mercoledì 21 marzo 2018

Chiesa di Santa Eufemia a Milano, dove i fiori rosa di prugno annunciano la primavera

Sono portato a pensare che ogni città abbia un segno dell'arrivo della Primavera, al mio paese erano i fiori di ciliegio, quando abitavo in Liguria i fiori d'arancio del mio giardino, mentre nella città dove ora vivo da più anni sono i fiori rosa di prugno della Chiesa di Santa Eufemia che mi dicono che la primavera è arrivata.
Si tratta di una chiesa e di una piazza che può accadere di vedere di sfuggita passando con il tram nel centro della città, una chiesa che sembra passare inosservata, fatta di una discrezione tutta milanese dove le cose belle non si ostentano ma si devono scoprire.

La chiesa è sta fondata nel 472 da vescovo San Senatore che porto una reliquia a Milano di Santa Eufemia di Calcedonia da Bisanzio, oggi Calcedonia è il quartiere storico di Kadikoy della città di Istanbul sulla parte asiatica della città sul Mar di Marmara.
La chiesa è stata più volte rimaneggiata nei secoli, l'aspetto odierno è dovuto all'ultima ristrutturazione del 1870 da Enrico Terzaghi.
Il suo interno è molto raccolto suggerisco di vederla nelle giornate di sole, dove la luce che entra dalle finestre è più forte e permette di coglierne meglio lo spirito e la bellezza di questo piccolo gioiello d'arte.

C'è una particolarità che non può non essere narrata, per la sua perfetta acustica la cantante Maria Callas registrò i suoi dischi in questa chiesa, come per alcuni anche l'artista Mina.

Consiglio di apprezzare sia i fiori di Primavera della piazza che la Chiesa molto raccolta che infonde un momento profondo di spiritualità, una pausa dalla vita frenetica della città metropolitana.
Chiesa di Santa Eufemia in piazza Santa Eufemia a Milano, lungo Corso Italia Tram 15

12 commenti:

  1. Non abbiamo ancora alberi in fiore. Il susino fiorito sembra bellissimo sullo sfondo di una chiesa che mi piace. L'interno è molto interessante. Saluti.

    RispondiElimina
  2. Bellissimi fiori, nella speranza che non arrivi altro gelo e li rovini !

    RispondiElimina
  3. Grazie, Carmine, di questa bella recensione. Voglio visitare presto questa chiesa, anche per non perdermi la fioritura dei prunus.

    RispondiElimina
  4. Caro Carmina, sono qui per portare un mio caro saluto.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio provo sorridere:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Splendida questa chiesa...davvero un gioiello edeliziosi i fiori, grazie Carmine per le info!!A presto

    RispondiElimina
  6. Passando in Corso Italia l’ho vista parecchie volte ma non mi sono mai fermato per visitarla.
    Dalle foto vedo che è molto interessante.
    Grazie Carmine.
    Buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  7. Ciao Carmine, a parte i tuoi post sempre interessanti ed utilissimi... ma ti ho mai detto quanto mi piacciano (anche) le foto?
    Buon fine settimana carissimo!

    RispondiElimina
  8. Un meraviglioso gioiello che ancora non conoscevo. Se mi capiterà di passare da Milano non mancherò di visitarlo.

    RispondiElimina
  9. vive le printemps... pas encore chez nous :(((

    RispondiElimina
  10. Chiesa unica dalla storia particolarissima ed immersa in un mare di colori dati da questi fiori di prugno che è spettacolare.

    RispondiElimina
  11. Splendide foto... e speriamo che la primavera arrivi davvero!

    RispondiElimina
  12. Bellissima questa chiesa! Non l'ho mai visitata.
    E che splendida fioritura!

    RispondiElimina