Passa ai contenuti principali

La Festividad del Señor Jesus del Gran Poder, 3 Giugno La Paz (Bolivia)

Fiesta Mayor de los Andes o Festa del Señor Jesus del Gran Poder come si chiama tradizionalmente si svolge quest'anno sabato 3 giugno 2023. La Paz in Bolivia. 



Per i lettori di questo blog non è una novità, quando arrivano questi giorni la mia mente mi riporta in Sud America, posso essere in qualsiasi parte del mondo fisicamente ma la mia mente è per le strade di La Paz in Bolivia.

La festa ha delle origini antichissime ed è legata al culto dell'immagine di Cristo che venne portata in Bolivia l' 8 dicembre 1663, quando venne fondato il Convento della Madre Concezione, l'immagine delle tre facce del Signore Gesù del Gran Poder.

L'immagine composta da un cristo con tre facce, era volta all'evangelizzazione della Bolivia, secondo le suore rappresentava Padre, Figlio e Spirito Santo.

Per gli indigeni fu più facilmente comprensibile in quanto rappresentava con le tre teste Alaxpacha (il mondo superiore), Akapacha (la terra) e Manqhapacha (gli inferi).

Negli anni questa festa si è evoluta ed ad accanto a pellegrini devoti che per chiedere grazia si sono unite tutte le popolazioni di ogni regione della Bolivia.

In questa occasione il popolo boliviano si riappropriano della propria cultura arcaica dei giorni di festa con costumi e danza.

La Fiesta del Gran Poder , cosi non è più solo una festa religiosa che unisce i riti precoloniali della popolazione aymaras con i riti cattolici introdotti dai gesuiti ma una festa che unisce musica, danza , gioia e fede.

Una festa religiosa che mostra un ritmo e un ricco folclore di danze tipiche precoloniali (semina, raccolta, challa, wattha), collegandole con le altre danze dell'epoca della colonia spagnola come la morenada, la diablada e la waka waka.

Quello che spicca su tutto sono l'originalità dei costumi degli abbinamenti dei colori, forse pochi sanno che la cultura delle due comunità più grandi della Bolivia Quechua discendenti degli Inca e Aymara, sopravvive proprio grazie alla cultura popolare che viene tramandata oralmente o attraverso dei simboli nei tessuti, nelle decorazioni dei vestiti, nella cultura popolare l'abito comunica le informazioni sul luogo di provenienza, il tuo status sociale, la storia della tua famiglia e della sua origine.

Inoltre la festa include due concetti a noi poco noti, il primo la C'halla il segno di gratitudine alla madre terra per i sui frutti e la Promessa di chiedere un favore al Santo, in genere l'impegno a partecipare alla festa come ballerini, ricordo solo che ballare e suonare dalla mattina alla sera per ore ed ore a 3.600 sul livello del mare, richiede una forza fisica e una forza di volontà molto forte.

Quest'anni ci sono più di 40.000 ballerini e 10.000 musicisti per 75 confraternite con i loro balli e le loro coreografie che partiranno da Plaza Garita de Lima a Viale Simon Bolivar, dalle 6.30 del mattino alle 3.00 di domenica.

La festa come la conosciamo oggi inizio 1923 quando furono fondate le prime confraternite folcloristiche. Tra le prime quelle dei ricamatori dei costumi si trovavano in via Illampu e tra questi artigiani spiccavano le famiglie Chuquimia e Gisbert. 
Si narra che su loro iniziativa si tennero i primi festeggiamenti Nel 1924 apparve la prima diablada nella regione di Chuchulaya, poi sorse una confraternita composta da un gruppo di ragazzi lustrascarpe chiamati Cebollitas .

Negli anni '30 e '40 iniziarono a integrarsi gruppi indigeni di Los Yungas , che adoravano l'immagine con i tamburi. Nel 1952 si tenne nello stadio un festival dipartimentale di danze di La Paz, dove nacque l'idea di fare un corteo per la festa di Jesus del Poder più organizzato. La festa trova il sostegno di Padre Camacho, che sensibilizzo le istituzioni per venire in favore della volontà popolare, luoghi per le prove in palestre di scuola e quartiere e prove in strada notturne i giorni precedenti la festa.

Il 12 maggio 1974 è stata creata l' Associazione dei gruppi folcloristici , che oggi riunisce i principali gruppi di danza di La Paz e quelli più rappresentativi di altre parti della Bolivia. Grazie a questo la festa del Gran Poder acquista confini nazionali.

