mercoledì 3 luglio 2013

Cene romane, le cene tipiche a casa dei romani

Un'iniziativa molto interessante della città di Roma, l'offerta di ristoranti non manca nella città ma lasciano spesso i turisti più esigenti molto delusi, piatto tutti uguali a volte senza sapore che imitano la tradizione della cucina romana ma non il sapore, allora come provare una cena tipica romana?
Farsi invitare a casa di una signora romana non è cosi facile se non conosci nessuno invece questa bella iniziativa che ha fatto aprire le porte di casa ai romani e ha permesso di condividere con i turisti la cena con un menù tipico tradizionale all'insegna della semplicità e dell'accoglienza, ma sopratutto un modo diretto per conoscere le tradizioni gastronomiche.
Per questo è nato un sito che mette in comunicazione turisti e residenti, si sceglie la casa e il  menù proposto sui 35 euro.
Un iniziativa che mi piace molto, quando questo inverno sono andato in Corsica volevo sapere come si faceva il fiadone corso, perchè quello che si compra non era come quello che io conoscevo, io non volevo sapere come lo si faceva sui libri ma come lo si faceva a casa, così ho fermato una persona per strada  e l'ho chiesto, la signora dopo un primo smarrimento, ha capito che la mia curiosità era sincera e oltre a indicarmi la ricetta mi ha invitato a casa a mangiare con il marito e i figli e ho passato una bellissima serata da un incontro casuale è nata un amicizia.
Trovo che sia interessante questo iniziativa, almeno non dovrò più fermare la gente per strada, scusi ma lei come li fà i carciofi alla giudia ? 



Go Slow Green Roma


Visualizza Go Slow Green Roma in una mappa di dimensioni maggiori

Ps: sono in viaggio quando il post verrà pubblicato, torno presto

18 commenti:

  1. Fantastico il blog condiviso :-) E grazie a te per l'informazione! Ciao Carmine

    RispondiElimina
  2. Sembra un'iniziativa molto bella anche a me, che spero facciano anche per altre città.
    ma anche la tua, di iniziativa, di fermare qualcuno per strada e chiedergli una ricetta non è affatto male!!
    Buon viaggio, a presto!

    RispondiElimina
  3. è un'iniziativa simpatica... in questo modo si provano le ricette davvero originali....ciao Carmine

    RispondiElimina
  4. Ciao Carmine, bella iniziativa,cosi sei sicuro di mangiare veramente alla Romana,
    un amichevole saluto.

    RispondiElimina
  5. Bella idea, a fermare la signora per strada sei stato bravo e hai trovato la persona giusta!!!a presto allora, ciao.

    RispondiElimina
  6. bella iniziativa, sei stata brava a farti invitare, io sono timida ma so che fa piacere l'interesse per le propria cultura :-)

    RispondiElimina
  7. Bravo Carmine!
    Ma se conosci qualche romano sa anche indicarti qualche vera trattoria romana e lì si che si mangia bene.
    Del sito ceneromane ne avevo sentito parlare.. bella idea!
    A presto

    Laura

    RispondiElimina
  8. Un'iniziativa simpatica e utile, si fa anche amicizia! Sono andata a vedere cos'è il fiadone corso, penso che mi piacerebbe! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  9. Incredibile questa iniziativa ed è anche molto giusta. Le vecchie ricette sono state o troppo rielaborate o addirittura dimenticate.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. E' molto difficile trovare un locale tipico al 100% e questa iniziativa è veramente interessante. Sicuramente presto si diffonderà anche in altre città. Ti immagino a chiedere le ricette per strada!!! Ciao.

    RispondiElimina
  11. Ma è un'idea assolutamente fantastica!!!
    Grazie per l'info!!! :)

    RispondiElimina
  12. porco Giuda se sò buoni sti carciofi

    RispondiElimina
  13. Un felice week end per Te...ciao

    RispondiElimina
  14. Post molto interessante per un'iniziativa da condividere!
    Grazie Carmine e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  15. Non so se la mia sia una tipica cucina romana, non credo, non ho mai cucinato i carciofi alla giudia anche se mi piacciono moltissimo, però l'iniziativa che segnali è davvero interessante! E' capitato anche a me di essere invitata da perfetti sconosciuti, una volta a Ferrara e una volta in Egitto, ricordo quelle giornate con molto piacere, forse prima o poi lo farò anch'io!

    RispondiElimina
  16. Avendo la fortuna di avere grandi amici a Roma, non posso non apprezzare la cucina "familiare" romana.

    RispondiElimina
  17. Una splendida iniziativa!!! Speriamo che venga estesa anche ad altre città!!!

    RispondiElimina
  18. Se, poi, i padroni di casa sono persone simpatiche, come capitò a me con alcuni inopinati anfitrioni dell'Urbe, il gioco diventa perfetto!

    RispondiElimina