venerdì 12 febbraio 2016

Fete du Citron 2016, dal 13 Febbraio al 2 Marzo a Mentone

Ideale proseguimento del Carnevale, la Fete du Citron o meglio festa del Limone di Mentone, è un classico per questo blog, siamo a pochi km dall'Italia e facilmente raggiungibile con il treno dalle stazione di Ventimiglia, San Remo, Genova.
L'evento vuole valorizzare un prodotto tipico del territorio, il Limone di Mentone con una ricercata aromaticità un misto di acidità e dolcezza molto in voga tra i chef di tutta la Francia. La mia vuole essere anche una tirata d'orecchie alla Regione Liguria che in tutti questi anni non ha mai realizzato una valorizzare degli agrumi della Liguria. 
Un'evento quest'anno dedicato a Cinecittà, al Cinema degli anni '50 che hanno fatto grande il cinema italiano, ma anche gli anni in cui a Roma gli stabilimenti di Cinecittà sono stati location delle grandi produzioni internazionali, di film che hanno segnato la storia del cinema.


La Fete du Citron a Menton ha un ricco calendario d'appuntamenti con l' esposizione d'agrumi ai giardini Boves, le sfilate del sole in maschera la domenica pomeriggio, spettacoli della luci notturni, festival delle orchidee e il salone del'artigianato, per meglio apprezzare tutte le trasformazioni degli agrumi come limoncello, vino d'arancio, scorze candite, limoni confit, marmellate, composte e tante altre specialità agli agrumi e al limone di Mentone. 
Inoltre è anche un evento per meglio apprezzare i prodotti del territorio di questo piccolo pezzo di francia più vicino all'Italia dall'olio di d'oliva ai funghi, alle erbe aromatiche alla socca (farinata di ceci)
Per il tempo di un weekend all'insegna del profumo degli agrumi o anche solo di una gita, il treno vi porta direttamente nella festa, una festa con biglietto d'ingresso per le sfilate dai 10 ai 25 euro per i posti a sedere.
Io consiglio per gli appassionati d'agrumi di visitare i giardini botanici come Jardin Serre de la Madone, Jardin botanique exotique di Val Rahmeh, Jardin Maria Serena, Jardin Agrumes du Palais Carnolès (la più grande collezione d'Europa di Agrumi, 400 piante clementini, arancio, malangolo, pomelo, bergamotto), Jardin Fontana Rosa, La Citronneraie (visita privata di una limonaia), Les Colombières, Le Clos du Peyronnet.
Per tutti coloro che si recano in auto in zona , consiglio quasi al confine con Mentone, i giardini di Villa Hanbury con visite guidate tutti i weekend..
Come arrivare a Mentone in treno: da Milano, Genova i treni Thello della linea Milano, Genova, Nizza Marsiglia, con i treni locali delle ferrovie francesi in partenza dalla stazione di Ventimiglia in 10 minuti. La stazione di Mentone è la seconda fermata dopo Ventimiglia, ed è a 200 metri dai Giardini Boves.
Come arrivare a Mentone in auto per l'evento: con autostrada uscita Vallée du Careï, poco dopo ci sono dei grandi parcheggi, durante l'evento dei autobus-navetta collegheranno il centro città con l’uscita dell’autostrada. 
In alternativa sempre in auto ma dalla statale passato il confine con l'Italia si raggiunge la zona dello stadio Rondelli, in prossimità dei parcheggi Navette collegheranno il centro della città. Sconsiglio di recarci in auto direttamente in centro per l'evento, se lo fate ricordate di parcheggiare solo in parcheggi pubblici.
Per avere maggiori informazioni: Fete du Citron a Mentone

7 commenti:

  1. gia' ne sento il meraviglioso profumo!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  2. Mentone non la amo, non amo la Francia e i francesi, ehh....Carmine... è così; ma questa festa dev'essere davvero bella-bella!

    RispondiElimina
  3. E hai ragione perché quando si pensa agli agrumi non si pensa certo alla Liguria, ma alla Sicilia.

    RispondiElimina
  4. Mi piacerebbe infatti saperne di più anche sulle varietà, grazie per l'informazione! :-)

    RispondiElimina
  5. evento davvero interessante, magari un giretto ce lo facciamo!

    RispondiElimina
  6. Forse siete più vicini voi di me. Da Mentone mi separano 400 km. A me non piacciono queste feste dove bisogna divertirsi per forza e spero invece che Batù ami almeno gli italiani che vivono in Francia (hihihi). Buonanotte.

    RispondiElimina