Inoltre quest'anno sono in corso i festeggiamenti del nuovo anno andino 5531 il cui  epicentro sarà nella cittadella preispanica di Tiahuanaco, a poca distanza da La Paz, gli indigeni della comunità di sono intenti nelle celebrazioni per il "Willkakuti" o ritorno del sole del ​​21 giugno.

Nonostante questi rituali antichi non dobbiamo dimenticare che siamo nella metropoli più alta del mondo, oggi la Paz è fatta di grattacieli, dagli anni settanta la città è in continua trasformazione, i vecchi conventi , chiese ed edifici si sono trasformati in palazzi moderni e grattacieli, un contesto urbano simile a tutte le metropoli del mondo.

Spero che vengano diffusi più video dell'evento perchè ogni confraternita rappresenta una storia di una popolazione e di un territorio d'origine, ogni ballo ogni costume ed ogni passo di un ballo esprime una cultura un collegamento tra il passato e il futuro, tra la terra e il cielo.

Intanto vediamo qualche gruppo nelle prove dell'evento:





Il programma con ingresso delle 75 confraternite

07:00 - 1 - DIABLADA TRADICIONAL UNIÓN DE BORDADORES

07:10 -  2 - MORENADA COMERCIAL ELOY SALMÓN

07:20 - 3 - WACAS JUVENTUD ESTRELLAS DEL GRAN PODER

07:30 - 4 - MORENADA LA PAZ UNIÓN BORDADORES DEL GRAN PODER

07:40 - 5 - SALAY MALLKUS PERDIDOS EN GRAN PODER

07:50 - 6 - MORENADA JUVENTUD SAN PEDRO RESIDENTES DE ACHACACHI-LOS CATEDRÁTICOS

08:00 - 7 - DOCTORCITOS LUMINOSOS EN GRAN PODER

08:10 - 8 - MORENADA JUVENTUD DIAMANTES DE LA PAZ

08:20 - 9 - SALAY INTERNACIONAL ARTE ILLIMANI

08:30 - 10 - MORENADA VERDADEROS REBELDES EN GRAN PODER

08:40 - 11 - WACAS TOCORIS AYMARAS DE BOLIVIA

08:50 - 12 - CAPORALES SHOPPISTAS EN GRAN PODER

09:00 - 13 - MORENADA ARTÍSTICA TRINIDAD GRAN PODER

09:10 - 14 - CAPORALES URUS DEL GRAN PODER

09:20 - 15 - SAYA NEGRITOS DEL COLEGIO NACIONAL DE AYACUCHO

09:30 - 16 - MORENADA LIDERES SIEMPRE VACUNOS DE LA PAZ

09:40 - 17 - KULLAGUADA LOS X DEL GRAN PODER

09:50 - 18 - AWATIRIS SANGANOS DE SOPOCACHI

10:00 - 19 - MORENADA UNIÓN COMERCIAL

10:10 - 20 - PUJLLAY REYES RELAMPAGOS DE SANTIAGO DE OJE

10:20 - 21 - MORENADA JUVENTUD ROSAS RESIDENTES DE VIACHA LOS LEGITIMOS

10:30 - 22 - CAPORALES HERMANOS ESCALIER 

10:40 - 23 - KULLAGUADA VERDADEROS MOSAICOS EN GRAN PODER

10:50 - 24 - CAPORALES BOLIVIA JOVEN 77

11:00 - 25 - LLAMERADA INDIO

11:10 - 26 - CAPORALES ESTRELLAS NUEVA DEL GRAN PODER

11:20 - 27 - TINKUS ARCO IRIS BOLIVIANO

11:30 - 28 - MORENADA VERDADEROS ROSAS DE VIACHA REVELACIÓN 82

11:40 - 29 - CAPORALES CHUQUIAGO PRODUCCIONES 

11:50 - 30 - KULLAGUADA LAIKAS EN GRAN PODER 

12:00 - 31 - JALKAS JUVENTUD ARANSAYAS EN GRAN PODER

12:10 - 32 - MORENADA SEÑOR DE MAYO 

12:20 - 33 - KULLAWADA SENSACIONAL MOSAICOS AMIGOS DIGNOS

12:30 - 34 - SURI SICURIS PORVENIR AYMARA

12:40 - 35 - INCAS RAYMIS EN GRAN PODER

12:50 - 36 - MORENADA PODEROSA PLANA MAYOR

