Passa ai contenuti principali

La riva romantica del Lago di Como, da Cernobbio a Laglio, il turismo lento sul lago di Como (go slow on Como Lake)

Il lago di Como è divenuto una destinazione molto trendy del turismo con le belle ville aperte sul lago e le incantevoli località di Bellagio, Tremezzo, Varenna, Torno, dove regna una grande tranquillità e una grande pace da sempre, come ci hanno raccontato Plinio il vecchio, Stendhal, Franz Liszt, Vincenzo Bellini, Winston Churchill e negli ultimi anni George Clooney che ha trovato sul lago di Como, un luogo ideale per riposarsi.
Voglio farvi scoprire un percorso poco noto ma molto romantico che parte da Cernobbio a raggiunge Laglio, tutti in genere fanno la strada superiore più veloce, invece io vi invito a fare la piccola strada che costeggia il lago per attraversare i piccoli paesi di Moltrasio, Carate Urio fino alla contrada Torriggia di Laglio dove la strada si immette sulla statale del lago.
Un percorso affascinante e un po' tortuoso su una strada che offre una vista impareggiabile sul lago, attraversando il centro dei vecchi paesi, chiese e chiesette, piccole piazze ombreggiate dai platani, le ville dei nobili aristocratici lombardi, Villa Passalacqua, Villa Salterio,Villa Fontanelle, Villa delle Rose, Villa Pizzo, Urio Castello, Villa Fasola, Villa Oleandra, Villa ai Cedri e Villa Baragiola tutte private ma che lasciano vedere dei giardini con grandi statue, scalinate e fontane adornate da azalee, rododendri, rose, begonie in una atmosfera molto inizio '900, il tutto alla velocità massima di 30 km/h, il massimo farlo in bicicletta solo 8 km tra Cernobbio e Laglio oppure anche a piedi per i più allenati.
Una meta ideale per una fuga romantica, ci sono dei bellissimi Relais direttamente sul lago con dei giardini incantevoli, ma anche alberghi di diverse categorie e Bed and Breakfast di qualità. Ristoranti direttamente sul lago con menù molto curati. Siamo sul lago e le specialità di pesce di lago come il lavarello, alborelle, coregoneagone, persico, trota, cavedano, luccio, il tipico piatto è il risotto al lavarello o al pesce persico. Hanno buona fama nella zona anche i formaggi che arrivano dalle montagne circostanti  sia di capra che mucca come caprini, casorette, zincarlin, semude, caprinotti, taleggio, formaggelle, ricotta e ricordate anche l'ottimo burro.
I miei consigli per una sosta breve o un soggiorno, non sono i migliori consigli, ma sono i luoghi dove io sono stato e che ricordo con grande piacere.

Alberghi di Charme con ristorante 
Via Vecchia Regina, 62 - 22010 Laglio Como T. 031 400031

Piccoli Alberghi con ristorante
Via Regina, 45, 22010 Carate Urio Como T. 031 400136 
Piazza San Rocco 5, 22010 Moltrasio Como T. 031 290444 ( servizio di nolo bici elettriche)

B&B
via Sopra ponte 5 - 22010 Laglio Como T. 031 400312 
Via Regina Vecchia, 13 - 22010 Carate Urio Como T. 335 660 9627 

Ristorante 
Via Regina vecchia, 91 - 22010 Laglio Como T. 031 401400 
Osteria Vecchio Molo 
Via Regina Vecchia 93 - 22010 Laglio Como

I Giardini da vedere 
Via Regina 40, 22012 Cernobbio Como 031 3481 
Largo Luchino Visconti, 4 22012 Cernobbio Como 031 3491

Info Traghetti:Navigazione Lago Como
Informazioni turistiche: Lake Como

La mappa dei consigli che potete anche consultare sul posto con i moderni mezzi di comunicazione.


Visualizza Lago di Como Go Slow Love : Cernobbio - Laglio in una mappa di dimensioni maggiori



Commenti

  1. Incantevole...come vorrei andare con mio marioto per un we romantico!!!Grazie per questi bei posti che ci fai scoprire!! ^^

    RispondiElimina
  2. Ciao Carmine
    Come sempre un meraviglioso post..
    Un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  3. Bello l'itinerario e belle le foto Buona giornata
    PS.
    Grazie della visita e mi piacerebbe avere una spiegazione al commento lasciato,

    RispondiElimina
  4. finalmente un itinerario vicino a me, ho visto i posti che consigli sono molto belli, è magnifica villa passalacqua ci ho lavorato per uno spot

    RispondiElimina
  5. che posti splendidi tutti da visitare

    RispondiElimina
  6. Sono stata a Como parecchi anni fa e ricordo che avevo attraversato diversi magnifici paesi a piedi. Grazie per i tuoi preziosi suggerimenti.
    Buon fine settimana. A presto.
    Erika

    RispondiElimina
  7. Sarò proprio lì in uno dei prossimi weekend! Grazie per questo bel post!

