lunedì 31 ottobre 2011

Novembre è Umbria Gourmand: zafferano, tartufo, vino novello, olio d'oliva


Se Ottobre è Parigi, il lento camminare lungo la Senna, Novembre è invece girovare nel saliscendi dei dolci paesaggi dell''Umbria, dove protagonista sono i prodotti del territorio  e della tradizione enogastronomica come lo storico Zafferano di Cascia, l'olio e il vino la cui coltivazione si perde nella notte dei tempi, non da meno il tartufo il prodotto dell'eccellenza del territorio. Tuttavia l'Umbria non è solo prodotti enogastronomici del territorio ma anche una delle regioni ricche di storia, arte e cultura dell'Italia.
Se a Parigi la ricerca del cioccolato aveva il sapore del profano in Umbria  la degustazione dei prodotti enogastronomici del terriotrio si trasforma non in un peccato, perchè sono prodotti che il Signore ha donato e il popolo umbro ha elaborarato e trasformato con arte passione e impegno.



Una tradizione gastronomica che si evoluta con il tempo ed è divenuta prodotto di qualità che vede protagonisti in questo Novembre: lo zafferano, l’olio extra vergine d’oliva, il vino e il vino novello, il tartufo nero e bianco

Mostra dello Zafferano di Cascia, 29 Ottobre - 1 Novembre
Da poco tempo in alcune zone dell'Umbria è ripresa la coltivazione dello zafferano. A Cascia si tiene la mostra mercato dello Zafferano di Cascia, che ha coinciso con la scoperta di vecchie ricette tradizionale accostamenti e sapori che si erano persi nel tempo, come la zuppa di farro allo zafferano, stringozzi allo zafferano, linguine e quaglie allo zafferano, pizza pasqualina allo zafferano, trota allo zafferano, ricotta dolce allo zafferano.

Frantoi Aperti” dal 29 ottobre all’11 dicembre 2011
L'olio è una delle coltivazioni tradizionale lungo la strada dell'Olio Dop dell' Umbria, ci sono sette weekend che ti insegnano ad apprezzare e conoscere le particolarità di questo prodotto che è il caposaldo della cucina umbra Info: Frantoi Aperti, Try Travel weekend da 95E

Versando Torgiano 4/6 Novembre e 11/13 Novembre
Olio e vino e ceramica insieme per celebrare, diversi gli eventi la sezione tra le più interessanti “Ampolliere di giovani artisti per l’olio nuovo” coinvolge gli studenti delle Accademie di Belle Arti sia italiani che stranieri. Questo evento unisce l’arte delle terrecotte e l’olio nuovo, che è anche un momento significativo per il lavoro della raccolta delle olive

 San Martino in cantina, domenica 13 Novembre
La manifestazione alla IV° edizione, vede protagoniste le migliori aziende vitivinicole dell'Umbria, per imparare e conoscere i Vini Docg e Doc dell'Umbria come Il Sagrantino del Montefalco, il Torgiano, Orvieto, Colli del Trasimeno, Colli Altotiberini, passando per Bevagna, Torgiano, Montefalco, Spello. L'elenco sul sito del Movimento del Turismo del Vino.

Tartufo  tra mostre e mercato per il tubero più pregiato, questi gli appuntamenti:

- Mostra Mercato del tartufo bianco , 28 ottobre – 1 novembre a Gubbio,





- Mostra Nazionale del Tartufo di Fabro e dei prodotti agroalimentari di qualità Fabro, 11 – 13 novembre

- Mostra Mercato Nazionale del tartufo e dei prodotti tipici  Valtopina, 19/20 Novembre  26/ 27 Novembre

Per i più sportivi. Umbria in Bike, Umbria Bike Hotel, per girare l'Umbria in libertà su due ruote.

mercoledì 26 ottobre 2011

Il sole caldo dell'autunno: Tenerife, Marocco, Portogallo, Malta, Cipro.

Domanda Alessandro G: So che tu fai turismo lento e forse non è pertinente ma devo prendermi le ferie in questo periodo se voglio un po' di sole ma non voglio andare ai Caraibi, ci sono alternative?

