giovedì 31 luglio 2014

Da Melfi a Potenza, sulle tracce di Ninco Nanco

Una segnalazione di un iniziativa molto interessante in una delle regioni forse meno citate da questo blog, andiamo in Basilicata dove la Compagnia dei cammini propone un viaggio a piedi inedito sulle orme di uno dei bandito più leggendari delle cronache della prima Unità d’Italia.
Il Vulture è stato al centro di una guerra dimenticata, i briganti contro l’esercito piemontese, tra il 1861 e il 1864, un manipolo armato si sollevò contro l’esercito sabaudo che in pochi anni avevano tiranneggiato e portato scontento tra gli abitanti del Mezzogiorno.
La storia del bandito generale Carmelo Crocco, ma soprattutto del suo luogotenente Ninco Nanco, un giovane morto in circostanze misteriose intorno al quale ruotano mille racconti e leggende, si racconta di un giovane forte e bello che a cavallo girava nel Vulture con una piccola chitarra ornata di nastri colorati.
Il viaggio sulle orme di Ninco Nanco, un viaggio nella storia, si narra che l’esercito Crocco, arrivò a contare duemila uomini (il doppio di Garibaldi), per poi sfaldarsi per conflitti e differenze, una storia di una rivolta che avrebbe potuto dare un corso diverso alla storia soprattutto alla storia del Sud Italia. 
Da Sabato 2 a Melfi fino a Potenza il 10 agosto,  140 km ricchi di persone, personaggi e storie del territorio. sulle popolazioni e sui prodotti che la sua terra, tra ricordiamo i salumi, i formaggi, olio extravergine l'oliva, il vino Aglianico e tanti prodotti dell'agricoltura e della terra dalle melanzane al tartufo su Facebook Compagnia dei Cammini.


6 commenti:

  1. una storia molto interessante di cui non conoscevo nemmeno l'esistenza

    RispondiElimina
  2. Il problema del brigantaggio lo conoscevo, più in altre regioni che qui. Mi hai incuriosito.

    RispondiElimina
  3. Il brigante è una figura leggendaria circondata da un alone di romanticismo e di eroismo. Mi entusiasma moltissimo l'idea di un cammino a piedi lungo i luoghi di Ninco Nanco, di cui sapevo quasi nulla.

    RispondiElimina
  4. interessante questo percorso sulle orme di un bandito di cui non avevo mai sentito parlare...... e poi nella terra delle melanzane! Che meraviglia Carmine :-)

    RispondiElimina
  5. Si impara sempre qualcosa da te ! Grazie !! ciao Carmine !

    RispondiElimina