venerdì 22 ottobre 2010

Il mare d'inverno un viaggio nel gusto: Cipro


Cyprus 2009 from fotoweb on Vimeo.

Tra oriente e occidente, un isola mediterranea per vocazione; molti mi chiedono una destinazione calda per l'Inverno, a Cipro la temperatura non scende mai sotto i diciotto-venti gradi, a Novembre per esempio la media è di 24 gradi, il Mare Mediterraneo offre dei luoghi interessanti. Cipro non è solo spiagge molto belle situate al Sud ma ha all'interno delle terre coltivate che potrebbero essere il giardino dell'Eden per la ricchezza e la varietà, ho deciso di farvi conoscere una Cipro un po' diversa dal solito.
La cucina cipriota è un misto di cucina del mediterranea un po' Greca, Italiana, Siriana, Libanese, Egiziana Turca, un terreno particolarmente fertile ha permesso di coltivare alberi da frutto come ciliegie, pistacchi, arance, mele, pere, mandorle, melograni e perfino banane mentre tra le verdure più originali come l'okra tipica dell'Iraq.

I villaggi più interessanti da conoscere sono :

- Lofou, si tratta di un villaggio ricostruito per la volontà dei suoi abitanti, un vecchio paese abbandonato che negli ultimi anni hanno ristrutturato senza cemento ma solo utilizzando materiali locali con attenzione all'ambiente, oggi il villaggio ha circa 50 residenti locali, che invece nella stagione estiva diventano più di 2000 con il ritorno delle famiglie che hanno lasciato il paese, il paese ospita una delle Taverne storiche, per degustare le specialità locali come le metze una ventina di antipasti che vanno dall'hummus alle verdure ripiene. Negli anni indietro il villaggio era il villaggio dei contadini che lavoravano i filari di uve, dalle varietà locali come mavro, xynisteri e moscato.

- Agros village, sulle pendici del monte Troodos, nel cuore della regione Pitsilia una posizione centrale a Cipro, Agros è una destinazione ideale tutto l'anno , è nota in tutto l'oriente per la coltivazione delle rose da cui si ricava l'acqua di rose e l'olio di rose prodotti dall'azienda Tsolakis. La regione è uan serie di valli attraversate da vigneti, mandorle, nocciole, noci . Pitsilia è conosciuto come il frutteto di Cipro. Qui vengono elaborati presso la salumeria Kafkalia delle tradizionali specialità locali di carne come tsamarella, una carne di pecora stagionata e profumata all'origano, una lountza cioè del filetto di maiale messo prima a macerare nel vino e nel coriandolo e poi a stagionare, loukanita una salsiccia locale preparate con pepe ed erbe aromatiche locali.

sempre ad Agros c'è l'azienda di Niki Agathokleous, di conserve ben 50 varietà diverse tutte biologiche tra confetture e marmellate (fragole, ciliegie, albicocche, limoni), ma sopratutto Soutzioukos fatto con succo di uva e acqua di rose, un discorso a parte la meritano la frutta sciroppata che non è la stessa cosa che noi intendiamo sono delle elaborazioni di frutta conservata a pezzi o intera, per essere gustata con il tipico caffè cipriota famoso è quella di noci, albicocche, melone, ciliegie.

- Itinerario enologico “Koumandaria”Un percorso che vi riporterà indietro nel tempo, alla scoperta dei segreti del più antico e famoso vino dell’isola, la Koumandaria è un itinerario, che attraversa 14 villaggi di produzione della Koumandaria (Apsiou, Ayios Constantinos, Ayios Georgios, Ayios Mamas, Ayios Pavlos, Doros, Gerasa, Kalo Horio Lemesou, Kapilio, Lania Louvaras Monagri, Sylikou, Zoopigi ), riporta idealmente al 1192 d.C., quando i Cavalieri di San Giovanni si dedicavano al perfezionamento delle tecniche di produzione in attesa di partire per Gerusalemme. Una volta vendemmiate le uve vengono messe ad essicare concentrando il loro naturale contenuto zuccherino. La zona di trova nel centro dell'Isola. Tra le più belle aziende visitate mi è rimasta impressa Ayia Mavri a Kilani a Nord di Limassol per l'aroma del moscato.


- Cipro riveste molte altre sorprese si producono degli ottimi formaggi di capra come Halloumi, un dolce simile al Loukoum Turco e Greci Loukoumia Yeroskipou, Olio di Oliva Extravergine, erbe officinale e olii essenziali. Diversamente che dalla Grecia lo tsatzichi si chiama Talaturi, le dolmades si chiamano jamista e il moussaka è più profumato con patate, zucchine, melanzane besciamella cannella e erbe aromatiche con poca carne. autentica delizia per il fine pasto è il Malalebi (nella foto la versione con il succo del melograno) che diversamente dalla ricetta libanese è fatto solo con acqua, maizena e acqua di rose o melograno, non ci sono derivati del latte.

Info: VisitCyprus, Cyprus food and drinks,

10 commenti:

  1. una bontà Carmine! davvero mi prendi per la gola :) e spingi la mia curiosità verso cibi sconosciuti a 1000!

    RispondiElimina
  2. Ogni volta che leggo un tuo post mi vien voglia di fare le valigie e partire, avere il tempo accidenti!

    RispondiElimina
  3. bellissimo! il dolce è un invito alla vera solcezza!

    RispondiElimina
  4. Sempre molto precisi e coinvolgenti i tuoi post; questo poi,con una descrizione così dettagliata dei piatti e con riferimento alla tradizione mediorientale è veramente accativante. Simonetta

    RispondiElimina
  5. Che splendido post, il tuo racconto mi ha veramente entusiasmato, se potessi, partirei anche adesso!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Thank you for this interesting journey. Please have a good weekend.


    daily athens

    RispondiElimina
  7. Davvero una Cipro sconosciuta. Itinerari descritti con una grande ricchezza di particolari, entusiasmanti e molto molto interessanti.

    RispondiElimina
  8. Cipro.... in effetti si pensa poco a quest'isola quando si vuole fare una vacanza; E si sbaglia....

    RispondiElimina
  9. leggere questo post significa per me
    fare almeno per pochi minuti un viaggio ,seppur nella fantasia...e se pensi che mentre dormo, tutti i miei sogni , parlano del viaggio e della partenza,le tue parole,le tue immagini,appagano il mio desiderio più nascosto ...con la speranza di poterlo realizzare...un giorno...chissà...Grazie per le emozioni che sai donare e una felice giornata

    RispondiElimina
  10. al sole d'inverno si pensa sempre a mete esotiche e lontane metre invece questa è vicina e sopratutto molto bella

    RispondiElimina