Passa ai contenuti principali

Pedonale per Portofino, a piedi da Santa Margherita Ligure a Portofino

Questo blog ha una parte informativa e una parte personale dei miei viaggi preferiti, per via del lavoro mi ritrovo spesso a Santa Margherita Ligure, il tempo di sbrigare alcune faccende e riesco a ritagliarmi un pomeriggio libero che trascorro andando a piedi a Portofino, una strada molto bella e panoramica con dei scorci di rara bellezza che solo andando a piedi si possono apprezzare e li voglio condividere con tutti voi.
Anche l'Autunno è un buon periodo c'è ancora un bellissimo sole su questa piccola strada, per quelli che non vogliono farla a piedi, diciamolo subito che c'è sia l'autobus che il traghetto che parte da Santa Margherita Ligure, è un percorso che in autobus richiede 20 minuti con 16 fermate è la linea 82 dell'ATP esercizio srl, passa un'autobus ogni 30 minuti.



A piedi il percorso pedonale e a lato della strada fino a Paraggi, dalla magnifica Spiaggia di Paraggi si può andare sempre lungo la strada, perchè il traffico non è molto a propria responsabilità altrimenti c'è un percorso che passa nel bosco, che percorre diverse proprietà e conduce direttamente nella piazzetta di Portofino, sono 5,3 km che si percorrono in circa un'ora.




Un invito a percorre i sentieri del Parco Naturale regionale di Portofino, a Portofino invece meritano una visita la Chiesa Parrocchiale di San Martino e la chiesa di San Giorgio.
Il villaggio di Portofino mantiene il suo aspetto tradizionalmente ligure, motivo del grande fascino di un'area che non ha subito le brutture della modernità.
Chi visita Portofino si abitua piacevolmente ai ritmi di un borgo pedonalizzato, un ottimo modo per il relax sedersi in un bar della piazzetta per un caffè e guardare il via vai dalle barche e del paese che è sempre affollato anche in questo periodo di bassa stagione.



Sul promontorio di Portofino si trova la Fortezza San Giorgio, meglio conosciuta come "Castello Brown", un percorso  a piedi vi attende un misto di tra cultura, storia, natura e mare.
Attualmente il parco è visitato da migliaia di turisti tramite l'accesso sia dalla calata denominata Chiappella sia dal percorso storico che dalla chiesa di San Giorgio conduce sino al faro.
AI suo interno si può passeggiare piacevolmente immersi nelle essenze tipiche della Riviera e godere di un panorama unico: chiudete gli occhi e pensate alla Rocca come ad una perla ed al Parco come al suo naturale castone che ne valorizza la bellezza.
Sicuramente Portofino rispetto ad altre località è più cara, ma troverete tra i migliori ristoranti della Liguria, oltre al pesce, valorizzato dal magnifico olio d'oliva extra vergine ligure, qualche ristoratore propone le vecchie specialità della cucina ligure, molti dei prodotti che arrivavano a Portofino vengono dalla vicina val d'Aveto, di questa zona sono note la focaccia, la focaccia con cipolla, la focaccia al formaggio, testaroli al pesto, verdure ripiene, il prebuggin (uno torta di patate e erbe aromatiche), sarazzu (la ricotta salata) , la baciocca (torta di patate), riso al latte, la torta di riso e la pattuna una torta di castagnaccio.
Per gli appassionati del trekking Ente Parco di Portofino offre più percorsi di grande fascino come Ruta San Fruttuoso il sentiero che da Portofino porta a San Fruttuoso, un idea anche per un weekend romantico e fuori stagione.
Arrivare a Portofino con il treno:  si arriva fino alla stazione ferroviaria di Santa Margherita Ligure Portofino, sulla linea Genova La Spezia Pisa poi si prosegue con autobus 82.
Per maggiori informazioni. Ente Parco Portofino

Post correlati: Santa Margherita Ligure

Commenti

  1. se non ricordo male, il parcheggio a portofino aveva prezzi incredibili... se aggiungiamo il bel paesaggio... vale la pena di fare una bella passeggiata ;P

    RispondiElimina
  2. Caro Carmine, grazie dei commenti. Volevo avvisarti che non potrò partecipare all'incontro blogger per motivi di famiglia che ti spiegherà Ambra. Un caro saluto.
    Erika

    RispondiElimina
  3. Tanto breve il tragitto Santa Margherita-Portofino non è, però è un percorso stupendo.