Risposta:  Grazie della domanda perché mi permette di chiarire un concetto che turismo lento non vuole dire non viaggiare non prendere l'aereo, è preferibile ma non necessario, si posso scegliere quelle compagnie che attuano risparmio energetico oppure sono coinvolte in progetti di neutralizzazione  Co2 . Si può fare turismo lento andando ovunque quelle che è importante è la modalità.

La  fine di Ottobre e Novembre dal punto di vista metereologico non sono il massimo, sopratutto chi è alla ricerca di sole, tuttavia se non vuoi andare oltreoceano ci sono diverse mete interessanti con temperature superiori a 20 gradi e distanti al massimo due o tre ore d' aereo eccoti un elenco e qualche consiglio, per te ma per tutti:

PS. siccome non vendo viaggi rimando ai siti informazione per costruirvi il viaggio, tuttalpiù trovate qualche consiglio personale.

Tenerife, Spagna



Le isole Canarie, sono comode non distanti, le temperature sono di circa 23°, c'è anche una bella comunità italiana residente vivitenerife. Ci sono diverse possibilità di soggiorno e di svago. Mi piace segnalare il Sentiero dei sensi presso il Parco di Anaga che permette alle persone diversamente abili di sperimentare percorsi  in mezzo alla natura. Altra particolarità di Tenerife è l'avvistamento dei Cetacei, in particolare i globicefali e tursiopi che vi hanno soggiornano stabilmente perchè è un isola tranquilla e c'è abbondante cibo. Ci sono almeno 27 specie diversi di cetacei se volete saperne di più Turismosdecanarias Cetaceos .

L'isola è all'avanguardia anche per quanto riguarda l'impatto ambientale, il 50% del territorio è Parco Nazionale, si stanno mettendo in atto una serie di progetti a basso impatto ambientale un esempio è l'eco Villaggio Casas iter , costruito con materiali locali, sfrutta l'energia locale ed è autosufficiente.

Altra iniziativa di grande successo è Ocean Dream factory, dopo una pesca eccessiva e non regolamentata che aveva distrutto il fondo del mare intorno al villaggio di El Puertito, c'è stata una vera e propria ricostruzione della flora e della fauna marina, oggi si possono fare delle immersioni subacquee guidate anche per le scuole. 
Per le informazione sull'isola Webtenerife

Isola del Hierro, Spagna
Ne ho parlato lo scorso anno, isola verde per eccellenza, tutti coloro che ci sono stati mi hanno ringraziato

Agadir, Marocco
Le temperature sono molto buone sui 22° puoi scegliere Agadir oppure qualche circuito interno sui Monti  seguendo le tribu senza fissa dimora, come ho fatto io qualche tempo fa.

Algarve, Portogallo


La zona sud del Portogallo Ottobre/ Novembre porta dai 22 ai 19 gradi di media, spiaggia atlantiche di sabbia molto fine, accanto a località molto sfruttare ci sono località meno note come: Villamoura, Praia da Rocha, Albufeira. Info Visitalgarve, VisitPortugal

Madeira, Portogallo
Un isola dalla primavera eterna una temperatura sui 21° di media Info: Madeira web, Visit Portugal Madeira

Malta



Isola, più vicina all'Italia, 21° media a Novembre. Info Visit Malta,

Cipro
Ho già fatto un reportage qualche tempo fa, gode di una temperatura media di Novembre di 21° Info: Turismo Cipro, Visit Cyprus.

giovedì 20 ottobre 2011

Parigi a Ottobre: Beato Angelico e cioccolata calda, sacro e profano

Ci sono delle città che mi ispirano la visita solo in alcuni periodi dell'anno, il mese di Ottobre mi fa pensare a Parigi alla mattina quando l'aria è fredda, ma non molto fredda, camminare sull'argine della senna in una specie di foschia, c'è un silenzio diverso, sentire i battelli passare, i primi freddi la voglia di rintanarsi in qualche bar per bere qualcosa di caldo. Le città del passato secondo me vanno viste con un velo di grigio, ma Parigi non è solo una città del Passato è una città culturale non nel senso che possiede un patrimonio artistico e storico di grande fama, ma è una città nella ricerca continua di stimoli culturali, le grandi mostre d'arte si organizzano a Parigi, si creano si plasmano e si fondono con la cultura di oggi.


