a base di castagne dal 16 fino 31 ottobre 2021

Percorrere il sentiero del castagno che dall'Abbazia di Novecella porta sul Renon, è uno dei percorsi più noti e suggestivi, che a Ottobre, nella tradizione del Sudtirolo si unisce alle castagne il rito del vino nuovo e del raccolto delle mele.

Quest'anno l'evento coinvolge i ristoranti dove verranno proposti menù dedicate alle castagne e ai prodotti del territorio, ricordo inoltre la  Torta di Castagne della Valle Isarco, prodotta da Pasticceria Gasser a Chiusa.

Info. Valle Isarco Turismo

Veneto

Sagra del Marrone del Combai (Treviso) dal 15 Ottobre al 1 Novembre 2021

Un ricco calendario d'eventi con passeggiate e degustazioni gastronomiche come  la minestra di Porcini e Castagne, pasticcio ai marroni, spezzatino ai marroni e polenta, gelato alle castagne.

Da segnalare il percorso n 1024, il sentiero dei marroni dalla percorrenza di 3 ore intorno a Combai. 

Festa delle Castagne di Colmaggiore e delle colline Tarzesi a Tarzo (TV)

Da Domenica 10 a Domenica 17 Ottobre 2021 - dalle ore 20:00, Colmaggiore - Tarzo (TV)

Possibilità di degustazione di marroni tutti i fine settimana e piatti tipici locali come : polenta e osei, spiedo, capriolo, polenta e mus. Visita guidata tra i castagneti di Tarzo lungo la Via dei Murales.

Info: Facebook Pro Loco Tarzo

Friuli



Sagra della castagne di Mezzomonte Fraz. di Polcenigo

Tutti i fine settimana del mese di Ottobre. Un appuntamento tradizionale dell’autunno, castagne e vin brulè, menù a base di castagna, caldarroste, mieli, dolci casalinghi a base di castagna, pasta e fagioli, polenta e salsicce, patatine e vino vecchio e novello.



Festa delle Castagne e del miele di Castagno della Valle di Soffumbergo, Faedis (UD), il 9/10, 16/17 e 23/24 Ottobre.

Emilia Romagna


Sagra del Marrone di Castel del Rio, 10, 17, 24, 31 tutte le domeniche d'Ottobre

In Emilia, a Castel del Rio, a poca distanza da Bologna, una visita per il classico Mercato dei Marroni e per degustare le specialità gastronomiche come i Castagnaccio, i Tortelli di marroni, polenta di farina di castagne, gnocchi di castagne, Marron Glacè, budino di marroni, le frittelle di marroni, anche se una cittadina che offre molto di più al turista.

Info: Proloco Castel del Rio

Toscana

Sagra della Castagna, Marrone di Marradi, 10,17, 24, 31 tutte le domeniche d'Ottobre.

Tra la Toscana e l'Emilia Romagna, siamo nella zona del Mugello, le iniziative più interessante è quella di Marradi, un appuntamento che anno dopo anno abbiamo visto crescere ed evolversi. 

Tra le specialità più rinomate: i tortelli di marroni, la torta di marroni, il castagnaccio, le marmellate di marroni, i marrons glacés, i “bruciati” (caldarroste). Per le vie del paese in vendita i classici prodotti del bosco e sottobosco.

Info: Strada del Marrone del Mugello di Marradi

Castagna in Festa ad Arcidosso, a Castagna del Monte Amiata, Toscana dal 16 Ottobre al 17 Ottobre e dal 23 al 24 Ottobre 2021.

Arcidosso è il comune più rappresentativo della Castagna del Monte Amiata, la festa prevede rievocazione storiche, mercatino delle pulci, stand gastronomici. Caratteristica della castagna del Monte Amiata è il sapore delicato dovuto al terreno di rocce vulcaniche di trachite, Le varietà riconosciute sono Bastarda Rossa, Marrone e Cecio. Evento organizzato dal Comune e dalla Pro loco  di Arcidosso.



Lazio

Sagra delle castagne di Soriano del Cimino in Provincia di Viterbo, 8/10, 14/17, Ottobre 2021

Una manifestazione storica rievocativa dei giochi e dei tornei del Medio Evo con percorso enogastronomico presso le Taverne delle quattro Contrade, ma anche tornei di cavalieri disputa del Palio delle Contrade, concerti di musica e castagne un binomio vincente storia e castagne.



