Passa ai contenuti principali

Città dimenticate : Civita di Bagnoregio, (Viterbo)

Arroccato su uno sperone di roccia friabile, una cinquantina di case in pietra, formano un borgo dal fascino unico ed è una meta ideale per un turismo lento all’insegna del silenzio, senza automobili senza moto solo il rumore di qualche passo. 
Civita è quello che resta di una cittadina medioevale che contava 5 porte d’ingresso, il terremoto del 1695 segna l'inizio di un declino fisico, con il susseguirsi di terremoti e smottamenti, che ne hanno allontanato attività e popolazione tanto che oggi sono rimasti solo una decina gli abitanti, ma il suo contesto e il suo fascino attrae le persone in cerca di tranquillità come Paolo Crepet, Giuseppe Tornatore, Astra Zarina. 
Tuttavia è uno dei borghi più a rischio geologico d’Italia nonostante i lavori di consolidamento e di recupero, Settembre è forse il periodo più bello per visitare Civita con i colori della natura favolosa la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno. 
Arrivare a Civita di Bagnoregio: In treno: è sufficiente arrivare alla stazione di Orvieto o Viterbo, qui bus dell’azienda Cotral vi portano fino a Bagnoregio.
Arrivare a Civita di Bagnoregio In auto: Autostrada A1 uscita Orvieto seguite le indicazione per Castiglione in Teverina è poi Bagnoregio.
Per saperne di più: Ufficio turismo di Bagnoregio, Piazza Sant’ Agostino 21 0761760206

Alloggiare a Civita
Hotel Divino Amore, via fidanza 27, 
La locanda Romantica Pucci, piazza Cavour

Commenti

  1. hai fatto bene a cosniglairlo è un posto che ha molto fascino ed è poco noto, un saluto dalla calabria

    RispondiElimina
  2. Ma che bello il tuo blog caro Carmine, verrò spesso a trovarti, amo molto viaggiare e visitare i luoghi sconosciuti sparsi in tutta la nostra bella penisola.
    Che bel lavoro fai... come t'invidio.
    Viaggiare é sempre stata la mia passione, ho viaggiato molto anch'io, per diporto però,ora purtroppo per tanti motivi non lo faccio più, ma se mi dovesse capitare prima passerò senz'altro di qui. Per il momento fammi viaggiare con la fantasia.
    Grazie e
    saluti dal Torrazzo

    RispondiElimina
  3. Questi borghi medioevali sono dei piccoli gioielli della nostra bella Italia.
    Grazie del passaggio un saluto e buona serata

    RispondiElimina
  4. ci sono stato anni fa, una ventina circa. un posto splendido. e bei ricordi...

    RispondiElimina
  5. Ciao Carmine, eccomi a ricambiare la gradita visita... speravo di trovare qualche post anche in pappalandia... Cmq posso dirti che abitando nel Viterbese conosco Civita ed è un posticino incantevole, dentro poi è delizioso. Oltretutto si gira in pochissimo tempo e si scoprono degli scorci deliziosi.
    Un'altro poso veramente carino e molto simile è Calcata sulla Cassia bis è un po' fuori mano ma vale la pena di visitarla, io ci sono stata in una serata a tema medievale ed era veramente suggestiva con persone con vestiti d'epoca, fiaccole in tutto il paesino, saltimbanchi, cori a tema, cibo e vino squisiti. Tutto il paese era un teatro. Veramente bello, ma non so' dirti se la festa si fa' ogni anno e quando, non ricordo.
    A presto.
    barbara arcicuoca
    p.s. quando cominci con pappalandia?
    Ciao

    RispondiElimina
  6. non se sapevo l'esistenza è una storia avvincente

    RispondiElimina
  7. ho un sacco di foto del posto. molto suggestivo. mi sembra che viene chiamata anche "la città che muore".

    RispondiElimina
  8. Splendido. Già la foto che hai postato invoglia a visitare questo posto.