    RispondiElimina
  8. Posti meravigliosi, non ci sono mai stata ma spero di poterci andare presto!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. è vero...il lago di como ha angoli incantevoli...e villa olmo è un posto così ricco dove ci sono sempre mostre indimenticabili...

    RispondiElimina
  10. cHE MERAVIGLIA!!!!!Beh non che il mio Garda non lo sia ma...devo dire che il lago di Como merita davvero!Ottimo reportage!!

    RispondiElimina
  11. Che bella vista sul lago..
    davvero incantevole!!
    Ci sono stata una volta, spero di tornarci.
    Grazie a presto.
    Inco.

    RispondiElimina
  12. Ma che meraviglia! eh..sì questo post me lo segno, è da una vita che voglio andare a Como e i tuoi consigli sono davvero preziosi! grazie e buon week end!

    RispondiElimina
  13. Il lago ha sempre un grande fascino!! Lo scorso anno ho passato un fine settimana da quelle parti!!! Incantevoli paesaggi!!!
    Un abbraccio e felice we!!!

    RispondiElimina
  14. Per motivi familiari sono una gran frequentatrice del lago di Como, in particolare del meno blasonato ramo di Lecco.
    P.S.: Bellagio è con una "g" sola. :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  15. Ciao Carmine sono contenta di essere stata per una volta io a suggerirti un posto da visitare. Il lago di Como lo conosco bene, è davvero un posto bellissimo. Un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  16. ti ringrazio per essere passato sul mio blog , ma ero veramente arrabbiata le parolacce di solito non sono il mio stile ma stavolta mi escono dar core !!!!

    RispondiElimina
  17. Uno dei siti più incantevoli che tu abbia descritto. Forse perché un po' lo conosco ...

    RispondiElimina
  18. I miei ricordi si fermano qua , agli ultimi tre giorni in un bellissimo bed&brekfast da dove si vedeva tutto il lago ; è un posto meraviglioso , spero di tornarci presto!un saluto

    RispondiElimina
  19. posti incantevoli! abito abbastanza vicino ciao

    RispondiElimina
  20. Grazie per averci fatto fare questa "gita fuoriporta" da seduti davanti al pc.....! Bisogna, a volte purtroppo, sapersi accontentare!

    RispondiElimina
  21. sono luoghi bellissimi, che meraviglia la nostra Italia!!!

    RispondiElimina
  22. ma che belle queste foto....e che bel sole dopo tutte queste giornate uggiose....

    RispondiElimina
  23. bellissimi posti ma bellissime anche le foto. complimenti

    RispondiElimina
  24. Grazie di esserti unito al mio blog.Ti seguo anch'io con piacere.Buona Domenica

    RispondiElimina
  25. Tienes un blog muy interesante, te sigo.
    Un saludo desde Argentina.
    HD

    RispondiElimina
  26. Che belle foto, manco da DUE anni da casa (abitavo ad una mezz'oretta da Como) e queste foto mi hanno fatto venire un po' di nostaglia! :)
    Tra l'altro qui negli States, Como e' rinomatissima!

    RispondiElimina
  27. BELLISSIME IMMAGINI E OTTIMI CONSIGLI...STUPENDI LUOGHI.
    GRAZIE E A PRESTO.

    RispondiElimina
  28. Hai perfettamente ragione la vecchia provinciale è decisamente più adatta ad un percorso turistico.
    ciao buona serata
    enrico

    RispondiElimina
  29. Ciao, Carmine. Itinerari davvero affascinanti e poco conosciuti i tuoi. Complimenti come sempre. Sono almeno trent'anni che non percorro la vecchia Statale Regina e sono consapevole di essermi persa tante belle occasioni di sosta, ma sapro' rimediare presto a questa lacuna.
    Buon lavoro!

