mercoledì 31 agosto 2011

Bolzano e i suoi mercati: Mercato di Piazza delle Erbe, Mercato del contadino, Mercato del Contadino Biologico

Sono sempre in Alto Adige e con la mia bicicletta mi sono recato a Bolzano, dopo avervi fatto vedere il mese scorso i mercati di mare, vediamo ora i mercati di montagna, una sosta d'obbligo è il mercato giornaliero di piazza delle Erbe in fondo ai portici, un mercato che si tiene dal 1295, è sempre stato nel bene e nel male una sorta di testimone del bilancio dell'andamento dell'economia,  ma rispetto ad alcuni anni fà l'ho trovato cambiato , merce con prezzi alti e che poca avevano a che fare con i prodotti del territorio, quello che in genere ci si aspetta da un mercato di montagna non sono certo aglio, peperoncini, mango essicato e datteri, si vede che questa è la nuova realtà dell'economia della città di Bolzano.


Tanti banchi vuoti, perchè i vecchi gestori si sono ritirati e non ci sono dei giovani pronti a sostituirli, i venditori di frutta e verdura sono più stranieri, arabi, turchi e pakistani, che hanno molta più famigliarità con le spezie e la frutta esotica, che aiutano cosi ad ampliare la sfera del gusto della gente di montagna.



Sono però anche tornati dei banchi nuovi come quelli del pane e delle piante, l'aria di crisi di questo mercato è percepibile, un vero peccato, ma questo capita perchè gli abitanti di Bolzano si indirizzano verso altri mercati, non si riconsocono più nel mercato delle Erbe il loro punto di riferimento.

Il mercato del contadino e il mercato biologico del contadino
Quindi se volete vedere i mercati di frutta e verdura, dove va la popolazione locale, dovete recarvi al mercato del contadino con soli prodotti locali e il mercato biologico del contadinoi mercati frequentati dagli abitanti di Bolzano, per cui non dimenticate martedì, il mercato del contadino e venerdì il mercato biologico del contadino tutti e due in piazza Municipio.

Bolzano, Piazza Mazzini 7.00-13.00
Bolzano, Viale Europa 7.00-13.00
Bolzano, Piazza del Municipio 7.00-13.00

Venerdì, mercato del contadino biologico:
Bolzano, Piazza Municipio 7.00-13.00


lunedì 29 agosto 2011

La Ferrari Bike, l'unica Ferrari che guiderei, la Ferrari del turismo slow

Sto preparando nuovi percorsi di viaggi, intanto nell'attesa vi lascio questa immagine scattata in un autogrill a Innsbruck, è la Ferrari giusta per me, l'unica che potrei guidare... ho trovato l'idea molto divertente, per chi vuole andare go slow senza rinunciare alla rossa, a presto con nuovi aggiornamenti.

sabato 20 agosto 2011

Chiusa, una gustosa, nobile e spirituale sosta sulla pista ciclabile Brennero-Verona

Chiusa si trova su uno dei percorsi ciclabili più interessanti, la nuova ciclabile della Valle Isarco, una parte della cosiddetta Via del Sole, che in un futuro non meglio precisato collegherà Monaco con Napoli, per ora collega solo Monaco con Verona. Devo dire che è una ciclabile molto frequentata, non l’ho percorsa tutta, ma solo il tratto FortezzaBolzano .


Devo dire che il percorso che segue il corso dell’argine del fiume Isarco tra stata statale 12, la ferrovia è ricco e vario, anche si un certo impegno ma adatto a tutti sia principianti che veterani. Il percorso permette di godere dei bei panorami delle montagne alpine, magnifiche le viste sullo Sciliar ma anche d' attraversare tante località ricche di storia. Così proprio passando per Chiusa incuriosito mi sono fermato per una visita. La cittadina di Chiusa dimostra una buona accoglienza per i biker con tutti i locali commerciali dagli hotel ai ristoranti che nell’assistenza tecnica.



La città di Chiusa ha avuto un passato di nobile origine ma soprattutto raccoglie quello che è l’eredità spirituale di tutto il Tirolo, ha ospitato fino all’anno 1000 la sede vescovile dove ora ha sede il convento di Sabiona che ospita delle suore benedettine di clausura.

L’importanza di Chiusa del passato è dato dal suo centro storico con casa ricche finemente decorate. Oggi Chiusa è una citta dove ha la produzione una delle aziende più grandi per la produzione di Speck ed è un centro di produzione di vini  Eisacktaller Kellerei in rappresentanza di tutta la Valle d'Isarco, dai vini bianchi come Sylvaner , Muller Thurgau, Gewürztraminer ai vini rossi come come Santa maddalena e Pinot nero per cui la zona è vocata alla coltivazione delle uve e la produzione di vino.

