domenica 29 marzo 2020

Il viaggio diverso degli altri: Rio de janeiro favelas di Rocinha e Alemao, viaggio in treno e viaggio in teleferica

Un viaggio virtuale nelle favelas di Rio de Janeiro, per fare vedere un altro aspetto della città. Siamo sempre abituati ad associare Rio alle Spiagge di Ipanema ai quartieri belli e moderni, invece c'è molto altro e non è sempre delinquenza e droga.
Rocinha è una delle più grandi favelas di Rio a Sud della città che si raggiunge in treno, con un grande mercato di frutta e verdura, dove c'è un misto di legalità e non, i fili dell'elettricità dove tutti si attaccano per avere la luce il casa è lo skyline del quartiere, nonostante sia uno dei quartieri più poveri della città c'è un allegria a noi del tutto sconosciuta.
Interessante anche il sistema di teleferica che porta nel complesso delle favelas dell'Alemao, un progetto importante che unisce le favelas alla città di Rio, una sorta di riconoscimento ufficiale della loro esistenza.
Una funivia con 4 stazione, 150 cabine, ogni cabina porta dieci posti seduti e due in piedi, dal 2011 i lavoratori che abitano in queste favelas hanno su un mezzo di trasporto economico, veloce, sicuro, efficiente e connesso con i trasporti pubblici della metropoli carioca.
In questa favelas vige il rito della macumba la magia frutto dell'evoluzione dei riti portati dagli schiavi deportati dall'africa e dai riti precombiani, una vera e propria religione, che distingue ma gia bianca (Umbanda) che porta fortuna e la magia nera (Quimbanda), fatta per attaccare e distruggere i nemici, crederci a no, anche questo fa parte della cultura del Brasile.

4 commenti:

  1. Un viaggio molto interessante che anche io vorrei fare ma non da sola perchè lì c'è molta delinquenza, ciao Silvia

    RispondiElimina
  2. Caro Carmine, ci hai fatto vedere una della più grandi metropoli del mondo, una città molto movimentata.
    Ciao e buona settimana cin un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ancora una perla virtuale in attesa tutti quanti di tornare a viaggiare realmente.

    RispondiElimina