sabato 29 settembre 2012

GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2012 - “L’ITALIA TESORO D’EUROPA”

Come tutti gli anni il prossimo weekend è dedicato alle Giornate Europee della Cultura, un evento nato per sensibilizzare i cittadini dei vari paesi europei alla ricchezza e alla diversità culturale, in questo periodo di crisi economica è ancora più importante, creare un clima di serenità per fare accettare il ricco mosaico delle culture europee e favorire una più grande tolleranza in Europa, sensibilizzare il grande pubblico e il mondo politico alla necessità di proteggere il patrimonio culturale, anche se fino ad adesso le iniziative sono di dubbia natura, speriamo in un futuro più ricco e lungimirante.
Ogni regione adotterà le sue iniziative con visite programmate e musei aperti, difficile dare indicazioni il mio consiglio è di vedere elenco presso il sito dei Beni Culturali è suddiviso in regioni.
Ritengo forse a torto che ci vorrebbe un iniziativa univoca che colleghi tutte le regioni d'Italia e le nazioni d'Europa, perfino le giornate del patrimonio ogni paese le festeggia quando vuole e le moltiplici iniziative locali non aiutano a creare quell'unione di sentimento che ci vorrebbe sia formale che di comunione d'intenti.
Un po' di polemica per mettere del pepe su un' iniziativa importante ma un po' distratta.

lunedì 24 settembre 2012

Chiusa / Klausen: Gassltörggelen 2012, la festa del Törggelen

 
Il Törggelen è già iniziato alla metà del mese di settembre, un evento di cui abbiamo parlato spesso nel blog, è quella tradizione di percorrere sentieri a mezza costa tra montagna e valle d'Isarco per degustare il vino nuovo nei masi storici accompagnati da piatti della tradizione contadina tipica di questa zona, un evento che nell'autunno richiama tanti camminatori e golosi.
Per tutti coloro che non ci sono mai stati, magari non hanno voglia di camminare, un primo approccio interessante lo offre la città di Chiusa, situata sulla ciclabile del sole che da Monaco porta a Verona e Venezia, è un po' il punto di riferimento, ha deciso di festeggiare il Törggelen con una festa nelle vie della città, che si svolgerà il 22 e il 29 Settembre e il 6 Ottobre.
IL 22 grande sfilata, il 29 in mostra l'artigianato tradizionale, mentre il 6 Ottobre una grande festa dalle 12 alle 24 con canti, balli, elezione della regina del Törggelen.
In diversi punti della città ci saranno luoghi per degustare le tipiche specialità del Törggelen sia ristoranti e bar che stand allestiti per l'occasione, qualche esempio:
Sulla TinnerPlats da Burger Kapelle Klausen: minestra d'orzo, canederli con insalata di crauti, carne e salsiciccia con crauti, krapfen, strudel di mele, caldarroste.
Alla Vinoteche divino, nella via centrale Oberstadt: Spätzle al pane croccante con fette di speck e formaggio di montagna, mezzelune alla zucca, gnocchi con ragù di selvaggina, tiramisù alla castagna, Krapfen con spinaci, Strauben.
Da Walther von der Vogelweide: Minestra di Gulash, polenta con finferli e gorgonzola, blattin di patate con crauti, costolette con crauti, canederli di prugne.
Se invece vi vien voglia di fare due passi l'evento mette a disposizione una proposta escursionistica molto interessante, denonimata "Sentiero del vino a Coste" che parte dal parcheggio della Piscina di Chiusa e vi porta a conoscere i luoghi di coltivazione della vite e le cantine della Valle d'isarco dove si producono i vini bianchi come Sylvaner e Riesling recensiti nelle migliori guide enologiche.

Foto del Gassel Torgglen 2011

Sulla mappa i punti di ristoro con le specialità tipiche della Valle d'Isarco


Visualizza Chiusa / Klausen, Gassltörggelen in una mappa di dimensioni maggiori

Arrivare a Chiusa/Klausen:  si raggiunge con la ferrovia sulla linea del Brennero, in bicicletta con la ciclabile del Sole e gli autobus Sudtirol Mobilità come la linea Bolzano Bressanone, Ponte Gardena Barbiano

sabato 22 settembre 2012

Eco Dolomites Weekend: Val Gardena Giornata senz'auto e Sella Ronda Bike Day

Un sabato e una domenica senza auto, un weekend dedicato alla bicicletta in Val Gardena, infatti il giorno 22 parte l'iniziativa Val Gardena Giornata senza auto un cuore per l'ambiente, un' iniziativa che vuole portare il dibattito della mobilità ecosostenibile in Val Gardena.
Si svolgerà un congresso sulla mobilità elettrica con esperti di e-mobility mentre alle ore 10.30 un viaggio ecologico con veicoli elettrici sui quattro passi dolomitici: sul Sella, Pordoi, Campolongo e Passo Gardena con ritorno a Selva, 56 km e 1.677 metri di dislivello. 
In questi anni la destinazione turistica ha potenziato i collegamenti con le maggiori atttrattive turistiche con autobus, al fine di permettere una vacanza senza auto, con la tessera Val Gardena Card, che include anche Mobil Card Alto Adige per una vacanza senza auto con meno CO2.


