Passa ai contenuti principali

Fiera di Sant'Orso Aosta 2018 dal 27 al 31 Gennaio

Cresce l'attesa per la 1018° edizione della Fiera di Sant' Orso della città d'Aosta, una fiera millenaria un evento consolidato che da più anni che attira famiglie di visitatori dalle regioni limitrofi in particolare Piemonte e Lombardia e anche dalla Svizzera e dalla Francia.
La fiera vera e propria si tiene il 30 e il 31 Gennaio cioè martedì e mercoledì, con la veglia notturna tra il 30 e il 31, tutto il centro è coinvolto da Piazza dell'Arco d'Augusto a Piazza della Repubblica, dove i migliori artigiani metteranno in mostra le loro produzioni dell'intero anno.


Quest'evento celebra l'artigianato della Regione Valle d'Aosta, da quello tradizionale della lavorazione del legno per i lavori in agricoltura a quelli moderni dove le opere in legno sono delle vere e proprie rappresentazioni artistiche.


Oltre all'esposizione lungo il centro storico in Piazza Emile Chanoux vi attende l'Atelier des Metiers il Padiglione che raccoglie le migliori opere artigianali più rappresentative della regione con 88 aziende..
Personalmente negli ultimi anni ho trovato molto interessante offerta enogastronomica invito a tenere d'occhio mentre si cammina nel centro della città, i punti rosso neri per la ristorazione tipica dove vengono servite esclusivamente specialità locali come zuppa d'orzo e Castagne, la classica fonduta, souppa de Quart, la fonduta di fontina con patate, il cotechino con patate e fagioli, bollito salato con patate, Messata e salignon, Polenta Valdostana, Toma valdostana e Crostata con panna montata fresca.


Di non mancare una vista al Padiglione Gastronomico in Piazzale Plouves con un'ottima offerta di formaggi sia di latte vaccino, che di latte di pecora e di capra, c'è un ottima varietà di scelta in base alla lavorazione e stagionatura, l'incredibile pane fresco con farina bianca, pane con farina integrale e frutta secca, salumi tipici, l'olio di noce, dolce frangipane, biscotti, pane dolce con noci, torte con farina integrale noci e mele.
Per agevolare i visitatori interessati l'Ateliers des Metieres e il Padiglione Gastronomico apriranno in anticipo di 3 giorni rispetto alla Fiera vera in questo fine settimana, seguenti orari di apertura :
Sabato 27 gennaio dalle ore 10 alle ore 21; 
Domenica 28 e Lunedì 29 gennaio dalle ore 10 alle ore 19; 
Fiera di Sant'Orso invece Martedì 30 e Mercoledì 31 gennaio dalle ore 8 alle ore 19.


Arrivare ad Aosta alla Fiera di Sant'Orso in bus o pullman: dall'Italia:  Aosta è collegata con Torino, Milano, Ivrea, dalla Svizzera Martigny, dalla Francia da Chambery in Alta Savoia, (info: Autostazione tel. 0165 262027), la Savda propone Milano-Aosta si parte la mattina alle 07.15 e si arriva ad Aosta alle 9,45 a 17 euro.
Arrivare ad Aosta per la Fiera di Sant'Orso in treno: da Torino treni regionali per Aosta con cambio a Ivrea o Chivasso, il percorso dura circa 2h, al costo di 10 euro. Da Milano due cambi a Chivasso e a Ivrea ci si impiega 3h 18minuti  al costo di 16,05 euro, informazione sul sito Trenitalia.
N.B. Per quest'anno 2018 dove le proteste dello scorso anno i treni del mattino in arrivo ad Aosta tra le 6.00 e le 10.00 avranno una doppia composizione; la stessa decisione è stata presa per il convoglio straordinario che solo nei giorni 30 e 31 collegherà Chivasso con partenza 10.05 e con arrivo ad Aosta alle 11.30. Per il ritorno nel capoluogo regionale, oltre ai treni inseriti in orario a singola composizione  verrà garantito un treno straordinario a doppia composizione, con partenza da Aosta alle 16,17 e arrivo a Chivasso alle 17.55. 
Meglio che una botta in testa potremmo dire, certo è che siamo lontani da un'organizzazione green in particolare della linea ferroviaria per quanto riguarda la mobilità, anche perchè mica tutti partono da Chivasso!
Per ulteriori informazioni: Fiera di San'Orso

Commenti

  1. Una Fiera dove (ovviamente!) mi piacerebbe molto andare ma odiando le resse ed il mio compagno più di me... continuiamo a rimandare!

    RispondiElimina
  2. Fiera interessante nonché di grande tradizione visto che parliamo della 1018° edizione!!!