Sagra della Castagna e del Marrone di Vallerano (VT), i giorni 16/17 Ottobre e dal 22 al 1 Novembre 2021


Al momento della pubblicazione non abbiamo avuto conferma della altre sagre che si tenevano nelle altre regioni e località della : Val d'Aosta, Liguria, Lombardia, Trentino, Umbria, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Qualora ce ne daranno conferma vi aggiornerò in merito.

Non siamo responsabili qualora qualche evento venga annullato all'ultimo momento, purtroppo emergenza Covid ha reso tutto più difficile.

venerdì 1 ottobre 2021

Fiori e Sapori d'autunno sul Naviglio Grande a Milano, Domenica 3 Ottobre 2021


Grande appuntamento Domenica Mattina a Milano, per il tradizionale e classico appuntamento di fiori e sapori d'autunno di Ottobre 2021, le edizione precedenti causa Covid sono state annullate.

Un appuntamento che coinvolge Florovivaisti da tutta Italia, laboratori artistici del settore e produttori di sapori ricercati con degustazioni di prodotti tipici, in particolare della Lombardia, partecipano diverse aziende che producono riso in Pianura Padana, per risotti speciali, farine alternative, produttori di formaggi locali, aziende agrituristiche biologiche, produttori di miele, prduttori di vino che garantiscono senza spostarsi dalla città un’esperienza unica nel suo genere.



Per garantire la totale sicurezza della manifestazione  si chiede di seguire semplici regole per garantire il corretto svolgimento dell’evento ed evitare situazioni inutilmente rischiose:

- rispettare le distanze di sicurezza per evitare assembramenti

- l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una certificazione verde COVID-19 cioè il Green Pass in base all’articolo 9-bis del decreto-legge n. 52 del 2021 anche se comunque l'evento si svolge all'aria aperta.

Orari:

La manifestazione si svolgerà dalle 8:30 alle 18:30. La visita è libera e gratuita.



Come da consuetudine, per l’occasione i numerosi atelier, negozi, locali e ristoranti della zona resteranno aperti.

La manifestazione è organizzata dall’Associazione del Naviglio Grande, che dal lontano 1982, si è posta l’obiettivo di valorizzare uno dei luoghi più caratteristici ed apprezzati di Milano.

Per saperne di più: Associazione Naviglio Grande

venerdì 24 settembre 2021

Autunno della farina di pere (Birmehl) a Verdignes e Pardello (Chiusa, BZ)


Domenica 26 settembre 2021 a partire dalle ore 10:00 si terrà a Verdignes e Prarello (Chiusa) la manifestazione culturale e gastronomica "Autunno del Birmehl". 

L'obiettivo dell'evento è riportare in vita e fare conoscere un antica usanza contadina di queste due località della Valle Isarco.

A chiunque sarà capitato di andare in Alto Adige avrà notato la varietà di farine e ingredienti che comunemente si usano in cucina, qualche volta sono dettati dalla tradizione, qualche volta sono dettati dalle esigenze e virtù della vita di montagna.

La farina bianca era un prodotto per ricchi, cosi nasce l'esigenza di mescolare altre farine a seconda delle ricette, un esempio su tutte la farina di castagne, le castagne in questa zona vengono utilizzate sia per dolci che per il pane, primi piatti.

In questa zona dell'Isarco invece è natala tradizione della farina di pere, che sostituiva parte della farina ma anche dello zucchero.

La sua produzione era molto complessa e lunga, una vola raccolte le pere denocciolate o intere venivano essiccate, ottenendo così la cosiddetta Kloaz, che poi veniva macinata trasformata in farina. I numerosi pereti di Verdignes erano considerati la fonte migliore per ottenere la farina, tanto che un tempo questa località veniva chiamata ironicamente Birmehldorf , "paese della farina di pere".


Nel 2014 è stato creato anche un percorso tematico chiamato Sentiero Birmehl che inizia da la piazza principale  di Verdignes , e toccando i prati aridi che ricoprono il lato meridionale del colle della chiesa, scende al borgo di Pradello, per poi risalire fino al maso Moar zu Viersch, immerso nel verde, e fare quindi ritorno, su un antico sentiero lastriciato, al punto di partenza, adatto a tutta la famiglia, lo si percorre in un ora e mezza.