Sella Ronda Bike Day, 23 Settembre 2012 
Una domenica per i più sportivi, oramai è diventato un appuntamento classico per gli appassionati della montagna e della bicicletta per due volte all'anno, primavera e autunno, anche questa volta il tempo previsto è buono e soleggiato per la maggior parte della giornata. 
Appuntamento per tutti, domenica 23 Settembre sul Sella dove per tutto il giorno, o meglio dalle 8,30 alle 15,30 i passi Sella, Gardena, Pordoi e Campolongo saranno chiusi al traffico e si potra circolare solo in bicicletta. 
La partenza è fissata per le ore 9,00 da Selva di Val Gardena
Un' esperienza fantastica potere andare in bicicletta sui passi dolomitici senza auto in piena libertà mentre gli altri giorni si rischia sempre di essere sfiorati da auto e bus, anche se dal punta di vista tecnico non è difficile è un percorso molto impegnativo, ci vuole allenamento per via del dislivello, un sali scendi abbastanza impegnativo, ma la scorsa primavera eravamo in 20.000.

domenica 16 settembre 2012

I Mercati della Provenza Romantica, il Luberon per Food Lover: Apt, Lourmarin, Bonnieux, Gordes

Questa settimana vi porto con me in Provenza a camminare lungo le vie ciotolate di vecchi paesi e villaggi, qualcuno in pianura qualcuno arroccato su una collina che guarda il mediterraneo, girovagare tra i colori e i profumi dei mercati mi piace e mi diverto. La Provenza è un territorio molto vasto, è quella che una volta si chiamava Occitania, che va dal confine con l'Italia fino a Marsiglia, una regione suddivisa in più distretti.
Il Luberon, il distretto meno noto nasconde un anima romantica , come i produttori agricoli del territorio appassionati del loro lavoro. Il Luberon forse è il distretto meno noto e conosciuto, va da Cavaillon a Monesque, ma è un autentico paradiso per i food lover, pochi sanno che provengono da qui la maggior parte dei prodotti agricoli e alimentari che arricchiscono le bancarelle dei mercati lungo la Costa Azzurra , miele, olive, vino, dolci, pane, ciliegie, albicocche, funghi, tartufi, uva e frutta candita.
Nulla di meglio che venire a controllare direttamente sul posto per un buon acquisto, no?

Per i più sportivi tutti i villaggi e i paesi dei mercati sono collegati con piste ciclabili ben delineate e segnalate.
Il consiglio è quello di soggiornare ad Apt il capoluogo può essere un ottimo punto di partenza per spostarsi nelle diverse località, oppure alloggiare in una delle magnifiche Auberge o Bastide sparse sul territorio, delle residenze di autentico charme tra i produmi di timo e lavanda.


Apt, mercato sabato mattina
Il capoluogo del Luberon è Apt, il suo mercato è noto in tutta la Francia fin dal Medioevo, coinvolge tutta la piccola cittadina, secondo molti è il migliore di Francia, inizia la mattina presto ma si allunga per tutta la giornata specie in estate, vi si trova quanto di meglio la stagione e la regione offre dai tessuti alla frutta.
Tra le diverse bancarelle ho scelto : le jardin de nos grand meres, un azienda bio agricola di Bonnieux, che possiamo trovare tutti i sabati in Place Carnot, pianta aromatiche, varietà di pomodori antichi, l'azienda bio segue i ritmi delle costellazione e dei pianeti per la semina e la raccolta, sono circa 800 le varietà di piante che vengono coltivate nella sua azienda.
Il pane di Apt da  Le fournil del Lauberon da Jean-Loius Vallocco in Place de la Bouquerie, il miglior pane della provincia che viene fatto con "blé meunier d’Apt" una varieta di grano protetto da Slow Food.
Confiserie le Coulon, 24 Quai de la Liberté, la frutta candita è una specialità regionale, utilizzano solo frutta locale di qualità come i clementini della Corsica.
Sempre ad Apt il Martedi mattina sul Cours Lauze de Perret, si tiene il mercato di produttori locali che fanno parte del Parco Naturale Regionale del Luberon
Mercati in Luberon:
Coustellet, Mercato domenica mattina
Lourmarin, Mercato Venerdì Mattina 
Bonnieux, Venerdì mattina 
Cavaillon, Mercato lunedì mattina 
Gordes, Mercato Martedi mattina 