    RispondiElimina
  4. Una bellissima passeggiata vista dalle belle immagini!
    Buon pomeriggio da Beatris

    RispondiElimina
  5. che posti meravigliosi, merita la pena visitarli!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  6. Portofino...un incanto unic...E che post Carmine! Come sempre ci fai sognare...con articoli di qualità!

    RispondiElimina
  7. Ha ragione Yrma: sai sempre proporre itinerari di grande fascino. Grazie.

    RispondiElimina
  8. Caro Carmine, rieccomi dopo il forzato riposo che mi ha purtroppo molto preoccupato per fortuna ora mi sto rimettendo e spero di restare ancora a lungo. Ciao e buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Sempre bella Portofino, è sempre un piacere rivederla! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  10. uno dei posti più belli dell'Italia, ci sono stata anni fa e ci vorrei tornare con tantissimo piacere. Ciao.

    RispondiElimina
  11. Il tragitto in macchina e in barca l'ho fatto diverse volte, a piedi mai.
    Sul fatto che Portofino sia cara non ci sono dubbi se voglio una bella coppa extra super di gelato devo fare un mutuo :-) Però anche Santa Margherita non scherza.
    Buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  12. che bella passeggiata, mi piacerebbe molto farla!

    RispondiElimina
  13. Una splendida passeggiata. L'ho fatta anni fa e la rifarei ancora :)
    Buona serata

    RispondiElimina
  14. Rieccomi da te e ritrovo i tuoi bellissimi post e soprattutto questo che ci descrivi e ci mostri così nei dettagli perché a te caro.... Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Grazie Carmine, la Liguria l'ho frequentata molto poco e sempre di passaggio.
    A portofino ci sono statapiù di 50 anni fa e poi l'ho vista solo in tv.
    Buona giornata
    Mandi

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La Festividad del Señor Jesus del Gran Poder, 3 Giugno La Paz (Bolivia)

Fiesta Mayor de los Andes o Festa del Señor Jesus del Gran Poder come si chiama tradizionalmente si svolge quest'anno sabato 3 giugno 2023. La Paz in Bolivia.   Per i lettori di questo blog non è una novità, quando arrivano questi giorni la mia mente mi riporta in Sud America, posso essere in qualsiasi parte del mondo fisicamente ma la mia mente è per le strade di La Paz in Bolivia. La festa ha delle origini antichissime ed è legata al culto dell'immagine di Cristo che venne portata in Bolivia l' 8 dicembre 1663 , quando venne fondato il Convento della Madre Concezione, l'immagine delle tre facce del Signore Gesù del Gran Poder. L'immagine composta da un cristo con tre facce, era volta all'evangelizzazione della Bolivia, secondo le suore rappresentava Padre, Figlio e Spirito Santo . Per gli indigeni fu più facilmente comprensibile in quanto rappresentava con le tre teste Alaxpacha (il mondo superiore), Akapacha (la terra) e Manqhapacha (gli inferi). Negli ann

2, 3, 4 Giugno, festa della ciliegia in Italia : Ceresara, Colceresa, Vignola, Lari, Raiano, Bonarcado