    RispondiElimina
  30. In passato andavo spesso sul Lago di Como. Come te, l'ho percorso in lungo e largo, cercando scorci suggestivi. Poi, dopo essere stata al Lago di Garda, l'ho un po' "abbandonato". Leggendo il tuo post mi è venuta voglia di tornarci.
    Un saluto

    RispondiElimina
  31. Andavo spesso al lago di garda, ora da alcuni vengo qui, ci sono posti stupendi e si mangia bene!! ciao...buona giornata

    RispondiElimina
  32. che romantico itinerario, l'ho sperimentato anche io qualche anno fa! L'unica cosa che cambierei è il ristorante dove ho mangiato, quello sull'Isola comacina, terribile!

    RispondiElimina
  33. Bellissimo articolo molto informativo. Mi piace moltissimo leggere i tuoi post!!E poi la google map lo completa ulteriormente :-) ma lo sai che mi hai dato una bella idea per un week end romantico? Magari faccio una sorpresina a Marta :-)

    RispondiElimina
  34. ...è un articolo meraviglioso...con immagini stupende!
    Grazie per essere passato dal mio blog,è un piacere aver fatto la tua conoscenza.
    Ciao:)
    Luci@

    RispondiElimina
  35. Uno dei posti piu' romantici del pianeta,raccontati e fotografati in modo eccellente.
    Complimenti Carmine.
    A presto

    RispondiElimina
  36. Ciao Carmine. Conosco benissimo l'itinerario proposto, ho una casa in Val d'Intelvi a 500 mt. sopra il lago di Como.
    Non conoscevo tutti i ristorantini di cui parli. Bello! Ora mi prendo nota di tutto e alla prima occasione vado in uno dei locali che hai citato. Sono sicura che mi troverò benissimo.

    RispondiElimina
  37. posti incantevoli da visitae grazie per il tuo post

    RispondiElimina
  38. adoro il Lago di Como!
    grazie per le preziose informazioni
    baci

    RispondiElimina
  39. che bello il lago di Como! Il tuo post e' veramente interessante. Ciao!

    RispondiElimina
  40. Forse Renzo e Lucia erano passati per la strada che tu ci consigli, ma non credo perché loro erano "Su quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno...". Grazie per gli indirizzi che terrò presente nel caso riuscissi a ritornarci. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  41. Il lago di Como è uno degli innumerevoli luoghi incantevoli che ci offre il nostro paese, ancora mi manca ma la tua guida, come sempre puntuale ed accurata ma non banale, mi offre un motivo in più per correre ai ripari!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I luoghi del Silenzio: Certosa di Val Senales (Bolzano)

Salire fino a Karthaus o meglio Certosa di Val Senales è sempre un emozione fantastica, d'estate il verde sembra che brilla, il fresco delle montagne ti accoglie e c'è un silenzio che invita al raccoglimento. In questo villaggio del comune di Senales c'era una volta un Monastero di Monaci dell’Ordine Certosino, veniva chiamato Monte degli Angeli , fu edificato a partire dal 1325 e chiuso nel 1782 . Nel 1782 la zona di Senales non era particolarmente attraente come nel passato e nessuno si fece avanti per l'acquisto, allora le autorità diedero la possibilità ai contadini poveri della zona di abitarci, cosi il paese è tutt'uno con il convento, tanto che tutti ancora lo chiamano Certosa. Oggi sono circa trecento gli abitanti di Certosa, c'è una scuola materna, tuttavia attraversando il paese c'è un atmosfera ovattata,  si può riconoscere l’antica struttura del monastero immersa in un silenzio assoluto se per caso mi apparisse un monaco non sarei sorpreso. Fu il

Donoussa, ultimo paradiso slow delle Cicladi

Donoussa è un' isola greca che fa parte dell'arcipelago delle Piccole Cicladi che si trovano tra l'isola di  Naxos e l'isola di  Amorgos, più vicine alla Turchia che alla costa greca. Secondo un'antica leggenda prende il nome da Dionisio l'antico dio greco del vino che offrì ad Arianna un nascondiglio sull'isola da Teseo. ©  donoussa.gr In Grecia ci sono circa 6000 tra isole e isolotti ma sono solo 227 quelle abitate o meglio dove è stato possibile abitare. La maggior parte delle isole greche sono nel Mare Egeo, solo poche di queste sono famose in tutto il mondo (Creta, Rodi, Mykonos, Santorini) e possono contare su un flusso turistico per un lungo periodo che copre più di una stagione, per le altre isole la loro vita si apre solo poche settimane all'anno. Questo ha portato nel corso degli anni all'abbandono delle isole minori da parte della popolazione attiva. La prospettiva di vita e di futuro in queste isole non viene ritenuta possibile ed econ

