giovedì 1 febbraio 2018

Dimenticare l'inverno: nei giardini d'agrumi tra Etna e il mare Ionio in Sicilia

Gli agrumi con i loro colori delle sfumature d'arancione e giallo sono un ottimo antidoto per dimenticare di essere nella stagione più fredda dell'anno.
I giardini più belli d'agrumi da visitare in questa stagione si trovano in Sicilia in particolare sulla costa orientale della Sicilia, tra le pendici dell'Etna e il Mar Ionio dove la flora mediterranea si fonde con le specie tropicali.
Gli agrumeti in Sicilia sono ricchi di fiori e frutta quasi tutto l'anno, una particolarità sono le agrumeraie, cioè i giardini o quelle parti di un giardino che viene dedicata alla coltivazione degli agrumi per passione, per bellezza, per piacere o per studio. Si possono trovare delle ricche collezioni d'agrumi da tutto il mondo che sono riuscite facilmente ad ambientarsi al clima della Sicilia.
Questa nuova attrazione turistica dei Giardini d'agrumi si aggiunge in questa zona della Sicilia tra Catania e Siracusa famosa per i siti archeologici e lo splendore dell'architettura barocca.

Lentini (SR) il giardino del Biviere Villa Borghese

Si tratta di una dei giardini più famosi d'Italia, creato dalla principessa Miki Sanjust Borghese, che ha trasformato un terreno di pertinenza della casa in un autentico paradiso che ospita piante della tradizione mediterranea e tropicali, sarete pervasi dal profumo di agrumi e di gelsomino. Il giardino confina con l'azienda d'agrumi biologici e biodinamica di famiglia, siamo nel luogo deputato alla produzione di arance rosse IGP siciliane, circa 110 ettari coltivati ad arance rosse, arance bionde, clementini, pompelmo rosa, si possono visitare aziende a giardino insieme.
Per saperne di più: Il giardino del Biviere

Villasmundo Melilli (Sr) Contrada San Giuliano,  Giardino San Giuliano
In un contesto straordinario di 60 ettari di proprietà dei Marchesi San Giuliano, il giardino è inserito in una struttura  tardo quattrocentesca della masseria fortificata e ha preso il posto dell'immensa aia in cui un tempo si batteva il grano e si ammassavano uva e olive per la produzione di vino e olio, prima della conversione ad agrumi, nell'azienda si raccolgono 15 diverse varietà d'agrumi
Un giardino suddiviso in 4 aree, un giardino arabo con vasche di acqua e ninfee; un giardino tropicale di palme e grandi esemplari di cactus; un giardino mediterraneo che associa rose e pompelmi ed infine un giardino di aromi con lavanda, timo, salvia, cisto, mirto.

Mascalucia (CT), Giardino di Villa Trinità
Siamo a Nord di Catania alle pendici dell'Etna, nella proprietà dei Marchesi Bonajuto.  Da sempre il terreno era dedito alla viticoltura, l'agrumeto è stato inaugurato negli anni'60, interessante collezione d'agrumi dal cedro al rosso intenso dell'arancia sanguinella, alle varietà più alla moda come il caviale limone (Microcitrus australasica).
La particolarità dell'agrumeto è il suono dell'acqua le tipiche "saje": un sistema tradizionale d'irrigazione d'origine araba mentre i sentieri "rasule" sono in pietra, c'è una "gebbia" che raccoglie l'acqua piovana. Il giardino offre inoltre altre diverse varietà di piante orchidee, palmizi, iris e piante tropicali da frutto.
L'azienda che ospita il giardino è anche un agriturismo Etna Botanic Garden dove è possibile alloggiare.

Acireale (CT), Giardino di Villa Pennisi.
Villa Pennisi originariamente era un albergo Gran Hotel des Bains meta prediletta dell'aristocrazia  europea tra ottocento e novecento, solo dopo la Seconda Guerra Mondiale la struttura delle terme venne ceduta al comune e l'albergo venne adibito a Residenza privata dei Baroni Pennisi da Floristella.
Il parco è un oasi di pace all'interno della cittadina di Acireale, si possono distinguere storiche piante di Limone, le palme, l'Araucaria, la yucca, il Guaiabo, le Cycas, l'Jacaranda, la Chorysia e  i più familiari alberi di noce, pino marittimo e gelso.
La Villa Pennisi offre inoltre un appartamento di gran pregio per alloggiare nella villa.



