giovedì 27 settembre 2018

Gubbio, Festival del Medioevo 2018: Barbari la scoperta degli altri


Si tiene quest'anno dal 26 al 30 Settembre a Gubbio, il Festival del Medioevo, un evento che vuole fare conoscere il Medioevo in modo diverso. Si è portati a pensare che il Medioevo sia il periodo meno interessante della storia, invece sono anni in cui sono nate le lingue d’Europa, il concetto di nazione, le istituzioni come le banche e le università. Un’età d'innovazioni e di scoperte scientifiche che sono divenute le basi dell'era moderna. 
Sono molte le rievocazioni storiche del Medioevo in Italia, spesso si tratta di rievocazioni spettacolari con tornei a cavallo o sfilate in abiti per ricordare un Signore, un Principe, una storia, invece a Gubbio si trasforma in un evento di divulgazione storica.
Il tema di questa quarta edizione sarà ‘Barbari. La scoperta degli altri‘ : un approfondimento che diventa anche attualità: le grandi migrazioni, la difesa dei confini, l’identità degli individui e dei popoli. Cosi la storia può offrire la chiave di lettura del mondo che ci circonda.
Il punto di forza di questa grande rassegna sono le tavole rotonde con alcuni dei più grandi esperti del Medioevo e al tempo stesso assistere alle rievocazioni dell'arte e dei mestieri affiancate alle rassegne e ai temi dei convegno.
Un'occasione anche per conoscere Gubbio, non solo come il paese di Don Matteo, come luogo ricco di Storia e d'Arte, a iniziare dalla Piazza Grande con il Palazzo dei Consoli, Duomo, la Basilica di Sant'Ubaldo, la chiesa di San Francesco, la Chiesa di San Giovanni, 
Da non perdere la mostra Gubbio ai tempi di Giotto: tesori d'arte nella terra degli Oderisi, che si protrae fino al 4 Novembre 2018, una testimonianza del passato fatto di dipinti su tavola, sculture, oreficeria e manoscritti miniati.
Gubbio molto ne ricordano i sapori, una cucina semplice ma ricca che mette al centro olio extra vergine d'oliva e i prodotti del territorio come i formaggi e i salumi, tra le specialità più rinomate la la crescia del panaro, la crescia di Pasqua al formaggio, Brustrengo, Tagliatelle o stringozzi al tartufo, pappardella al sugo d'oca, friccò di agnello, pollo o anatra, tra i dolci  i ganascioni delle Suore di Santa Lucia.
Arrivare a Gubbio in treno: Linea Ferroviaria Roma Ancona, stazione di Fossato di Vico/Gubbio
collegata con servizio bus (18 km da Gubbio). Linea Ferroviaria Firenze Terontola Perugia stazione di Perugia/Fontivegge, collegata con servizio bus (40 km da Gubbio).
Arrivare a Gubbio in auto: Autostrada del Sole A1 Milano-Napoli: si deve uscire ad Arezzo e proseguire in direzione Sansepolcro. A Sansepolcro si imbocca la E45 fino ad Umbertide per poi deviare in direzione Gubbio.
Autostrada Adriatica A14: si esce a Fano e si imbocca prima la SS-73BIS / E78 e poi la SP-3 in direzione Gubbio.
Superstrada E45: si percorre fino all’altezza di Umbertide per poi deviare in direzione di Gubbio.
Autostrada del Sole A1: si esce a Orte e si prosegue lungo la superstrada E45 in direzione di Perugia. All’altezza di Bosco si esce in direzione Gubbio.
Autostrada Adriatica A14: uscita Ancona-Nord. Poi si prosegue per Jesi, Fabriano e da qui si raggiunge Gubbio
Dormire a Gubbio: Relais Ducale
Per saperne di più: Festival del Medioevo dal 26 al 30 Settembre 2018 a Gubbio (Perugia)

3 commenti:

  1. Caro Carmine, è sempre bello viaggiare con te.
    Gubbio una cittadina in incantevole, il video parla da solo.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Sono molto affascinata sia dell’Umbria che di rievocazioni storiche, grazie di averla segnalata. Un caro saluto 🤗

    RispondiElimina
  3. Gubbio è bellissima e questo evento è un'ottima ragione per chi può di andare a visitarla.

    RispondiElimina