Beato Angelico e i maestri della luce


"Fra Angelico et les Maîtres de la lumière" au... di culturespaces

Cosi qualche giorno fa in occasione della mia ultima visita ho scoperto una mostra dedicata al Beato Angelico artista pittore italiano, forse più noto all'estero che in Italia, non ho mai visto una mostra che valorizza così le opere del Beato Angelico, un frate domenicano che segui epopea dei Medici e di Firenze tra la fine del 1300 e inizio del 1400.
La sua pittura ancora oggi ha la capacità di affascinarci, questo mondo ideale che rappresenta di una pittura decorativa con motivi religiosi con una grande luce e senza ombre, una rappresentazione dello spirito umano religioso, se ne coglie l'essenzialità, la forma e ha la capacità di infondere un messaggio positivo.Un invito per tutti quelli che si recheranno a Parigi a non perdersi questa originale mostra che colloca il Beato Angelico fra i padri del Rinascimento.
Musée Jacquemart-André, 158, boulevard Haussmann, 75008 Paris, fino al 16 gennaio 2012

Il tempo per una cioccolata calda

Non si può vivere solo d'arte figurativa, nutrire l'animo ma anche il corpo, camminare per tutto il giorno a piedi a Parigi, è una città da fare rigorosamente a piedi o con i mezzi pubblici, ci vuole una bevanda che ci tonifica bene, primo freddo, vuole dire una cosa sola voglia di cioccolata calda, si ma dove? A Parigi è nato l'uso del cioccolato come noi lo conosciamo oggi, nella città la più alta concentrazione di artigiani cioccolatai al mondo, ma la cioccolata calda è un altra cosa, ecco i miei indirizzi preferiti dove trovare ristoro

1) Jean Paul Hevin, se per la pasticceria Pierre Hermè e il numero 1 a Parigi per il cioccolato è JP Hevin, bella calda con cioccolato di qualità Crollio che proviene dal Venezuela nella regione di Maracaibo, cacao con una piccola percentuale di burro di cacao poco zucchero, il solo profumo inebria, per chi desidera anche cioccolata all'aroma di zenzero, cannella, io vi suggerisco quella classica, vi rimarrà l'aroma di cioccolato nel palato per tutta la giornata.Il prezzo dalle 6/7 euro.
Jaen Paul Hevin 231 rue Saint Honore

2) Maison du chocolat  52 Rue Francois 1er, nella zona di Champs Elysèes a meta della Av. George V, nella zona dello shopping. il prezzo dalle 6/7 euro.

3) Ladurèe, 18 rue royale , è la boutique storica della Ladureè, oggi divenuta un marchio internazionale, questa vecchia pasticceria è rimasta originale come nel 1862 anno dell'apertura, una bella e buona cioccolata calda in una delle sale da thè storiche di Parigi. Il prezzo dalle 6,5/7  

4) Le Pain Quotidien, si può mangiare una buona cioccolata calda senza recarsi in posti cosi cari? Si, un ottimo indirizzo 2,5 euro, ci sono in diversi punti come :  18, place du Marché St. Honoré e 18-20, rue de Archives nel quartiere del Marais.

Per i soli amanti del cioccolato ricordiamo che dal 28 ottobre al 1 Novembre a Parigi c'è il Salon du chocolat

Informazione Parigi: Paris info
Ricordo a tutti le offerte Artesia per raggiungere Parigi in treno da 35/45 euro.
Pernottare a Parigi Bed&Breakfast, Scambio appartamenti, Appartamenti in affitto.
Parigini per un giorno parigini per sempre con Paris Greeter,