13:00 - 37 - DIABLADA INTERNACIONAL JUVENTUD RELÁMPAGOS DEL GRAN PODER

13:10 - 38 - KULLAGUADA LUMINANTES INTI WARA

13:20 - 39 - SURI SICURIS COMUNIDAD 3 DE MAYO

13:30 - 40 - KULLAGUADA ANTAWARA LA PAZ



13:40 - 41 - CAPORALES JUVENIL BRILLANTES DE LA PAZ

13:50 - 42 - LLAMERADA SAN ANDRÉS

14:00 - 43 - TOBAS VILLARROELISTAS

14:10 - 44 - KHANTUS COMUNIDAD 24 DE JUNIO

14:20 - 45 - CAPORALES SIMÓN BOLIVAR

14:30 - 46 - TINKUS CENTRO CULTURAL GENTE NUEVA

14:40 - 47 - MORENADA X DEL GRAN PODER

14:50 - 48 - TOBAS SIEMPRE AMIGOS CARAHUATAS DEL PILCOMAYO

15:00 - 49 - MORENADA VERDADEROS INTOCABLES

15:10 - 50 - SICURIADA PRIMERA ESCUELA DE HOTELERIA Y TURISMO

15:20 - 51 - MORENADA FANÁTICOS EN GRAN PODER

15:30 - 52 - KULLAGUADA CORAZONES JOVENES

15:40 - 53 - DIABLADA EUCALIPTUS EN GRAN PODER

15:50 - 54 - TINKUS JINA VILLAMILISTAS

16:00 - 55 - KULLAGUADA NUEVO AMANECER

16:10 - 56 - KULLAGUADA LOS PACEÑOS

16:20 - 57 - CAPORALES AMIGOS POR SIEMPRE

16:30 - 58 - MORENADA SEÑORIAL ILLIAMNI EN GRAN PODER

16:40 - 59 - MORENADA NUEVA GENERACON VIAJEROS LA PAZ CHARAÑA

16:50 - 60 - PUJLLAY JACHA PUJLLAY LA PAZ

17:00 - 61 - TINKUS WISTUS

17:10 - 62 - MORENADA MAJESTAD BOLIVIA

17:20 - 63 - TOBAS AGUYJE

17:30 - 64 - SAYA MOVIMIENTO CULTURAL SAYA AFRO BOLIVIANA

17:40 - 65 - MORENADA PODEROSA ILLIMANI DE LA PAZ PARA EL MUNDO

17:50 - 66 - CAPORALES LA PAZ DE LOS ANDES 3D

18:00 - 67 - MORENADA SOCIEDAD DE MORENOS BULLANGUEROSA EN GRAN PODER

18:10 - 68 - CAPORALES GEB

18:20 - 69 - MORENADA SOCIEDAD FOLKLÓRICA DE MORENOS LA PAZ MARAVILLA DEL MUNDO

18:30 - 70 - TINKUS PUROS

18:40 - 71 - MORENADA CENTRAL AROMA

18:50 - 72 - TOBAS SIEMPRE TAITAS DEL GRAN PODER

19:00 - 73 - SALAY BOLIVIA LA PAZ

19:10 - 74 - POTOLOS COQUETOS

19:20 - 75 - TINKUS FRATERNIDAD SOCIEDAD LOS INOCENTES DEL AMOR






Commenti

Post popolari in questo blog

Algeri, la capitale dell 'Algeria sul Mare Mediterraneo

Algeri è la capitale di uno dei paesi più grandi dell'Africa, ha le spiagge tra le più belle di questa parte del Mar Mediterraneo tuttavia è una destinazione sconosciuta ai viaggiatori del nuovo millennio. Una volta era la meta preferita dei turisti inglesi, i sudditi della Regina Vittoria di un certo livello sociale andavano a svernare da Londra ad Algeri.  Gli ultimi decenni sono stati poco fortunati con questa città e con questo paese, si associa l'Algeria alla fine violenta del colonialismo francese, la guerra civile degli anni ’90 che è costata duecentomila vittime, gli attacchi terroristici e il fondamentalismo islamico hanno creato un clima di diffidenza e di paura.  Con la sua eredità fenicia, romana, bizantina, ottomana, piratesca e coloniale francese, Algeri contiene un tesoro in grado di stupire qualsiasi appassionato di cultura, architettura, letteratura, musica, arte, design, botanica o geografia.  @directionlalgerie Algeri la blanche Tutto quello che noi conosciam