Mercati Locali : Finale Ligure tutti i giovedi sul lungomare Migliorini

Siete già tutti più o meno in vacanza, chi c'è già stato, chi le sta trascorrendo, chi deve ancora partire ma anche chi magari ci andrà un altro anno.  Questo vuole essere un invito a frequentare i mercati locali delle località dove siete in vacanza ma anche di dove abitate, informatevi dei giorni di mercato e fateci un giro, si possono scoprire tante cose interessanti si possono scoprire qualità di frutta e verdure locali e poco note e non meno buone, ma anche formaggi, pesce, dove qualità locali affiancano qualità presenti da altre regioni. Di passaggio a Finale Ligure , la cittadina della riviera delle palme , mi sono fermato al mercato che si svolge direttamente sul mare della cittadina ligure ed esattamente sul Lungomare Migliorini.  Il mercato si tiene a Finale Ligure il giovedì mattina nella prima parte ci sono soprattutto bancarelle d'abbigliamento, biancheria della casa, pentole, bigiotteria, mentre la parte alimentare più interessante la potete tr

Percorso arcaico: la Transumanza delle pecore in Val Senales

Ci sono alcuni percorsi che sono scritti nella storia dell'umanità, sono cammini che l'uomo fa da millenni, in quel passaggio di generazione in generazione di conoscenza e opportunità di vita.  Uno di questi è proprio quel percorso che dalla Val Senales conduce attraverso il   Giogo Alto (2857m) e il G iogo Basso (3019m), si portano i greggi di pecore verso i pascoli estivi della Val di Vent in Austria. A testimonianza della grande storia di questo cammino, qualche anno fa a poca distanza da questo percorso è stata trovata la celebre mummia del Similaun , meglio nota come Otzi, un pastore che con ogni probabilità si era perso, perchè fuori dal tracciato o perché colto improvvisamente da una tempesta di neve. Questo sabato e domenica il gregge di pecore e capre ritorna dall'Austria verso Val Senales. Fare questo percorso è un trekking , un esperienza molto particolare come se ci riporta indietro nel tempo verso sensazioni dell'inizio della storia dell'uomo.

Da Parigi a Istanbul in treno sulle tracce dell' Orient Express

Il treno dei re o il re dei treni cosi veniva chiamato il servizio  Orient Express, un classico dei viaggi tra '800 e '900, da Parigi a Istanbul,   che   ha fatto viaggiare la classe nobile e ricca europea all'inizio del secolo scorso.  Ancora oggi il suo nome evoca il lusso ma anche il sogno, sono stati scritti tanti racconti e girati molti film per il fascino che quel treno sapeva attrarre. Oggi il servizio Orient Express non esiste più dal 1977 c'è un prodotto turistico che ricalca il percorso, un viaggio di lusso per diverse migliaia di euro, che ripercorre solo la linea Simplon Orient Express da Venezia a Parigi. Con la nuova rete di alta velocità ferroviaria che ha unito più paesi d'Europa, che ha reso i percorsi più brevi, permette d'attraversare i 2,800 km, il territorio di sette paesi, con treni convenzionali notturni, in pochi  3 o 4  giorni.  Anche se il percorso invita a fermarsi in più città, la tratta da Parigi a Istanbul permette ancora oggi  d&#

Il panino con il polpo: Polignano a Mare (Bari)

Il panino con il polpo è presente nei menu di tanti bar e ristoranti dalla Campania alla Sardegna in Italia, ma solo in Puglia si è sviluppata una vera e propria tradizione gastronomica. Ci sono tradizioni e tradizioni, molte antiche altre più recenti, che prendono il sopravvento in alcune località piuttosto che in altre. In primo luogo perché in passato il polpo era molto abbondante lungo le coste pugliesi, in secondo luogo dopo il mercato del pesce, delle grandi quantità di polpo rimanevano invendute per ragioni diverse, diventando così il pasto delle famiglie dei pescatori. Tra le ragioni la poca dimestichezza che avevano le massaie di trattare il polpo, solo le famiglie dei pescatori sapevano come pulirlo, renderlo tenero e cucinarlo.  Nella maggior parte dei ricettari storici pubblicati da Antonio Latini (1690), Vincenzo Corrado (1773) e Ippolito Cavalcanti (1837) il polpo non viene molto considerato, anzi proprio il Latini proponendo una ricetta con il polpo, olio d'oliv