I musei Gourmand : 
Musée de la LavandeRoute de GordesCoustellet 
Musée de la Boulangerie12, rue de la RépubliqueBonnieux

I miei indirizzi i posti dove sono stato e mi sono trovato bene:

Alloggi con ristoranti, Hotels + Restaurant:

Apt
Hôtel-Restaurant Des VoyageursSan Saturnin Apt, Albergo ristorante in un piccolo villaggio, con un buon rapporto qualità/prezzo.

Bonnieux
Auberge de L'Aiguebrun, Bonnieux, Hotel ristorante, sorge in collina in mezzo alla natura, un luogo molto tranquillo.
Le Fournil, Bonnieux Ristorante dei due chefs Guy Mlbec et Jean-Christophe Leche, al centro del villaggio in posizione molto tranquilla.

Loumarin

Gordes
Les Bories, Gordes, Hotel chic sulla strada per Abbazia si Senanque

Acquisti: 

Cucuron (vicino Lourmarin)
Moulin Dauphin, a Cucuron, olio d'oliva di Provenza, saponi e profumi.

Lourmarin
Château Constantin-Chevalier, a Lourmarin, un azienda vitinicola che della qualità dei suoi il suo portabandiera, è inserita all'interno dell'azienda Olivette.

Gordes
Olives, a Gordes, Olive, olio di Provenza, olio aromatizzati.

Bonnieux
Château La Canorgue, a Bonnieux, produttore di vino sopratutto rossi piacevolmente fruttati.

Menerbes (sulla strada tra Cavaillon e Bonnieux)
Domaine la Citadelle Winery & Corscrew Museum, produttore di vino con annesso museo di Tire-bouchon

Luberon in Bicicletta , Noleggiare biciclette:

-XTrem Bike Shop, Eric Delair - 422 avenue Victor Hugo, Apt T. +33 (0)4 90 74 61 66 Email : xtrem-bike@hotmail.fr

-Luberon Cycles, Philippe Pierson - 86, Quai Général Leclerc T./F.:+33(0)486691900 philippe.pierson94@sfr.fr

Per i soggiorni in bicicletta in Luberon ci sono i circuiti per 236 km, i circuiti più frequentati sono Les Ocres de Luberon di 51 km da Apt a Villars e la route du Cavalon, da Cavaillon a San Martin di Castillon, per soggioni e paccheri per ciclisri 

Luberon in religione

Per chi cerca un attimo di raccogliemento non deve mancare una visita presso Gordes della Abbazia di Senanque, monastero del XII° sec. famoso perchè è quello più fotografato con i suoi campi di lavanda, ma è anche uno degli edifici storici di tutta la Francia.



Visualizza Il Luberon for food lover in una mappa di dimensioni maggiori


giovedì 13 settembre 2012

Festival del Prosciutto di Parma, Langhirano

Si tiene anche ques'anno dal 7 al 16 Settembre, a Langhirano il Festival del Prosciutto di Parma, un momento di festa per tutti il territorio, per i produttori e per tutti i golosi, un modo per scoprire quelle che sono le pecularietà di un prodotto tipicamente italiano.
Il Prosciutto di Parma Dop si produce in “zona tipica”: un’area estremamente limitata che comprende il territorio della provincia di Parma posto a sud della via Emilia a distanza di almeno 5 Km. da questa, fino ad un’altitudine di m. 900, delimitato a est dal fiume Enza e a ovest dal torrente Stirone. 
Qui e solo qui, in dodici piccoli comuni delle colline parmensi, è possibile produrre il migliore Prosciutto di Parma.
Uno degli eventi più importanti è la kermesse Finestre aperte: i prosciuttifici apriranno le porte a tutto il pubblico, offrendo la possibilità di assistere al ciclo di lavorazione del Prosciutto di Parma e di partecipare a degustazioni gratuite. Saranno gli stessi produttori a illustrare tutti i segreti di produzione e quel mix di magica combinazione di clima, tradizione e passione che hanno la possibilità di caratterizzare i celebri Prosciutti di Parma.
Festival Prosciutto di Parma 07.jpg
La novità che interessa noi di Turismo Lento Un servizio di bus navetta che verrà messo a disposizione dei turisti per accompagnarli nelle aziende aderenti all’iniziativa Finestre Aperte in questo modo basta raggiungere Langhirano ed è possibile lasciare l'automobile.
Da non perdere anche la visita al Museo del Prosciutto e dei Salumi di Parma, nell’antico Foro Boario di Langhirano,  le degustazioni del Prosciutto di Parma in molte aziende saranno offerte in abbinamento ai migliori vini locali.
Io un assaggio non me lo fatto mancare :-)