mercoledì 12 ottobre 2011

Andare per Castagne: Ardèche, Marradi, Castel del Rio, Monte Amiata, Montella

Ottobre è il mese delle castagne di quel lento camminare nei boschi a caccia di castagne, anche se sempre più spesso ci si ritrova nelle sagre dove tutto è pronto da fare e consumare. Questo anno a dire il vero sentiamo tutti un po' meno l'autunno, vuoi le temperature miti e il bel tempo, ci sembra di essere ancora in fine estate, eppure andare per castagne è un forte stimolo, anche perché si scopre dalla natura con altri colori. 
Il post di quest'anno non lo dedico ad una sagra particolare ma a tutte, in particolare a quei luoghi, dove la castagna è IGP o DOP cioè dove c'è una tipicità e una qualità riconosciuta ma sopratutto un legame con il territorio, anche se bisogna dire che in Italia la castagna è il patrimonio di tutti.dall'Alto Adige alla Calabria, isole comprese.
La verità del perché vi propongo tutti gli anni questo post è che vado matto per le castagne, cerco di farmi i marron glacè ma con risultati a volte buoni a volte meno buoni. Diciamolo pure sono un frequentatore delle sagre delle castagne come semplice turista anzi semplice assaggiatore goloso.

Marrone di Marradi
Tra le iniziative più interessante è quella di Marradi, questo anno il 48° Sagra della Castagna, che vi propongo tutti gli anni, 2010, 2009, 2008 arrivarci con un vecchio treno a vapore da Rimini, Bologna e Firenze è un esperienza unica, anche perchè dal punto di vista spettacolare l'appennino tosco emiliano offre dei bei scorsi e delle belle viste, un territorio anche ricco di storia e tradizioni. Il Marrone di Marradi è l'eccellenza del Marrone del Mugello. Dal punto di vista turistico c'è anche la strada del marrone del mugello. Info treni: Railtouritalia. Su Facebook, una pagina dedicata.
Il report della nostra Mammagiramondo a Marradi

Dall'altra parte dell' Appennino in Emilia, a Castel del Rio, in provincia di Bologna tutte le domeniche di Ottobre grande sagra delle castagne, da andarci solo per provare i Ravioli di marroni, ma anche il budino di marroni, le frittelle di castagne, anche se una cittadina che offre molto di più al turista lento. La sua castagne è più piccola di quella del Mugello ma la sua polpa è croccante e profumata.



Non ha un vero è proprio centro sono diversi paesi (Arcidosso,Castel del piano, Santa Fiora, Seggiano, Roccalbegna, Castiglione d'Orcia, Abbadia San Sanvatore e Piancastagnaio) che nelle domeniche di Ottobre organizzano eventi dedicati alla castagna, peccato che la divisione in province Siena e Grosseto non consenta una maggiore omogeneità degli eventi. Caratteristica della castagna del Monte Amiata è il sapore delicato dovuto al terreno di rocce vulcaniche di trachite, l'area è per lo più inserita nel Parco Faunistico del Monte Amiata. Le varietà sono Bastarda Rossa, Marrone e Cecio. Si può raggiungere anche il Monte Amiata in treno da Siena, informazioni su Rail Tour Italia.

Castagna di Montella (AV) la presenza del castagno viene fatto risalire al VI a.C. il 90% della produzione di castagne della varietà Palummina, con la caratteristica che la buccia si stacca facilmente, sono ideale da fare secche. La zona si estende lungo la valle del fiume Calore tra Avellino e Sant Angelo dei Lombardi, appuntamento il 5/6 Novembre primo weekend di Novembre

Settimane della Castagna della Valle d'Isarco, non è IGP ma è una delle più note per il torggelen di cui ho già parlato dove si unisce alle castagne, il vino nuovo, le mele, un grande appuntamento in Alto Adige. Dal 21 Ottobre al 6 Novembre.

Segnalo la Castagna di Cuneo, la Castagna di Vallerano,  Marrone di Combai, non perchè non siano importanti ma non ci sono ancora stato, non mi piace dare giudizi senza una visita.

Tra le sagre delle castagna più evocative :

Sagra della castagne di Soriano del Cimino in Provincia di Viterbo

Sagra del Marrone del Combai (Treviso) tutte le domeniche di Ottobre



Castagne dell'Ardeche, un buon esempio
Siamo in Francia nella regione del Rhone Alpes, dipartimento dell'Ardeche, un ottimo esempio di come un territorio è riuscito a trasformare un prodotto come la castagna a simbolo di un economia locale che ha favorito il turismo e la produzione gastronomica. Mentre in Italia le sagre sono da sempre un modo di fare festa con poco, non valorizzano abbastanza il prodotto e il territorio, rimanendo vincolate a un giorno solo.



