domenica 6 aprile 2008

Luoghi dell'ospitalità : Ecohotel Lalla Mira, Essaouira Marocco

Essaouira, una città patrimonio dell' Umanità. Le nuove opere hanno l'impegno di valorizzare e salvaguardare il patrimonio storico e architettonico, impresa riuscita nel primo eco bio hotel del Marocco: Lalla Mira. Questo edificio si integra con il tessuto edilizio ed architettonico della città. L' Hammam è la parte originaria della struttura ed è stata la più antico bagno della città. L´hotel é stato progettato e costruito per essere un piccolo modello ecologico di vivibilitá per unire il comfort e la tradizione dell'ospitiltà locale.

Lalla Mira è il nome dello spirito di Gnaoua, il festival musicale dell città a Giugno. La città è molto tranquilla e cordiale, una temperatura tutto l'anno costante tra i 20°-25°. L'hotel dispone di 13 camere ben arredate, è dotato di riciclaggio dell´acqua che aiuta a risparmiare acqua potabile, tutti i tessuti sono confezionati con materiale antiallergico. Il ristorante utilizza verdure e frutta d'agricoltura biologica di propria produzione nelle colline vicine che unisce ad un pesce freschissimo dell'Oceano Atlantico.
Per prenotare Lalla Mira 14, rue d'Algérie 44 000 Essaouira email : mailto:minfo@lallamira.net Tel. 00212 24475046 Fax 00212 24475850
Il viaggio : arrivare ad Essaoiura è un avventura si pu optare per il treno fino a d Algeciras, in Spagna, poi traghetto per Tangeri (prenotare i biglietti viamare) oppure da Genova per Tangeri per circa due giorni con tappa a Barcellona, poi in treno a Marrakech e bus a Essaouira ci sono anche dei comodi servizi di taxi diretti.
Turismo lento non vuole dire non viaggiare ma farlo in modo diverso

3 commenti:

  1. concordo sul tuo modo di viaggiare vado a scoprire la città, non conosco il marocco e mi piacerebbe andarci buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  2. ho visto le immagini di questo ecotel niente male beh si ci vuole spirito di avventura un po

    RispondiElimina
  3. si preoccupano in marocco di fare deglie difici a basso impatto ambientale non lo possiamo fare anche noi?

    michele

    RispondiElimina