giovedì 27 agosto 2015

Mercati locali: Giovedì Chiusa, mercato del contadino

Per tutti gli appassionati dei mercati del contadino ricordo che ogni giovedì si tiene in Val d'Isarco a Chiusa, in Piazza Tinne, il mercato del contadino dalle ore 7,30 alle 13,00.
Si possono fare dei buoni acquisti di frutta e verdura dei masi nei dintorni, questo è il periodo ancora delle pesche, delle prugne, dei pomodori, dei frutti di bosco, delle zucchine, del porro e sopratutto tanta insalata fresca, si possono anche trovare già le mele nuove.

Un occasione per scoprire Chiusa, la località medioevale di Chiusa, dominata dalla rocca di Sabiona è nota anche come la cittadina di Dürer . Più di un secolo fa, c'era una vivace vita artistica, Chiusa ospitò infatti anche il grande maestro durante il suo viaggio in Italia. Il ritratto che l’artista fece di Chiusa si ritrova sullo sfondo della figura allegorica Das große Glück.
Ancor oggi Chiusa si annovera fra i più bei centri storici d’Italia: le facciate merlate dei palazzi, gli ampi bovindi e gli antichi stemmi delle locande, negozi in antichi edifici, un centro storico rigorosamente da fare a piedi per conoscere tutti gli angoli e i segreti, una cittadina che ha affascinato molti viaggiatori.

5 commenti:

  1. vado spesso al mercato del contadino nella mia città, è una bellissima iniziativa!

    RispondiElimina
  2. questi sono i prodotti migliori, magari ci fosse anche dalle mie parti!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  3. adoro anch'io il mercato del contadino!! infatti ci sono stata anche stamattina che è giovedì :D

    RispondiElimina
  4. Mi sono sempre chiesta come mai i mercati dei contadini hanno quel fascino particolare. Ci vai con entusiasmo, apprezzi quello che vedi e comperi con piacere, con l'idea che stai facendo qualcosa di buono per te e la tua famiglia. Sarà perché c'è una esposizione di cose da mangiare? Ma ci sono anche al supermercato, però quest'ultimo non ha nessun fascino. Io poi ci vado sempre malvolentieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bella questa riflessione Ambra, credo che conti molto il contatto diretto con il produttore, magari per strada vedi le piante di mele, di prugne, d'uva e stimola la voglia di un acquisto locale direttamente dal contadino, in vacanza siamo anche più predisposti verso queste scelte.

      Vedere in faccia chi ti vende qualcosa in genere da più fiducia, il supermercato per antonomasia è anonimo, non hai un viso un riferimento che ti da fiducia, ora specialmente con le casse self service, non hai più nemmeno la cassiera per il buongiorno..

      Elimina