Un fine settimana dedicato alla Ciliegia e ai territori dove le ciliegie si coltivano. In Italia siamo fortunati in quanto dalla Valle d'Aosta alla Sicilia, si producono in tutte le regioni, con varietà diverse. Quest'anno il cattivo tempo ha parzialmente danneggiato le varietà più precoci e rallentato la maturazione, le sagre o meglio le feste dedicate alle ciliegie sono state confermate tutte all'ultimo momento, per garantire la maturazione e la raccolta dei frutti. Lombardia 1-4 Giugno   Festa de la Ceresa (Compagnia delle Torri) Ceresara (MN) piazza Castello Tutte le sere alle 19 cena all'aperto con Tortelli della Possenta con ripieno di ciliegie e Torta Dolceresa con ciliegie e altre specialità locali. Veneto 2, 3, 4 Giugno  Colceresa (VI) Loc. Mason , Ciliegia di Marostica Passeggiate, Mostre fotografica di Colceresa i colli delle ciliegie e Mostra mercato delle ciliegie la domenica mattina. Emilia Romagna 2, 3, 4 Giugno  Vignola è tempo di Ciliegie Vignola (MO

Festa del Gran Poder 2023 , La Paz (Bolivia ) 3 giugno in diretta live

Festa del Gran Poder in diretta oggi 3 Giugno live ringraziamo Radio Ingavi per la condivisione e l'ospitalità. L'elenco d'ingresso delle confraternite: 07:00 - 1 - DIABLADA TRADICIONAL UNIÓN DE BORDADORES  in Italia 13:00 07:10 -  2 - MORENADA COMERCIAL ELOY SALMÓN 07:20 - 3 - WACAS JUVENTUD ESTRELLAS DEL GRAN PODER 07:30 - 4 - MORENADA LA PAZ UNIÓN BORDADORES DEL GRAN PODER 07:40 - 5 - SALAY MALLKUS PERDIDOS EN GRAN PODER 07:50 - 6 - MORENADA JUVENTUD SAN PEDRO RESIDENTES DE ACHACACHI-LOS CATEDRÁTICOS 08:00 - 7 - DOCTORCITOS LUMINOSOS EN GRAN PODER 08:10 - 8 - MORENADA JUVENTUD DIAMANTES DE LA PAZ 08:20 - 9 - SALAY INTERNACIONAL ARTE ILLIMANI 08:30 - 10 - MORENADA VERDADEROS REBELDES EN GRAN PODER 08:40 - 11 - WACAS TOCORIS AYMARAS DE BOLIVIA 08:50 - 12 - CAPORALES SHOPPISTAS EN GRAN PODER 09:00 - 13 - MORENADA ARTÍSTICA TRINIDAD GRAN PODER 09:10 - 14 - CAPORALES URUS DEL GRAN PODER 09:20 - 15 - SAYA NEGRITOS DEL COLEGIO NACIONAL DE AYACUCHO 09:30 - 16 - MORENADA LIDERES

Sidi Bou Said: il culto del gelsomino

Uno dei luoghi che trovo ideale per chi è alla ricerca di un viaggio e di un turismo lento è Sidi Bou Said in Tunisia, un piccolo borgo arabo andaluso che sia affaccia sul mare, dove è impossibile circolare in auto tra le vie piccole e strette, camminando si scopre un contesto unico, ricco di colore, di storia, d'arte ma che nasconde un piccolo segreto botanico: il culto del gelsomino.  In Tunisia all’interno dei giardini delle case, le piante dei gelsomini si spandono in tutta la loro meraviglia dal XIII° secolo quando gli arabi lo portarono dall’Andalusia. È divenuto cosi parte della cultura araba, simbolo di dolcezza e sensualità, non e raro essere avvicinati da venditori ambulanti di fiori di gelsomino, nei bar così come lungo le strade di Sidi Bou Said, in particolare al Caffè des Nattes , uno dei bar più belli della costa mediterranea, punto di ritrovo del villaggio ma soprattutto d’artisti, impegnati a sorseggiare il classico thè alla menta con pinoli, all'int