Saranno presenti diversi luoghi dove degustare specialità contadine e preparazioni con farina di pere a Verdignes : Pasta all'uovo con farina di pere e selvaggina (Jager), Ravioli di farina di pere ripeieni con patate e formaggio, pane con farina di pere (Bar Gosser), gnocchi di farina di pere, strigoli di farina di pere (Gasthoh St. Valentin), strauben di farina di pere (Associazione anziani) , si potranno inoltre degustare antiche varietà di frutta locali messe a disposizione delle diverse aziende di coltivatori locali della zona.

Come arrivare a Verdignes : Attraverso la Val d'Isarco fino a poco dopo Chiusa e in salita fino a Velturno. A Velturno si prende la strada fino a Verdignes.

Per saperne di più: 

Associazione Turistica di Chiusa


venerdì 17 settembre 2021

Cicladi, Grecia : il mare di settembre tra sapori, colori e storia

© GNTO Y Skoulas
Chi può andare controcorrente può essere molto fortunato, la bassa stagione è il momento ideale per godersi i luoghi di villeggiatura, come la Grecia, specialmente nelle Cicladi, che sono una delle mete più ambite dei mesi estivi come Luglio e Agosto.

Le temperature difficilmente scendono sotto la media dei 27 gradi, sono garantiti 26 giorni di sole, i prezzi sono più bassi rispetto a Luglio e Agosto, non solo di Hotel ma anche d'aereo e traghetti.

Se i turisti d'agosto sono votati al mare e alla spiaggia, a settembre  i turisti oltre a scoprire le spiagge sabbiose e le acque cristalline, sono interessati a scoprire la vita locale, la natura, la cultura locale ed è più facile avviare una conversazione con gli abitanti.


Ci sono attività più facili da fare in questo periodo come i percorsi escursionistici nell'isola di Sifnos e Santorini, un conto è fare trekking con 45° un conto con 27°, una temperatura più mite ma anche più piacevole.

Il mese di Settembre può essere il periodo migliore per rispolverare le pagine di storia attraverso la visita dei siti archeologici e le testimonianze del passato come:

il Tempio di Apollo e Artemide a Delos, i resti dell'antica città di Fylakopi e il Forte Veneziano di Plaka a Milos, Portara, ovvero la famosa porta del tempio di Apollo e il tempio di Demetra a Nasso, Museo Archeologico nella città di Paroikia a Paros, il sito archeologico di Kastri e Chalandrani e il  Museo archeologico di Sifnos, il castello di Oria a Kithnos, nonchè tutti i Monasteri  e le chiese delle isole che contengono oltre che testimonianze di fede, oggetti d'arte e di cultura millenaria.


Settembre è anche un ottimo periodo per apprezzare le delizie gastronomiche delle Cicladi: dell'Isola di Santorini, sono molto apprezzati i pomodorini, le fave, ma in modo particolare il vino, la produzione vitivinicola caratterizzata da un vitigno autoctono l 'Assyrtiko, vitigno resistente alle malattie che permette di ottenere una buona qualità di vini bianchi secchi e un vinsanto particolarmente apprezzato a livello internazionale. 

photo © GNTO F Baltazis
Se dovessimo accostare  alle isole Cicladi  un sapore, questo sarebbe il sapore del miele con il profumo di  cannella, chiodi di garofano, acqua di rose, frutta sciropposa e mandorle tostate. Il dolce alle mandorle  più noto è Amigdalota, fatto con di mandorle sbollentate macinate impastate con acqua di rose e zucchero e cotte al forno e spolverizzate da zucchero a velo, immancabile in tutte le isole Cicladi.

Da provare anche la Koufeta, un dolce tradizionale a base di mandorle con la pelle aggiunte al miele di timo bollente, tipico dell'isola  di Santorini.

L'isola di Siro è invece famosa per loukoumia, l'isola di Nasso per la torta alle noci, l'isola di Ios è famosa per il formaggi con cui si realizzano dolci come kalasounia con aggiunta di pasta fillo, miele e cannella.

Fuori stagione le Cicladi sono delle isole da scoprire nei suoi aspetti forze meno noti ma che le rendono una delle destinazioni più interessanti ricche e complete.

Per saperne di più e le informazioni Covid:

Info e foto: Visit Greece

Post correlati

Sifnos le Cicladi per un turismo lento

Syros, la capitale delle Cicladi

Santorini in Virtual Tour

Isola della Lentezza: Kithnos

Isola della Lentezza: Amorgos