Ristoranti e agriturismi della zona, partecipano al Festival offrendo menù speciali

mercoledì 5 settembre 2012

Da Ortisei stazione funicolare del Rasciesa in Val Gardena alla Malga Brogles in Val di Funes

Questa settimana avrei dovuto raccontarvi della scalata dello Stelvio, per tutto il giorno di sabato la strada del Passo dello Stelvio chiusa al traffico alle auto e solo per i ciclisti ma il brutto tempo la pioggia e la neve sul passo mi ha fatto desistere dalla mia buona volontà e ho deciso di cambiare e portarvi con me dalla Stazione di Rasciesa a Ortisei in Val Gardena alla Malga Brogles in Val di Funes.


Questa è una delle escursioni più frequentate in qualsiasi stagione, adatta a tutta la famiglia, definita facile da molti escursionisti in realtà c'è un sali scendi un pò impegnativo di un circa un ora e mezza, tra mucche che prendono il sole e cavalli che scorazzano liberi sui prati, è un panorama magnifico sia sulla Val di Funes che sulla Val Gardena, con una magnifica vista sullo gruppo delle Odle del Parco Naturale del Puez-Odle.


Da Ortisei si raggiunge la Funicolare del Rasciesa, un piccolo trenino che vi porta fino al Rasciesa 2.163, in 8 minuti con un dislivello di 818m, al costo di a/r 16 euro. Inaugurata nel 2010 ha sostituito la vecchia seggiovia degli anni '50. Dalla stazione della funicolare prendete il sentiero 35, passate dalla Baita Cason, dove producono formaggio fresco e yogurt e proseguite verso la Malga Brogles, circa un ora e mezza.


Dopo il ristoro alla Malga Brogles m.2045, i più atletici possono raggiungere a piedi le malghe della Val di Funes, come la Malga Zannes, la Malga Gampen, Malga Casnago ,chi vuole può tornare indietro da Ortisei per il sentiero 5 fino alla stazione intermedia della funivia Seceda, altrimenti tornare indietro e riprendere il trenino del Rasciesa.

I tre posti di ristorazione sono il:
- Chalet Ristorante Rasciesa all'arrivo del trenino, con una bella terrazza e una buona offerta di piatti tipici com i tortelloni al formaggio, polenta, funghi, gulash.
- Baita Cason, latte, latticello, yogurt e formaggi freschi, offrono anche piatti caldi e freddi, i dolci sono fatti in casa lo strudel è uno dei dolci più buoni, uno dei pochi posti dove mangiare uno strudel tradizionale  e non industriale.
- Rifugio Malga Brogles, piatti tipici della tradizione come uova, patate e speck, pasta del montanaro, canederli e speck con formaggi. 
Per una vacanza senza auto in provincia di Bolzano : Mobil Card Alto Adige,  un sistema di collegamento efficiente tra treno, bus, funivie e speciali programmi per visite ai musei e bike, per 1, 3, 7 giorni. Turismo lento eco go slow e sostenibile è anche muoversi utilizzando i mezzi alternativi alle auto al fine di ridurre le emissioni di CO 2 nell'atmosfera.
Inoltre per chi sceglie solo la Val Gardena c'è la Val Gardena Card per 3 o 6 giorni con uso illimitato di funivie, seggiovie, telecabine e autobus.

Ma come si marcia in montagna, cosi!


Vi ricordo inoltre i due appuntamenti più importati della prossima settimana , in Val Senales, il sentiero più antico della storia, luogo dei ritrovamento di Otzi, sulla transumanza delle pecore e per i più sportivi il Tour dei Geants in Valle d'Aosta.

Post Correlati:
I costumi tradizionali della Val Gardena
Il roseto più alto d'Europa a Bulla Ortisei
Il raduno delle Vespe a Ortisei, Val Gardena
Alpe di Siusi, Silenzi d'Alpe
Renon Museo Plattner
Val di funes il sentiero natura Zannes
Alta Badia i percorsi del sè
Paesi Slow Barbiano