Le dieci migliori pizzerie di Napoli (scelte dai napoletani)

Fare Turismo Lento è immedesimarsi nella comunità locale, la pizza nel bene o nel male è forse il piatto che rappresenta meglio questa città. Il mondo è pieno di pizzerie ma solo a Napoli si può mangiare la vera pizza Napoletana , merito degli ingredienti locali, merito dell'acqua che si usa in aggiunto all'impasto, merito dell'olio d'oliva, merito del lievito. Esistono degli indirizzi di una Napoli turistica un circuito fatto di nomi e indirizzi famosi come Sorbillo, che hanno aperto anche in altre città ma esiste una Napoli nota e frequentata dalla popolazione locale, qui i clienti sono tutti napoletani o quasi un circuito che permette di conoscere usi e costumi tradizionali più vicini alla cultura locale della pizza , che è un po' diversa da quelle che noi siamo abituati a conoscere. Le dieci pizzerie più popolari a Napoli:  Pizzeria Starita Materdei , Vai Materdei 27  Napoli Un indirizzo classico dei napoletani, il primo locale ha aperto nel

Normandia: i sentieri della libertà

Da est a ovest, le spiagge della Normandia , ancora recano i nomi del grande sbarco del 1944, come per esempio Sword, Juno e Gold per i britannici, Omaha e Utah per gli americani.  Sono luoghi dove passato e presente si fondono. Su tutta la costa della Normandia, da Le Havre a Cherbourg, il ricordo del 6 giugno 1944 il giorno dell'offensiva contro i tedeschi è vivo e nessuno ha dimenticato la gioia, il dolore, il colore del sangue del D-Day.  Lungo le strade e sentieri, sulle spiagge, nei paesi interni come Calvados, Bessin, Cotentin i monumenti ricordano quel giorno cosi speciale.  Sembra che questi luoghi parlano da soli, seguire i sentieri della libertà non è un viaggio come gli altri.  Si tratta di un percorso impegnativo e di forte emozione per coloro che si vogliono avvicinare all'atmosfera di quei giorni e quei momenti anche se l'aria è deliziosamente pura, il cielo chiaro.  Qui ogni luogo è un luogo di memoria ogni angolo riporta a quei giorni a que

Cannoli siciliani: le origini, la cultura e la storia di uno dei dolci più graditi della tradizione Siciliana

Ci sono alcune ricette che riescono a rappresentare un'intera comunità, la sua storia e in questo caso un'isola : i cannoli siciliani.  Nonostante la cucina e la pasticceria siciliana sia molto ricca, nessun altra preparazione riesce a rappresentare nel nostro immaginario l'isola come i cannoli. Da Cicerone la storia del Cannolo La sua origine si perde nella notte dei tempi la testimonianza più datata è stata quella di Cicerone del 74, 75 a. C. ( Tubus farinarius dulcissimo edulio ex lacte fartus). Un tubo di pasta di farina farcito di preparazione lattaria. La preparazione del cannolo è partita quindi dai tempi dei romani (forse anche prima dai greci), una ricetta che si è evoluta con il tempo in base alla cultura, ai prodotti disponibili e delle tecniche in cucina. Il periodo più importante è stato sicuramente la dominazione araba che ha introdotto in Sicilia lo zucchero o meglio la canna da zucchero.   Prima ancora delle Repubbliche marinare di Venezia e Genova che int

Milano - Tangeri in treno, un viaggio alla ricerca del sole d'inverno

Perché da Milano a Tangeri? Quando le giornate si fanno sempre più corte e le temperature scendono mi viene voglia di andare in un luogo caldo dove posso prendere un caffe all'aperto, passeggiare sotto un sole caldo e guardare il mare.  Così mi è venuto in mente di andare a Tangeri , in Marocco . Certo il modo più veloce e comodo è prendere un aereo ma volevo intraprendere un viaggio e non un soggiorno, conoscere e parlare con più persone. Ho studiato un po' di soluzioni di viaggio ma la più interessante credo sia un viaggio in treno più battello che arrivi direttamente al porto di Tangeri dentro la città. Questo mi consente di fermarmi in più città che il percorso ferroviario mi consente di fare a : Ginevra, Lione, Barcellona, Madrid, Malaga, Tarifa e Tangeri. 1° giorno Sono partito dalla Stazione Centrale di Milano sul treno per Ginevra in direzione di Tangeri. N on devo essere tanto normale, sono alla vista delle Isole Borromee e dalle montagne appena innevate e sono su un