venerdì 5 dicembre 2014

Saint Moritz: 150 anni di Turismo Invernale dal 5 Dicembre al 30 Aprile 2015

Si festeggiano a Saint Moritz in Engadina i 150 anni di turismo invernale, si perchè una volta il turismo era solo collegato alla stagione estiva, ma nell’autunno 1864, l’albergatore engadinese Johannes Badrutt fece una scommessa con quattro ospiti inglesi: in inverno avrebbero potuto godersi il sole dell’Engadina in maniche di camicia sulla sua terrazza. se non era cosi si sarebbe assunto lui i costi del viaggio. Se invece St. Moritz fosse loro piaciuta, li invitava a fermarsi quanto volevano.
Gli inglesi conoscevano gli inverni freddi e umidi dell’Inghilterra, e con tutta la buona volontà non riuscivano a immaginarsi che nelle Alpi svizzere potessero essere diversi. Arrivarono comunque nell’Alta Engadina verso Natale, e non tornarono a casa che dopo Pasqua: abbronzati, riposati e felici. Erano i primi turisti invernali delle Alpi e avevano scoperto un nuovo mondo: quello delle settimane bianche. Nasceva così il turismo invernale nelle Alpi le discipline sportive classiche come lo sci alpino.
I festeggiamenti inizieranno a Saint Moritz proprio questo weekend e proseguiranno tutto l'anno fino ad Aprile 2015.
Si chiama Snow Sports Opening, lo spettacolo d'apertura dal 5 al 7 dicembre 2014, che darà anche il via ai festeggiamenti per l’anniversario dei 150 anni di turismo invernale a St. Moritz. 
Sabato e domenica sarà possibile provare diversi marchi di sci e snowboard in occasione del grande test di materiali sul Corvatsch. Il venerdì sera e il sabato, la pista da sci sarà portata in paese a St. Moritz per l'occasione un anello di sci di fondo che passa nel cuore del paese. 
Sabato sera, St. Moritz Paese celebra in grande l’anniversario con, tra gli altri, una rassegna spettacolo di Willy Bogner sugli ultimi decenni, verrà presentato un film per l’anniversario, più un concerto del musicista soul di fama internazionale Xavier Naidoo. 
Saint Moritz bisogna salire sulla funivia per apprezzare al meglio le piste e i panorami che si godono dalla Corviglia, Corvatsch e Diavolezza, mentre la vita in paese è molto tranquilla con delle pasticcerie molto interessanti con la tipica torta di noci o le torte con frutti di bosco, molto interessante anche il pane con le pere, oltre alle pere secche contiene fichi, uvette e pinoli e si mangia sono a dicembre fino all'Epifania. 
Come raggiungere Saint Moritz: il modo più pittoresco dall'Italia Trenino rosso Bernina Express in partenza da Tirano, sempre in treno con il Glacier Express che parte da Zermatt. Molti arrivano con l'autopostale che collega Merano con Engadina esatamente con Zernez al quale poi unire ultimo pezzo Zernez - Saint Moritz, oppure sempre con autopostale Palm Express che parte da Lugano. In auto da Milano sono 175 km, passando per Chiavenna circa 3,30h, consigliabile in inverno veicoli con catene o con auto 4x4. 

4 commenti:

  1. Un giorno prenderò quel trenino...

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Sono anni che vorrei prendere Trenino del Bernina ma non costa proprio pochissimo...ma prima o poi cederò al fascino di questa esperienza.

    RispondiElimina
  3. Varo Carmine io ci sono stato parecchie volte, e posso dire che ce sempre qualcosa da scoprire in questa bella cittadina fra le Alpi.
    Ciao e buon fine settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. una bella città. Io ci sono stata con il treno.

    RispondiElimina