domenica 2 agosto 2009

Mobilità alternativa a Finale Ligure, Bike sharing

Il comune di Finale Ligure entra nel circuito Bike Sharing "c'entro in bici". Un sistema comodo e pratico per prendere a noleggio le biciclette. I punti di presa sono a Finalborgo (giardini mantero), Finalmarina (piazza della stazione), Finalpia (piazza della stazione), Varigotti (piazza del sole). Per avere la chiave decodificata e non duplicanile bisogna rivolgersi al comune e versare una cauzione di 15 euro.
Inziativa interessante ma fortemente limitata, più adatta alla popolazione locale che ai turisti, quale turista ha il tempo di andare in comune richiedere la chiave e versare il deposito? U un operazione troppo complicata, dovrebbe essere un servizio più facile per i turisti, mentre invece questo sembra un servizio per la popolazione ma non per i turisti, se poi a questa si aggiunge la scarsità di piste ciclabili dedicate a questo sport, si può andare dappertutto in bicicletta ma è bene che le biciclette abbiano percorsi segnalati e specifici, se non c'è una mobilità alternativa non si mezzi ma anche di strutture.
Tuttavia Finale Ligure rimane un comune interessante per il turismo lento, ricco di cultura storica, enogastronomica e con l'altipiano delle Manie dietro l'angolo che offre il meglio del turismo outdoor.
Il consiglio di Turismo lento: Appartamenti e agriturismo La Realidad

7 commenti:

  1. Gianna Aliverti3 agosto 2009 16:43

    gia il fatto che ci siano le biciclette è un segnale positivi è un pare dove si fa già fatica a camminare con le auto, le piste ciclabili sono impossibili da fare

    RispondiElimina
  2. trovo molto positivo che i commenti alle varie proposte siano "realistiche" , evitano di svegliarsi da false aspettative!!Ma comunque la bici è sempre il massimo!

    RispondiElimina
  3. Un inizio positivo, certo sarebbe bello se fosse più accessibile ai turisti, ma in altre città la bici è ancora un'utopia...
    Evelin

    RispondiElimina
  4. Ciao Carmine, sembra proprio che la popolarità della bici sia in aumento,molto bene!
    La realtà del bike-sharing è presente sia a Torino che sul territorio della prima cintura, la Venaria della Reggia compresa.
    Io da appassionato non posso che applaudire queste iniziative!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  5. ciao, grazie per la visita molto gradita...
    Sono sempre alle prese con la faticosa città.... hai visto che posto?direi proprio che Pantelleria è un isola meravigliosamente Lenta...
    Tra una settimana mi aspetta la Liguria al confine con la Toscana... poi a settembre viaggione: Islanda!! Che ne dici? A presto!

    RispondiElimina
  6. ciao Carmine, passo per ringraziarti dei commenti. Momentino difficile ...salutare un amico è sempre difficile...proverò a fare l'ignaro calabrone e tentar di volare come lui ha fatto della sua vita.
    Mio figlio sta facendo il giro della Corsica in bici ...Turismo Lento!!! ... che dire? ho una bella sana invidia per il cucciolo di casa :-)))
    un abbraccio caro e spero tanto tu stia un po' meglio.
    Ale

    RispondiElimina
  7. Finale ligure però è il massimo della disorganizzazione turistica altro che bike sharing, non c'è una strada a posto, il 90% delle case è abusivo e condonato solo il 40%, è già tanto se non ti mettono sotto a piedi figurati in bici

    RispondiElimina