Festividad Jesus de Gran Poder 2024, La Paz Bolivia ( dal vivo on line)

Fiesta Mayor de los Andes o Festa del Señor Jesus del Gran Poder come si chiama tradizionalmente si svolge oggi 25 Maggio a La Paz in Bolivia.  Per i lettori di questo blog non è una novità ma quando arrivano questi giorni la mia mente mi riporta in Sud America, posso essere in qualsiasi parte del mondo fisicamente ma la mia mente è per le strade di La Paz in Bolivia. Difficile spiegare le ragioni che mi legano a questa festa ma l'ambiente, la musica, il ballo riuscirono a muovere delle emozioni dentro di me che non è facile descrivere, come non è facile dimenticare. Si parla di folckore, si parla di fede, si parla di devozione ma c'è un aspetto che spesso viene trascurato che è quello del riscatto sociale, essere protagonisti per un giorno per la propria comunità. Ogni persona che vedete indossa un vestito che ha creato da se, tagliato, cucito, adornato, un anno di preparativi con gli altri membri della comunità. In questo evento c'è un anno di sacrificio, un anno di fede,

Stranieri Ovunque Foreigners Everywhere : 60° Biennale Arte di Venezia 2024

La Biennale d'Arte di Venezia è un sogno per qualsiasi artista o persona che a diverso titolo lavora nel mondo dell'arte.  La Biennale d'Arte di Venezia per fama e partecipazione può essere paragonata alle Olimpiadi del mondo dello sport, a cui tutti vogliono partecipare. Oltre agli artisti presenti alla mostra 311, questa sarà affiancata da 87 Partecipazioni Nazionali negli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia.  Sono 4 i Paesi presenti per la prima volta alla Biennale Arte: Repubblica del Benin, Etiopia , Repubblica Democratica di Timor Est e Repubblica Unita della Tanzania . Repubblica di Panama e Senegal partecipano per la prima volta con un proprio padiglione. Un successo a livello internazionale che porta a riconoscere la creatività come libera  espressione  dell'interiorità dell'animo umano, in qualsiasi nazione in qualsiasi parte del mondo. Stranieri Ovunque – Foreigners Everywhere , è il tema della Biennale d'

Da Ortisei sull'alpe Rasciesa fino al Rifugio Resciesa, funicolare più camminata panoramica

Tra qualche giorno l'estate finisce e allora vediamo di fare l'ultima escursione in alta montagna. Si tratta di un percorso classico per chi è in vacanza a Ortisei in Val Gardena , adatto a tutti, non è un percorso proprio di trekking, mi piace di più chiamarla passeggiata panoramica. Da Ortisei si prende la Funicolare Raschotz / Resciesa , è stata inaugurata da qualche anno, una volta c'era solo la seggiovia monoposto inaugurata negli anni '50, era da mettere i brividi, più di trenta metri in alto, con le mani toccavo la punta degli abeti, molto affascinante, ricordo un mio amico che per non prenderla partiva due ore prima e saliva a piedi, tanto che gli faceva impressione, ci vediamo al Rifugio Resciesa per pranzo. Si trattava di una salita piuttosto impegnativa, ma quando si hanno venti anni niente è abbastanza audace e difficile. Fortunatamente ora c'è la funicolare, da qualche anno un trenino comodo e pratico. 18 euro a persona andata e ritorno ndr,

Isole greche per camminatori: Creta, Sifnos, Kythera

Antonella T.; Bari: Volevo chiederle se ci sono delle isole in Grecia organizzate per fare trekking. Tutte le isole hanno nel bene o nel male dei percorsi ma non sono sempre praticabili o segnalati, ma c'è qualche isola organizzata in questo senso, meta per questo tipo di vacanza? Si, sono delle destinazioni che vi ho fatto già conoscere, le isole greche che sono più organizzate per  camminare a tutti i livelli sono : Creta, Sifnos, Kythera. Si tratta per la Grecia di un fenomeno nuovo quello del Trekking, fino a qualche anno fa, il turismo in Grecia a parte Atene, voleva dire un attività economica solo per i mesi di Luglio e Agosto. Se qualcuno di voi ha provato ad andare in qualche isola negli altri mesi dell'anno, avrà trovato la maggior parte delle attività chiuse. Un cambiamento economico Questo nuovo segmento di mercato del turismo sta prendendo piede anche in Grecia, in genere i camminatori arrivano a settembre dopo la fine dell'alta stagione, e grazie ad alcune loc