La cittadina di Chiusa, al turista offre la visita al Monastero dove si produce un vino bianco molto delicato, la visita della città e per chi ama lo sport oltre che la bicicletta offre una delle piscine pubbliche più belle e grandi dell'Alto Adige.




tappa: Fortezza a Bolzano

Località: Stazione di Fortezza - Lago di Varna - Varna - Bressanone - Albes - Chiusa - Ponte Gardena - Colma - Campodazzo - Prato Isarco - Cardano - Bolzano

Lunghezza percorso: 52,35 km
Dislivello complessivo: 80 metri in salita, 580 metri in discesa
Tempo di percorrenza effettivo: 2,5 ore
Tempo di percorrenza consigliato: 5 ore
Grado di difficoltà: facile/ medio

Da segnalare il Bike stop Lanz nei pressi di Varna a Sciaves con Bike service

La bikemobil Card è un biglietto combinato per l'utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico e di una bici a noleggio, valido in tutto il territorio provinciale. È disponibile in versione giornaliera, per tre o sette giorni consecutivi

Eisackbike Info
Alberghi, ristoranti, bike stop, assistenza e oleggio biciclette in valle d' Isarco: Eisackbike.info

Consigli e indirizzi per una sosta a Chiusa/ Klausen:

A Chiusa c'è una delle più vecchie farmacie dell'Alto adige con prodotti naturali di propria produzione la farmacia Joerg Aichner

Per mangiare molti locali li potete trovare in Piazza della parrocchia che vedete nella fotografia,come Hotel Goldener Engel. (Hotel Bike Welcome) che ha una bella terrazza bar, tutti i locali  hanno un ottimo rapporto qualità prezzo e si possono mangiare molte specialità tipiche dai canederli ai gnocchetti verdi.

Ristoranti stellati dalla Guida Michelin
Tuttavia se qualcuno vuole fare un esperienza particolare c'è qui uno dei ristoranti con due stelle michelin il ristorante Jasmin, dell' Hotel Bischofhof, un cucina molto ricercata e particolare che sicuramente merita una visita. A Chiusa ci sono ancora altri due ristoranti di qualità ma sono nella località di Gudon, un po' lontani dalla pista ciclabile ma che comunque meritano una citazione il ristorante Unterwirt e il ristorante Turmwirt, i prezzi sono adeguati alla qualità e al livello che si prefiggono di raggiungere i due ristoranti.

Noleggi, negozio bicilette e assistenza :
Bikeplus Walter Raifer Coste 16, 39043 Chiusa

venerdì 12 agosto 2011

Mercati Locali : Finale Ligure tutti i giovedi sul lungomare Migliorini

Siete già tutti più o meno in vacanza, chi c'è già stato, chi le sta trascorrendo, chi deve ancora partire ma anche chi magari ci andrà un altro anno. Questo vuole essere un invito a frequentare i mercati locali delle località dove siete in vacanza ma anche di dove abitate, informatevi dei giorni di mercato e fateci un giro, si possono scoprire tante cose interessanti si possono scoprire qualità di frutta e verdure locali e poco note e non meno buone, ma anche formaggi, pesce, dove qualità locali affiancano qualità presenti da altre regioni.



Di passaggio a Finale Ligure, la cittadina della riviera delle palme, mi sono fermato al mercato che si svoge direttamente sul mare della cittadina ligure ed esattamente sul Lungomare Migliorini. Il mercato si tiene a Finale Ligure il giovedì mattina nella prima parte ci sono sopratutto bancarelle d'abbigliamento, biancheria della casa, pentole, bigiotteria, mentre la parte alimentare più interessante la potete trovare nella piazza dove gli altri giorni ospita il parcheggio comunale al termine del Lungomare Migliorini, prima della via Del Pora che porta in Stazione FS.




Molte specialità locali provenienti dalla piana di Albenga come le mitiche trombette, zucchine, prugne di produzione locale e  frutti di bosco dell'entroterra ligure tra cui  Bardinetopomodori cuore di bue di Albenga, limoni e agrumi locali, quello che mi ha più stupito è stato il banco di pesce dove accanto a pesce di provenienza nazionale come le orate c'erano delle varietà di pesce locale provenienti direttamente dal mare ligure dal barracuda, besugo, pesce serra, del'ottima spatola freschissima, con un ottimo rapporto qualità prezzo.


Il mio consiglio personale è di avere un occhio nelle destinazioni turistiche anche ai mercati perchè possono fare scoprire delle cose interessanti per conoscere la cultura popolare ed economica di un territorio. 



Turismo lento è anche questo la scoperta dei mercati locali

Da segnale che c'è un mercato di vendita diretta dei produttoti grazie e Campagna Amica, ha una cadenza trisettimanale lunedi mercoledi e sabato in Piazza Cappello del Prete, Finale Ligure Liguria (Savona)


Info: Turismo Liguria, Provincia di Savona Turismo, Finale Ligure, Prodotti tipici liguri,