Dobrovo Castel Dobra, Brda 50° Festa delle Ciliegie

Quando blog non dimentica le destinazioni ricche di fascino e poco note, è il caso della zona del Brda , di quella parte di Slovenia molto vicina all'Italia, che al di là del confine, conserva nonostante la storia recente, molte affinità con il nostro territorio. Se tra Agosto e Settembre del 2015 abbiamo apprezzato i colori, il vino e i frutti della fine dell'estate, andiamo in Brda questa primavera per conoscere meglio uno dei territorio famoso per le ciliegie vicino all'Italia, che i friulani sentono molto vicino. Si terrà quest'anno il 50° anniversario della festa della ciliegia , è la festa si svolgerà non solo a Dobrovo che è il centro del Brda ma anche a a Šmartno , a Gonjace . Molto attesa è la sfilata dei carri, che si terrà a Dobrovo, domenica 12 giugno alle 16.30, al quale parteciperanno tutti gli abitanti dei paesi della regione. Non mancheranno i stands con i prodotti tipici del territorio del Brda non solo prodotti freschi come ciliegie m

Varigotti (Savona) il borgo saraceno sul mare

La località di Varigotti (Finale Ligure, Savona), è una dei borghi più interessanti della Liguria posto direttamente sul mare, sempre di moda negli anni ma mai superato, perchè è apprezzato da tutte quelle persone che sono alla ricerca della tranquillità. Il borgo di Varigotti ha una storia molto originale che vede il paese come rifugio dei saraceni, che da pirati del Mare Mediterraneo si inseriscono nella comunità locale, questo ha dato luogo a una comunità chiusa e isolata rispetto ai paesi di Noli e Finale ligure. Il suo aspetto ricorda gli insediamenti saraceni sulle cose del Nord Africa con piccole vie strette e tortuose e giardini interni alle mura delle case. Di Varigotti si ricorda la belle spiagge:, Punta Crena, la baia dei Saraceni, spiaggia di Malpasso che sono state immortalate in diversi film degli anni '60 e '70. Si ricordano la dolcezza del profumo dei limoni e di tutti gli agrumi , le piante aromatiche che crescono nei giardini del bor

Isola di Cytera, Kythera, Grecia

Ogni anno vi porto a conoscere dei nuovi luoghi da villeggiatura in Grecia, poco conosciuti rispetto a Mykonos, Santorini e Creta ma altrettanto belli ricchi di storia e di fascino. Questa volta andiamo all'isola di Kythira (Kythera, Cerigo), è il luogo di nascita di Afrodite , dea dell'amore, secondo Esiodo (antico poeta greco vissuto ai tempi di Omero).  Si trova tra il Peloponneso e l' isola di Creta, in una linea immaginaria di confine tra Mar Jonio e Mar Egeo , tra Mare Mediterraneo Occidentale e Mare Mediterraneo Orientale. Dal punto di vista paesistico è un isola ricca con valli che terminano in riva al mare; con pendii verdi e  rocciosi che nascondono acque sorgive che scendono a cascata dai pendii; spiagge molto belle con un mare limpido e pulito, paesini pittoreschi e tranquilli che conservano una cultura gastronomica antica semplice ma gustosa. Non ci può non rimanere colpito dal suo patrimonio storico architettonico , in parte semplice ma che fonde le influen

Le Cinque Terre in treno: Genova - La Spezia

Scoprire le Cinque Terre in treno. Qualche giorno fa, si è parlato dell'assalto dei turisti alle Cinque Terre, trovo che i titoli di diversi quotidiani siano leggermente sopra le righe "Non c'è più posto alle cinque terre" e "5 terre in overbooking". Il problema non sono le Cinque Terre che sono da sempre un luogo piccolo, una piccola area a misura d'uomo , di sua natura tortuosa e difficile da fare in auto o anche a piedi o in bicicletta, dal grande fascino, ma è un luogo dove tutto è piccino, alberghi, ristoranti, parcheggi, promozionarli in tutto il mondo come una località di vacanza a 360 gradi come le spiagge della Thailandia o la California, forse a mio ardire non è la migliore strategia per valorizzare questa destinazione.  Questo non rende merito a un territorio e un luogo di grande fascino, per andare controcorrente vi propongo le Cinque Terre in treno, da Genova a La Spezia in treno locale al costo di 9,30 euro circa due ore e trenta per l'