giovedì 4 febbraio 2016

Il Carnevale di Mamoiada, la danza dei Mamuthones

Un altro carnevale tradizionale locale, questa volta andiamo in Sardegna, nel cuore della Barbagia a Mamoida, per conoscere uno dei Carnevali più misteriosi, affascinanti in Italia.
Il paese di Mamoiada, si trova a pochi chilometri dai monti del Gennargentu e dal Supramonte di Orgosolo, una zona di grande interesse archeologico per la presenza di menhir, come il menhir Sa Perda Pintà  e ben 52 domus de janas con la necropoli più importante di Sa Conchedda Istevene, risalente al Neolitico.
Le origini del carnevale di Mamoiada, conosciuto anche come "la danza dei Mamuthones", secondo le fonti più accreditate risalirebbe all'età nuragica, nato come gesto di venerazione degli animali, per proteggersi dagli spiriti del male e per propiziare il raccolto.
Esistono diversi interpretazioni sull'origine del Carnevale di Mamoiada, personalmente sono più propenso a pensare che il Carnevale di Mamoiada sia un rituale arcaico d'esorcizzazione legato al ciclo della morte e della rinascita della natura in chiave grottesca, dove si ripropone il rapporto uomo animale, che da sempre è alla base del sistema economico, culturale e sociale della Barbagia (come la pastorizia).


Si ringrazia Allways Sardinia per la condivisione video da youtube

Lungo le strade di Mamoiada le maschere sfilano riproponendo un’antica processione, disegnano un rito mimando il gesto della cattura delle anime nere, uno spettacolo di suoni e danza in un atmosfera di grande intensità da fare venire la pelle d'oca ai spettatori.
Il Mamuthone vestito di pelli indossa una maschera di legno scura dall’espressione dura e ha appeso sulla schiena una grande quantità di campanacci, che superano spesso i 30 chilogrammi di peso, sono dodici come i mesi dell'anno, nella processione procedono in fila indiana e saltano insieme a ritmo, producendo con i loro campanacci un suono forte e inconfondibile.
Sono guidati da Issohadores, i lanciatori di soha, dai costumi coloratissimi, che li comandano con lunghe funi fatte di giunco. Senza il peso dei campanacci, gli Issohadores si muovono più agilmente dei loro compagni, assecondandone però il procedere lento e ritmato, un rito danzante, con passi molti difficili, che bisogna avere imparato da bambini.
Per parlare della gastronomia di Mamoida ci vorrebbe molto spazio, il dolce tipico di carnevale sono le Origliette simili alle nostre chiacchiere ma sono tonde e chiuse, vengono fritte, è tradizione della Barbagia  e di Mamoida di prepararle anche a forma di treccia chiusa e prima di friggerle e di cospargerle di zucchero a velo, passarle nel miele e nella buccia d'arancio, da una nota aromatica molto piacevole.
Carnevale è l'occasione anche per provare tutti i dolci di Mamoiada come i papassinos (delicata pasta frolla con mandorle, uva passa, noci, miele e scorza di limone) o i papassinos con vino cotto, o i rujolos preparati con casizolu, un formaggio tipico sardo e il miele d'asfodelo.
Appuntamento domenica 7 Febbraio 2016 alle ore 15,00 con la danza dei Mamuthones e Issahadores con replica Martedì 9 Febbraio sempre alle ore 15, sfilate con maschere e degustazioni dei dolci tipici di Mamoiada.
Come arrivare a Mamoiada con i mezzi pubblici, bisogna raggiungere la città di Nuoro da qui in circa venti minuti con le linee Arst linee trasporti della Regione Sardegna
Nuoro come tutte la Sardegna è raggiungibile in Aereo o in Nave, aeroporto più vicino è quello di Olbia, ci sono traghetti che partono da Livorno o Vado ligure che raggiungono Olbia, mentre Olbia  e Nuoro dista 2,30 h in autobus consultare il sito Arst Linee Trasporti

9 commenti:

  1. Questo è un carnevale famoso! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  2. lo conosco anche se non l'ho mai visto dal vivo !

    RispondiElimina
  3. quanto mi piacerebbe esserci, veramente interessante!!! grazie per la segnalazione, buona serata.
































    RispondiElimina
  4. Quanto mi piace il carnevale!!!!

    RispondiElimina
  5. Indubbiamente si tratta di un rituale arcaico, come dici tu. Terribile il suono dei campanacci e quelle maschere durissime che incutono spavento. Però almeno una volta bisognerebbe esserci.

    RispondiElimina
  6. Sono caratteristici e interessanti questi eventi! Buona domenica, ciao!

    RispondiElimina
  7. Una manifestazione molto interessante!

    RispondiElimina
  8. mi piacerebbe tanto andare!

    RispondiElimina
  9. A questo carnevale ho partecipato diversi anni fa ed è molto suggestivo. Ciaooo

    RispondiElimina