Castagnes dell'Ardechè ha  programma ricco e nutrito che dura il mese di Ottobre e parte del mese di Novembre, un territorio coperto in ampia parte dal Parco del Monts Ardèche. Ha un offerta turistica ampia con percorsi guidati all'interno del parco che hanno come tema le castagne e i prodotti tipici della zona. Un offerta di ristorazione al quale aderiscono tutti i ristoranti con preparazioni tipiche alle castagne. Intrattenimento culturale e artistico nel periodo dell'evento. Una comunicazione che dura tutto l'anno garantendo visibilità  e riconoscibilità al territorio e ai prodotti di castagne in modo da essere un vantaggio per l'economia locale, hanno trasformato l'evento di un giorno, all'evento di un mese, all'evento di tutto l'anno, con una ricaduta economica positiva per la popolazione locale.

Da segnalare gli altri eventi di questo Ottobre gli trovate sulla colonna  a destra del blog 

mercoledì 5 ottobre 2011

Borghi da gustare in Liguria fino al 30 Ottobre

In una Liguria dove mai come quest'anno sembra che l'estate non finisca più, lo scorso week end c'erano 32° gradi il mare caldo, peccato che la maggior parte dei stabilimenti e degli operatori erano chiusi.
Turismo lento ha sostenuto "Borghi da gustare"" questa iniziativa dal primo anno, nata per allungare la stagione turistica e fare scoprire una Liguria diversa che non fosse solo Rapallo e San Remo, una regione che ha molto di più da fare vedere e da offrire.

Iniziativa si svolge con la collaborazione con Borghi più belli d'Italia e paesi bandiera arancione, quest'anno interessa i comuni di : Apricale (IM), Borgio Verezzi (SV), Brugnato (SP), Campo Ligure (GE), Cervo (IM), Dolceacqua (IM), Finalborgo (SV), Laigueglia (SV), Noli ,(SV), Pigna (IM), Santo Stefano D'Aveto (GE), Varese Ligure (SP), Zuccarello (SV)

La proposta si sintetizza in un offerta a 50 euro di un pernottamento con prima colazione e cene  e due pernottamenti a 80 euro con prima colazione e cena a persona. Un offerta indubbiamente interessante per scoprire una regione fuori dal periodo di maggiore affluenza, dove non c'è solo il mare ma anche la cultura e l'entroterra e i prodotti enogastronomici come vino, olio, pesto, dolci e pesce.

L'evento però ha qualche difetto, è troppo vincolato all'offerta economica low cost, sarebbe più interessante per il futuro includere più strutture ricettive, quelle inserite sono poche con limitata disponibilità. Come ampliare il periodo dell'evento e ampliare la gamma dei servizi offerti. La Liguria in autunno offre al turista molto di più.
Se sono "Borghi da gustare" un riferimento alla varietà della cucina ligure e alla ricchezza dei suoi prodotti agroalimentari in quest'offerta avrebbe dovuto essere presente.
Inoltre in tutte le destinazioni o meglio i comuni che partecipano all'iniziativa, c'è la possibilità di escursioni da fare in attività aperta, dal trekking alle piste ciclabili, la Liguria nel turismo in questo senso è una regione fortunata dal punto di visto meteo. Carente e banale la comunicazione a essere generosi, che peccato una buona idea ma gestita troppo superficialmente! Resta il fatto che un soggiorno in questi luoghi vale sempre la pena.
Borghi da gustare un' iniziativa low cost nel prezzo ma che nella realtà si è trasformata in un iniziativa limitata nell'offerta del Turismo Ligure.

Info: Turismo in Liguria,

Elenco in pdf delle strutture ricettive convenzionate qui

Info comuni: Apricale (IM), Borgio Verezzi (SV), Brugnato (SP), Campo Ligure (GE), Cervo (IM), Dolceacqua (IM), Finalborgo (SV), Laigueglia (SV), Noli ,(SV), Pigna (IM), Santo Stefano D'Aveto (GE), Varese Ligure (SP), Zuccarello (SV)

Ricordiamo che molte di queste destinazioni sono raggiungibili in treno, alcune in treno + bus, non esiste al momento per il turismo in Liguria nessuna agevolazione per favorire i mezzi pubblici e meno Co 2 come il treno rispetto alle auto.