domenica 19 gennaio 2020

Nelle Terre di Raffaello, Urbino 1520-2020

Quest'anno ricorrono i 500 anni della morte di Raffaello Sanzio, uno degli artisti che insieme con Leonardo e Michelangelo ha rappresentato il Rinascimento Italiano. Nonostante la sua breve vita, ha lasciato delle opere d'arte memorabili che i musei di tutti il mondo si contendono.
Nei prossimi mesi una grande mostra alle Scuderie del Quirinale celebrerà i 500 anni, tuttavia viene logico chiedersi quali fossero le origini di questo pittore che più di ogni altro ha influenzato il mondo dell'arte occidentale.
Bisogna recarsi nelle Marche, Raffaello nacque ad Urbino, figlio del famoso pittore Giovanni Santi, visse la sua giovinezza in questa città, in un’atmosfera ricca di fermenti culturali e artistici, sotto la dotta e raffinata Corte dei Montefeltro, dove nella seconda metà del Quattrocento lavoravano Luciano Laurana, Francesco Di Giorgio Martini e Piero della Francesca
Questa matrice culturale influenzò tutte le opere di Raffaello, caratterizzate dall'attenzione e dal culto della forma e delle proporzioni e da un’inconfondibile senso di spiritualità. 
La Galleria Nazionale delle Marche di Urbino custodisce  il noto ritratto femminile ( La Muta) mentre nel cuore di Urbino sorge Casa Raffaello, la casa in cui nacque Raffaello e ora sede dell'Accademia Raffaello.

Nel corso dell'anno diverse iniziative mirano a fare comprendere il contesto dell'arte di Raffaello:
La Mostra dedicata a Giovanni Santi il padre di Raffaello fino al 18 Marzo a Palazzo Ducale.
Da Raffaello a Raffaellino del Colle, quest'ultimo è stato uno degli ultimi allievi del maestro, forse quello che in qualche modo è stato erede della sua visione del mondo dell'arte.
Le origini di Raffaello permettono di scoprire un territorio ricco d'arte nelle città di Urbino, Pesaro, Fano, Urbania e Senigallia ma anche un territorio ricco di sapori dalla Casciotta di Urbino, ai funghi e tartufo di Acqualagna, l'olio extra vergine d'oliva di Cartocate, il Prosciutto crudo di Carpegna, il vino Doc Bianchello del Metauro.
Come raggiungere Urbino con il treno più bus: la stazione ferroviaria più vicina è quella di Pesaro, che è sulla linea Milano- Bologna- Pescara- Lecce.
Da Pesaro si prende Autobus della Adriabus n.46 che collega Pesaro con Urbino dal piazzale della Stazione ogni 30 minuti il tragitto dura circa 50 minuti.
Per saperne di più:
Galleria Nazionale delle Marche, Palazzo Ducale di Urbino

13 commenti:

  1. Caro Carmine, a Urbino non ci sono mai stato, lo so che non ci andrò di sicuro ma pensarlo mi piace, con i tuoi due video un po ho veduto, sono veramente belli! Grazie caro amico.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
     Tomaso 

    RispondiElimina
  2. Urbino una bella città. Belli video, Raffaello un grandissimo di sempre e le Marche una Regione fantastica.
    Una buona serata e un sereno inizio settimana a te.

    RispondiElimina
  3. Sono stato ad agosto, una città molto bella e caratteristica, merita sicuramente una visita.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  4. Una bellissima città che ho ancora avuto la fortuna di visitare . Grazie per questo bellissimo reportage . Buona serata, Daniela.

    RispondiElimina
  5. Grazie, Carmine, sempre istruttivi e godevolissimi i tuoi articoli.

    RispondiElimina
  6. 500 anni ... fa davvero impressione a pensarci vero? Un caro saluto

    RispondiElimina
  7. Proprio vero Marche, bellezza infinita! Un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  8. Hermosa ciudad. A ver si pronto la visito.

    Saludos.

    RispondiElimina
  9. Una regione bellissima ed affascinante ricca di luoghi suggestivi.
    Grazie per i tuoi interessantissimi post sempre preziosi.
    Un caro saluto,
    MG

    RispondiElimina
  10. Questo è un viaggio che mi piacerebbe tanto fare!! Grazie dei preziosi consigli!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  11. Bella Urbino e tanti i posti interessanti da visitare nelle Marche.

    RispondiElimina