martedì 1 dicembre 2020

In cerca di nomadi digitali : Islanda, Thailandia, Hawai, Portogallo (Covid Free)


Volevo condividere con voi alcune riflessioni sulla nuova offerta di turismo, il Covid 19 rende difficile per molti paesi contare su una delle entrate più remunerative.

Tanti paesi economicamente dipendono dalle entrate turistiche, cosi in quest'ultimo periodo molti paesi provano a creare nuovi prodotti turistici come quello di rendersi residenza temporanea per alcuni gruppi di popolazione.

Fino a qualche anno fa il gruppo più ricercato era quello dei pensionati, degli ultra settantenni in particolare del Nord Europa, Canada e Stati Uniti, cosi molti paesi hanno offerti servizi adatti alla terza età, per esempio nei Usa: la Florida,  Portorico. 

Oggi invece sono i nomadi digitali, il gruppo più ambito, in quanto si ritiene che sia un lavoro remunerativo che si può svolgere in qualsiasi luogo.

Molte destinazioni si impegnano fornire per un periodo più o meno lungo anche fino a sei mesi la possibilità d'essere luogo di residenza temporanea con visto facilitato con delle agevolazioni o a volte porsi come un' esperienza diversa della propria vita.



Il caso Islanda

La piccola isola Europea nel 2010 accoglieva 500.000 turisti mentre nel 2018 ben 2,3 milioni su una popolazione di 366.000 abitanti , un vero e proprio boom turistico per un numeri cosi esiguo di residenti.

Cosi il paese ha deciso di favorire soggiorni di un periodo più lungo per arricchire il tessuto socio culturale del paese.

Gia c'era questa possibilità per tre mesi ora invece con programma Work in Island, c'è la possibilità per coloro che lavorano in remoto di fermarsi in Islanda sei mesi.

Sei mesi, senza trasferire la propria residenza, il governo islandese richiede però un reddito minimo occorre garantire un introito equivalente a un milione di corone islandesi mensili , l'equivalente di circa 6.200 euro o 8.000 euro se ci si trasferisce con il proprio compagno o compagna.

La situazione Covid 19 è monitorata attualmente si può parlare dall'inizio dell'epidemia di 5.400 casi e 26 decessi.

Per saperne di più: Work Island 



La Thailandia 

Con Easy Access,  ai stranieri che acquisteranno una o più unita abitative dal valore minimo di 330.200 dollari la possibilità d'ottenere un permesso di soggiorno quinquennale più alcuni benefit in aeroporti o  mobilità interna del paese.

Dal punto di vista del Covid 19 la Thailandia è stato il primo paese fuori dalla Cina a riconoscere il primo caso di Covid, si sono registrati 4.000 casi e 60 morti, è uno dei paesi meno coinvolti dall'Epidemia nella zona asiatica.

Per saperne di più: Thailand Elite




Hawai

Grazie all'isolamento di cui le Hawai godono è stato lo stato americano tra i meno toccati dal virus, forse è lo stato americano che ha fronteggiato meglio l'epidemia.

In prossimità delle vacanze invernali, periodo considerato di alta stagione per le isole, è stato approvato un piano per garantire sia popolazione che i turisti ad una vacanza sicura.

I viaggiatori che arrivano tutti in aereo viene richiesto un test negativo al Covid oppure una quarantena di due settimane, viene previsto inoltre secondo tampone durante pochi giorni dall'arrivo (dopo 3 giorni).

Le Hawai sono lo stato americano che meglio ha risposto all'uso delle protezioni tutti indossano le mascherine e si attengono alle disposizioni per le protezioni.

Le Hawai hanno avuto dall'inizio dell'epidemia circa 18.000 casi con 400 decessi, attualmente i positivi sono circa 5.000.

Per saperne di più: Go Hawai



Portogallo

Oltre l'Islanda che ha stabilito un proprio programma per accogliere i nomadi digitali uno dei paesi più interessati per potersi trasferire per lungo tempo è il Portogallo.

Esiste gia un programma dedicato ai pensionati cioè lo statuto di residente fiscale non abituale che dura dieci anni che prevede un imposizione fiscale si solo il 10% sui redditi passivi e redditi di pensione. Tenete presente che il costo della vita è il 30 % inferiore che in una media città italiana.

Dal punto di vista del Covid si parla dall'inizio dell'epidemia di soli 425.000 casi e 4.427 decessi, attualmente  ci sono 80.000 i positivi e i dati della seconda ondata sono stati tra i migliori in Europa, tuttavia ricordate che fino all' 8 dicembre c'è lo stato di emergenza che limita la circolazione tra comuni la sera tra le 23 e le 5 del mattino e l'obbligo di mascherine e distanziamento sociale.

Per saperne di più : 

Turismo Portogallo

Associazione Italiani a Lisbona

Pensionati Italiani in Portogallo


Beati coloro che sono nomadi digitali o pensionati che si possono garantire certe soluzioni, indipendentemente dalle motivazioni fiscali e dai dati sui contagio Covid in Europa i paesi con minor numero di contagi sono Norvegia, Grecia e Finlandia nel mondo invece Cuba, Nicaragua, Costarica e molti paesi del continente Australiano e Oceania.

I costi sono molto alti in alcuni paesi richiedono di spendere almeno alcune cifre, sono dei sorta di visti d'ingresso a pagamento, non so quanto questi hanno a che fare con il turismo.

Tuttavia io consiglio sempre di verificare la possibilità d'ingresso e i limiti posti da Covid 19, paese per paese, e di tenere presenti i costi dell'assistenza sanitaria che in Italia è garantita dallo stato ma non in tutti i paesi, pertanto consiglio un assicurazione sulla sanità sempre e comunque.