domenica 18 ottobre 2015

Val d'Isarco, andare per Mele

Percorrendo la strada che da Chiusa porta a Vipiteno non mancano i cartelli vendita mele, personalmente mi organizzo un weekend d'acquisto delle mele del nuovo raccolto.
Io vedo le mele dell'Alto Adige nascere, dalla fioritura fino alla raccolta, per me acquistare mele è un gesto semplice, primo perché sono mele fresche, molti voi sanno che le mele che si trovano sul mercato, vengono messe in celle frigorifere che volta per volta vengono tolte delle celle frigorifere a seconda delle richieste del mercato, per cui non si sa mai la mela che si mangia di quale anno è, io preferisco almeno adesso a Ottobre mangiare una bella mela fresca, croccante e succosa, si riassapora il gusto delle mela.
Le mele che offrono i contadini a un prezzo forfettario sono fresche ma qualche volta sono anche fuori formato standard perché spesso molto grosse o dalla forma non convenzionale, ma perfette su tutti gli altri punti di vista, guardare in faccia chi le produce è una soddisfazione unica.
La varietà sono un altra motivazione per l'acquisto, ci sono molte varietà di mele che ho notato le persone poco conoscono come la Elstar, la Jonathan, Morgenduft, Braeburn, Winesap, Topaz, qualche contadino ha conservato alcuni alberi di mele antiche.
La coltivazione della mela ha una tradizione molto antica in Alto Adige, a queste altezze pare che le mele acquistano un aroma particolare a causa dell’escursione termica tra giorno e notte. 
Alcuni contadini oltre alle mele hanno anche in questo periodo Succo di mele, Castagne oppure altri prodotti del maso.
Nella foto il mio fornitore di mele di fiducia, nei pressi di Albions nel comune di Lajon dove tutti gli anni compro delle mele favolose, che utilizzo sia cosi semplici per fare i dolci come lo strudel le mele al forno, le mele in insalata, le mele cotte, risotto di mela
Per chi è interessato c'è inoltre il sentiero delle mele a Naz-Sciaves  un sentiero tematico, lungo 7,5 chilometri, che da Naz (889 m) porta a Rasa (820 m) e torna poi di nuovo al punto di partenza, è una passeggiata attraverso boschi di pini, piantagioni di meli, prati, biotopi e boschetti di castagni. Lungo il percorso delle lavagne esplicative, che informano sulla coltivazione delle mele, le mele non maturano tutte insieme in questo periodo inizia la raccolta delle Fuji. 
Per saperne di più: sulla zona Valle Isarco, per le mele Vog, il consorzio delle cooperative ortofrutticole, per il sentiero delle mele Altopiano Naz Schabs .

4 commenti:

  1. Adoro le mele sono buone e fanno bene alla salute! Concordo con te, sul mercato troviamo delle mele belle a vedersi, ma sono insipide, preferisco anch'io comprarle dal contadino di fiducia!, anche se non sono perfette, sono molto più saporite! Come sempre, grazie per le tue informazioni! Ciao

    RispondiElimina
  2. Le mele acquistate al supermercato sono prive di sapore, è vero.
    Mi piacerebbe molto fare quel percorso "il sentiero delle mele".

    RispondiElimina
  3. non conoscevo il sentiero delle mele. Io adoro le mele.

    RispondiElimina