Da Domodossola a Berna: il Trenino Verde delle Alpi

Il Trenino Verde delle Alpi collega la città di Domodossola con la capitale elvetica Berna, un tragitto di poco più di due ore attraverso la linea ultracentenaria del Sempione e del Lötschberg .  Sulla stessa tratta circola un treno veloce con poche fermate ma che non permette di fermarsi in tutte le località e ammirare il paesaggio delle Alpi tra i più belli.  Un percorso storico che ha sempre unito nord Europa con Sud Europa, dalle mulattiere siamo passati ai  percorsi ferroviari supertecnologici.  Forse pochi sono a conoscenza che questo percorso è nato per la commercializzazione del formaggio. Nel Medioevo diverse comunità Walser furono spinte sugli altipiani della Val d'Ossola e della Valle Formazza e portarono con loro la lavorazione del formaggio ad alta quota, che grazie alle erbe della Val d'Ossola in particolare l'erba mutellina che conferiva al latte e al formaggio un sapore molto gradevole e apprezzato. Le comunità Walser che arrivarono in Italia mantennero

Milano - Tangeri in treno, un viaggio alla ricerca del sole d'inverno

Perché da Milano a Tangeri? Quando le giornate si fanno sempre più corte e le temperature scendono mi viene voglia di andare in un luogo caldo dove posso prendere un caffe all'aperto, passeggiare sotto un sole caldo e guardare il mare.  Così mi è venuto in mente di andare a Tangeri , in Marocco . Certo il modo più veloce e comodo è prendere un aereo ma volevo intraprendere un viaggio e non un soggiorno, conoscere e parlare con più persone. Ho studiato un po' di soluzioni di viaggio ma la più interessante credo sia un viaggio in treno più battello che arrivi direttamente al porto di Tangeri dentro la città. Questo mi consente di fermarmi in più città che il percorso ferroviario mi consente di fare a : Ginevra, Lione, Barcellona, Madrid, Malaga, Tarifa e Tangeri. 1° giorno Sono partito dalla Stazione Centrale di Milano sul treno per Ginevra in direzione di Tangeri. N on devo essere tanto normale, sono alla vista delle Isole Borromee e dalle montagne appena innevate e sono su un

I luoghi delle rose in Italia: Abbazia di Rosazzo, Manzano (Udine)

Ogni anno oltre ai luoghi delle rose noti, andiamo a scoprirne giardini di rose meno noti, lo scorso anno siamo stati al Monastero di Castagnevizze a Nova Gorica solo pochi metri dal confine Italia e Slovenia. Questa volta andiamo invece in provincia di Udine, sui Colli Orientali in una località isolata, in mezzo ai vigneti nella vicinanze di Manzano . Sopra un colle c'è Abbazia di Rosazzo, la fondazione dell'abbazia è molto antica, di particolare interesse storico artistico la Chiesa San Pietro Apostolo del IX° secolo. Il nome Abbazia del Rosazzo è dovuto a cespugli di rose che nascevano spontanei sul colle dove sorge il complesso. Uno dei pochi giardini ad avere una sua varietà di rosa, la rosa di Rosazzo una rosa bianca che si pensava estinta dopo un inverno rigido che aveva fatto morire tutte le piante nel 1929. Nella Prima Guerra Mondiale il complesso venne utilizzato come Ospedale della Croce Rossa, un soldato francese, portò via un piccolo cespuglio

Verezzi, il borgo terrazza sul mare ligure

Vi voglio portare con me, questa volta in Liguria , in provincia di Savona , dove in questi giorni sembra ancora estate o meglio un dolce autunno. Dalla Statale Aurelia in direzione Ventimiglia, passato Finale Ligure arriviamo a Borgio Verezzi, il comune è l'insieme di due abitati Borgio sul mare, che ha visto la diffusione del turismo negli anni '60 e '70 e il borgo di Verezzi su in alto in collina a 250 m slm. Negli ultimi anni a raccogliere l'interesse dei viaggiatori è stato più Verezzi che Borgio, che offre la possibilità di fare trekking e percorsi a piedi, ma proprio la riscoperta di luoghi più autentici e originali. Durante l'estate c'è un ricco cartellone teatrale del Festival di Verezzi, palcoscenico proprio la piazza di Verezzi, molto spettacolare con questa vista sul mare ligure. Diversi piccoli bar ristoranti a conduzione familiare, da segnalare per la vista Ristorante il Cappero , oppure antica osteria saracena Bergallo