    RispondiElimina
  9. Molto bello il tuo blog... ho visto anche l'altro (Viaggiare con lentezza)... tornerò a trovarti Palmy

    RispondiElimina
  10. eh bravo carmine hai fatto un bel blog ricco di notizie, vienici a trovare

    RispondiElimina
  11. Sembra davvero una città incantevole!

    RispondiElimina
  12. Carmine, ma se è friabile... e ci andiamo in tanti... viene giù di botto?!
    ;)

    RispondiElimina
  13. indirizzi da conservare,ho voglia di ritornarci x ennesima volta troppo bella e particolare ciao

    RispondiElimina
  14. proprio dimenticata Civita di Bagnoregio con il suo lento sprofondare i sempre più radi abitanti. Un luogo che silenzioso volge all'oblio, ma così affascinante che val bene una visita.
    Michelangelo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

16° Sagra del Gorgonzola a Gorgonzola (Milano), dal 20 al 21 Settembre

Dal Baccalà del Veneto dello scorso post passiamo ora al Gorgonzola un formaggio tipico lombardo ma oramai comune a tutta la Val Padana, è uno dei formaggio italiani più conosciuti nel mondo. L'origine del formaggio Gorgonzola rimane avvolto nella leggenda, si va dal frate Concordio che a Gorgonzola produceva il formaggio del Diavolo, cosi chiamato per il gusto molto piacevole, che Sant'Ambrogio ribattezzò Formaggio di Concordio alla più poetica del passaggio delle stella cometa, la cui visione fece dimenticare ai contadini la lavorazione della cagliata e alla più romantica di un giovane garzone che dimenticò di lavorare il formaggio, pensando alla figlia del padrone di cui era innamorato. In realtà forse parte di queste leggende sono vere ma è il clima di Gorgonzola il principale artefice del sapore del gorgonzola è il processo di erborinatura, un clima caratterizzato da periodi freddi da Novembre a Aprile, dove la temperatura segnava sotto zero per 100 giorni al

Bolzano : Festa dei fiori e Food and Flower per il 1° Maggio

La Festa dei Fiori è uno degli appuntamenti più attesi della primavera a Bolzano: si tratta di una festa che si tiene dal 29 aprile al 1° maggio dove per l'occasione la città si riempie di fiori nuovi per la stagione primaverile e diventa un tripudio di gerani, garofani, fucsie, margherite e petunie. Un occasione per acquistare le piante che adorneranno fino all'autunno i balconi e le finestre della città, per il turista e anche l'occasione per conoscere le tradizioni della regione, ci saranno danze, balli e musica. Nei ristoranti ci sarà la rassegna “Food & Flower”, con menù a base di erbe , come lasagnette ai fiori ripiene con animelle di vitello e asparagi, praline di formaggio fresco ai fiori di montagna e risotto ai fiori misti. Fiori per tutti e cinque i sensi dall'olfatto al gusto. Info. Bolzano Turismo

24-25 Maggio, Giornate Nazionali Dimore Storiche Italiane

Weekend ricco d’eventi questo del 24 e 25 Maggio 2014, si terrà la quarta edizione delle Giornate Nazionali ADSI cioè dell'associazione delle Dimore Storiche Italiane, che permette di conoscere la propria città e il proprio territorio in una veste diversa come il turismo lento dovrebbe fare. Tutti sappiamo che l’Italia ha un grande patrimonio storico e architettonico non tutto è pubblico e visitabile, ci sono dimore e palazzi con cortili e giardini bellissimi che sono privati, dove da qualche anno è possibile in rare occasioni avere l’opportunità di visitare. Dal momento che bisogna cogliere le occasioni quando capitano, uno buona idea per il prossimo weekend è andare per i cortili delle dimore storiche che saranno abbinati ad eventi culturali quali mostre e concerti, grazie alla disponibilità dei proprietari.  Inoltre in diverse località sono coivolti nell’iniziativa i maestri artigiani : marmisti, restauratori, corniciai, vetrai, ceramisti, bronzisti, argentieri