Taormina (CT), Casa Cuseni
Il giardino Storico di Casa Cuseni venne realizzato da Sir Frank Brangwyn utilizzando le prospettive ed il paesaggio, quasi come se fossero elementi decorativi, dove la vista del vulcano Etna ed il Golfo di Naxos del Mar Ionio di Sicilia fossero un tutt'uno con il giardino; piante originarie dall'Africa si mescolano con le varietà d'agrumi siciliani in una singolare incredibile sinfonia di colori e profumi, un'emozione per un contesto paesaggistico senza eguali al mondo.
Casa Cuseni , divenuta Museo è anche una Maison de Charme che offre un servizio d'ospitalità di classe.

Fonte delle notizie e ispirazione del post: Grandi Giardini Italiani 

17 commenti:

  1. Hai detto benissimo! Guardo dalla finestra e vedo la nebbia e almeno leggendo il tuo post ricordo i bei paesaggi siciliani, i sui frutti, i sorbetti e alcune vacanze estive.
    felice giornata
    enrico

    RispondiElimina
  2. Che carrellata meravigliosa caro Carmine. Poter passeggiare nel tepore delle giornate siciliane, in quegli agrumeti, sarebbe davvero una gioia per tutti i sensi del nostro corpo e forse anche dell’anima, chi lo sa. 😉 buona serata!

    RispondiElimina
  3. Caro Carmine, guardando le foto, penso che io me lo posso sognare questa bella primavera.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Un post molto interessante e utile per me... che ho in programma a brevissimo un viaggio da quelle parti. Un salutone

    RispondiElimina
  5. Chi sa che profumi tutti questi giardini! Grazie sempre dei viaggi, anche se pur virtuali!

    RispondiElimina

  6. Mi mosse curiosità..un blog che mi era sfuggito ma ch seguirò da adesso.Vivo i luoghi di questo tuo viaggio lento,fra l'Etna e il mare.Ma le cose raccontate,le foto,danno sempre belle sensazioni perchè a furia di vederle sempre,quasi dimentichiamo di guardarle,anche.Quanto al clima,poi,qui la merla ha potuto fare il bagno e prendere la tintarella..Ciao.

    RispondiElimina
  7. Ah la Sicilia, mi manca tra i miei viaggi. Ho in mente di vedere Palermo ma poi presto o tardi un viaggio nei luoghi più affascinanti di questa terra ho proprio intenzione di farlo.

    RispondiElimina
  8. Neve anche stanotte! mi sento una lucertola che cerca il caldo sui muretti a secco di questi mitici giardini d'esperidi.
    In questo momento dovrebbero essere in boccio le zagare...ahhh
    Un saluto goloso, il cat

    RispondiElimina
  9. che meraviglia questi giardini d'agrumi! qui fa freddo e nebbia...

    RispondiElimina
  10. Bellissimi posti, ideali per trascorrere un weekend.

    RispondiElimina
  11. Immagino il buon profumino in mezzo a tutti quei agrumi e qualcuno addirittura di una forma molto particolare, che non avevo mai visto. C'è sempre da imparare !

    RispondiElimina
  12. Ecco dove voglio essere tra gli alberi di agrumi. Ma è lontano da me. :(

    RispondiElimina
  13. Bel reportage. Mi piacerebbe ritornare in Sicilia. Serena domenica.

    RispondiElimina
  14. Che posti fantastici... Non ci sono mai stata purtroppo!

    RispondiElimina
  15. Ciao Carmine, ancora una volta ci porti in posti favolosi. Sarebbe troppo bello poter visitare tutto quello che proponi ma mi ci vorrebbero almeno tre vite. Buona settimana.

    RispondiElimina
  16. merci,comme j'aimerais y retourner... ici il neige et il fait froid... biz

    RispondiElimina