mercoledì 17 febbraio 2016

71° Sagra del Mandorlo in fiore, Agrigento dal 12 Febbraio al 13 Marzo



Uno degli appuntamenti che sempre caratterizza il mese di Febbraio nella mia mente da bambino è la Sagra del mandorlo in fiore, le immagini in bianco e nero in televisione mentre noi eravamo sotto la neve, in Sicilia c'erano già i mandorli in fiore, con la fantasia in quelle immagini vedevo i colori della primavera.
La tradizione del mandorlo in fiore è antica, il mandorlo è il primo albero che sboccia, simboleggia  il risveglio della natura, il suo significato nella religione, nelle culture e nel tempo si arricchisce.
Una leggenda vuole che Dio indico a Mosè, di prendere esempio dal mandorlo il fiore per forgiare la Menorah a sette braccia, il tradizionale candelabro della tradizione ebraica.
Nella Bibbia in quella parte chiamata Qoelet, scritta sotto dettatura dal Re Salomone, i fiori di mandorlo sono la metafora del tempo della vita che corre senza sosta dalla giovinezza all’invecchiamento.
Nell'antica Grecia si racconta che la dea Atena trasformo la principessa Filli, figlia del re delle Tracia, in un albero di mandorlo secco, si uccise per il timore d'essere stata abbandonata prima del matrimonio dal suo amato. Al ritorno dalla guerra del suo amato, conosciuta la storia questi si reco ad abbracciare e stringere l'albero e le sue lacrime di dolore si trasformarono in fiori, che ogni anno fioriscono a primavera in ricordo del suo amore. 
Personalmente collego i fiori di mandorlo al pittore Olandese Vincente Van Gogh, il suo ultimo dipinto ispirato dalla notizia della nascita del nipote Vincent, con il suo stesso nome, una sorta di simbolo di rinnovo della vita, morirà poco dopo averlo dipinto.


Le Sagra del mandorlo in fiore in Sicilia da più anni si è abbinata alla festa del folclore dove vengono ospitati diversi gruppi folcloristici da diversi paesi del mondo.
La Sagra può essere un ottima fonte di stimolo per un viaggio in Sicilia, per visitare la bella città d'Agrigento, la Valle dei Templi e i luoghi di Pirandello (la casa, il teatro e la biblioteca)-
La mandorla è anche cucina tipica siciliana la si adopera sia per le preparazioni salate che dolci, dal pesto alla trapanese agli amaretti buoni come solo in la tradizionale pasticceria siciliana sa creare.
Altre specialità tipiche alla mandorle della regione Sicilia come la torta di mandorle, la Cuccia (il dolce tradizionale di Santa Lucia), il classico torrone, il Buccellato, la Petrafennula (il dolce tipico dell'immacolata Concezione), Muccunetti (tipici di Mazara del Vallo ), le cassatelle di Agira.
Come arrivare a Agrigento: dagli aeroporti di Catania e Palermo, autobus di linea Catania Aeroporto - Agrigento Sais Trasporti Spa tel 095.536201 mentre autobus di linea Palermo Aeroporto - Agrigento: Sal Tel.. 0922.401360.
Come arrivare ad Agrigento in treno: Agrigento è collegata a Palermo e Caltanissetta (da dove la linea si dirama per Catania-Siracusa, Messina  La Stazione Centrale si trova nel centro città.
Per saperne di più: Festa del Mandorlo in Fiore



13 commenti:

  1. Agrigento è molto bella così come sarà questa sagra che dura parecchio...E poi i dolci siciliani sono unici. A presto!

    RispondiElimina
  2. CHE BEL POST, MOLTO INTERESSANTE, ADORO LE MANDORLE, QUANTE COSE SI POSSONO FARE!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  3. Interessante questo post, impariamo nuove cose !

    RispondiElimina
  4. molto bello questo post, adoro il profumo delle mandorle più di ogni altro aroma, infatti lo uso principalmente nelle mie torte..!mi piacerebbe davvero tanto vedere questa sagra per il mandorlo e per tutto il resto...! grazie per i video Carmine...!

    RispondiElimina
  5. Caro Carmine, che bello vedere la grande festa, del mandorlo in fiore, peccato che io sia così molto l'ontano altrimenti verrei alla festa!
    Ciao e buona serata sempre sorridendo:)
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Molto interessante questo post! E che bella la Sicilia con le sue sagre :)
    Buona serata

    RispondiElimina
  7. Come mi piacerebbe essere ad Agrigento, tra i mandorli in fiore, mentre qui nel novarese comincia soltanto a spuntare timidamente qualche fiorellino impaurito ed infreddolito di croco.

    RispondiElimina
  8. Un post veramente interessante perché evidentemente ispirato dai ricordi dell'infanzia.
    Mi dispiace che io non abbia mai assistito a questa festa folcloristica.
    Buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  9. ೋღ♥ღೋ
    ————-/\,,,/\
    …………( =’.'=)♪♫ MIAO
    ——–(,,)— ♥ —(,,)—-
    ____|____|____l___l___l
    |_____!____!___l___l__l
    _|___|____|___l___l___l
    |_____|____|___l___l__l
    |___|____|____l___l___l/)/)
    __|__|____|____l___l__l ‘,’ )
    |____|___|___|___l___ll),”
    _|_____|___|___l___l__l
    ღ♥Cari amici brindo a voi e a questa vita:
    Pace Amore e Gioia Infinita!
    Buon fine settimana!ೋღ♥ღೋ

    ღ♥Queridos amigos brindo por ustedes y por la vida:
    ¡Paz, amor y alegría infinita!
    ¡Feliz fin de semana! ೋღ♥ღೋ

    ೋღ♥ღೋLuce nel cuore

    RispondiElimina
  10. Mi piacerebbe davvero tanto visitare Agrigento, grazie Carmine!!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  11. Ma quanti significati ha l'albero del mandorlo! Non lo sapevo.
    E poi ti immagino da bambino con l'entusiasmo per la primavera in arrivo.

    RispondiElimina
  12. Che voglia di vedere qualche segnale di primavera ! complimenti per il post ! ciao !!!

    RispondiElimina
  13. non manco quasi mai a questa meravigliosa sagra !!!bel post...un saluto...

    RispondiElimina