    RispondiElimina
  3. Dalle immagini si vede l'allegria di questa fiera!

    RispondiElimina
  4. Una fiera che ha una tradizione millenaria deve essere molto bella da visitare.
    Grazie per il bel post.
    Buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia1!!! Ogni anno dico che vorrei andarci ma poi sorgono problemi.

    RispondiElimina
  6. Adoro Aosta, le montagne che la circondano... e la sua cucina.

    RispondiElimina
  7. Quante volte ho visto questa fiera. Dovrò ritornarci .

    RispondiElimina
  8. Ci sono stata da bimba e mi ricordo solo tanta tanta tanta troppa gente :)

    RispondiElimina
  9. aosta è un luogo che mi sarebbe sempre piaciuto visitare ma per il momento non ne ho mai avuto l'occasione

    RispondiElimina
  10. I profumi, i sapori e l'atmosfera della montagna. Pare quasi di sentirli, Carmine! Bellissimo post,come sempre.
    Un caro saluto,
    MG

    RispondiElimina
  11. grazie per le preziose info, la Valle d'Aosta mi piace molto !

    RispondiElimina
  12. Tutti gli anni mi ricordi questa bellissima fiera... non sono ancora riuscita ad andarci, mi devo organizzare!

    RispondiElimina
  13. Dev'essere una fiera stupenda! Grazie per averla condivisa, me la segno!!

    RispondiElimina
  14. Mi hai fatto venire una voglia di esserci .... mannaggia in quanti posti vorrei essere ! Grazie Carmine !

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

16° Sagra del Gorgonzola a Gorgonzola (Milano), dal 20 al 21 Settembre

Dal Baccalà del Veneto dello scorso post passiamo ora al Gorgonzola un formaggio tipico lombardo ma oramai comune a tutta la Val Padana, è uno dei formaggio italiani più conosciuti nel mondo. L'origine del formaggio Gorgonzola rimane avvolto nella leggenda, si va dal frate Concordio che a Gorgonzola produceva il formaggio del Diavolo, cosi chiamato per il gusto molto piacevole, che Sant'Ambrogio ribattezzò Formaggio di Concordio alla più poetica del passaggio delle stella cometa, la cui visione fece dimenticare ai contadini la lavorazione della cagliata e alla più romantica di un giovane garzone che dimenticò di lavorare il formaggio, pensando alla figlia del padrone di cui era innamorato. In realtà forse parte di queste leggende sono vere ma è il clima di Gorgonzola il principale artefice del sapore del gorgonzola è il processo di erborinatura, un clima caratterizzato da periodi freddi da Novembre a Aprile, dove la temperatura segnava sotto zero per 100 giorni al

Bolzano : Festa dei fiori e Food and Flower per il 1° Maggio

La Festa dei Fiori è uno degli appuntamenti più attesi della primavera a Bolzano: si tratta di una festa che si tiene dal 29 aprile al 1° maggio dove per l'occasione la città si riempie di fiori nuovi per la stagione primaverile e diventa un tripudio di gerani, garofani, fucsie, margherite e petunie. Un occasione per acquistare le piante che adorneranno fino all'autunno i balconi e le finestre della città, per il turista e anche l'occasione per conoscere le tradizioni della regione, ci saranno danze, balli e musica. Nei ristoranti ci sarà la rassegna “Food & Flower”, con menù a base di erbe , come lasagnette ai fiori ripiene con animelle di vitello e asparagi, praline di formaggio fresco ai fiori di montagna e risotto ai fiori misti. Fiori per tutti e cinque i sensi dall'olfatto al gusto. Info. Bolzano Turismo

24-25 Maggio, Giornate Nazionali Dimore Storiche Italiane

Weekend ricco d’eventi questo del 24 e 25 Maggio 2014, si terrà la quarta edizione delle Giornate Nazionali ADSI cioè dell'associazione delle Dimore Storiche Italiane, che permette di conoscere la propria città e il proprio territorio in una veste diversa come il turismo lento dovrebbe fare. Tutti sappiamo che l’Italia ha un grande patrimonio storico e architettonico non tutto è pubblico e visitabile, ci sono dimore e palazzi con cortili e giardini bellissimi che sono privati, dove da qualche anno è possibile in rare occasioni avere l’opportunità di visitare. Dal momento che bisogna cogliere le occasioni quando capitano, uno buona idea per il prossimo weekend è andare per i cortili delle dimore storiche che saranno abbinati ad eventi culturali quali mostre e concerti, grazie alla disponibilità dei proprietari.  Inoltre in diverse località sono coivolti nell’iniziativa i maestri artigiani : marmisti, restauratori, corniciai, vetrai, ceramisti, bronzisti, argentieri