mercoledì 7 settembre 2022

Cernobbio, lago di Como, luogo di villeggiatura tra storia e presente


Si tratta di una delle mete più facile da raggiungere del Lago di Como, a pochi minuti di traghetto da Como Lago ma ci sono anche coloro che vi arrivano a piedi direttamente da Como. Una località che deve la sua notorietà a personaggi di spicco dell'800 che includono dalle teste coronate e padri dell'industria italiana.

Il Lago di Como nel settecento e nell'ottocento è stato un luogo di villeggiature di molte famiglie nobili europee, Cernobbio deve in particolare la sua notorietà a:

Carolina Amalia di Brunswick, Principessa del Galles, moglie separata del futuro re Giorgio IV che mori presumibilmente avvelenata poche ore dopo l'incoronazione del marito. Acquistò e trasformò quello che oggi a tutti è nota come Villa d'Este, in una residenza degna del suo rango di futura regina. Il nome Villa d' Este, in quanto la nobildonna vantava origini della famiglia Este del ramo Welfen della Germania. 

Marija Fëdorovna, (in russo: Мария Фёдоровна?) nata principessa Dagmar di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg e poi principessa Dagmar di Danimarca, moglie dello zar Alessandro III  e madre di Nicola II Romanov, ultimo zar di Russia.

Le due nobildonne in tempi diversi trasformarono Villa D'este in una dimora degna del loro rango e grazie alla loro fama fecero conoscere questa località che altro non era che un piccolo villaggio di pescatori al mondo intero. Erano tempi in cui ospitare un monarca o un rappresentante della loto famiglia, era un sinonimo di luogo d'eccellenza..


Alla fine dell'800 accanto ai membri delle famiglie nobili d'Europa si fecero spazio i rappresentati delle famiglie industriali a rendere nota e a lasciare un'impronta sulla cittadina dapprima la famiglia Erba con la costruzione di Villa Erba, una delle ultime rappresentati che vi ha abitato è stata Carla Erba, nota alle cronache come madre di Luchino Visconti, uno dei registi di cinema più noti in Italia, che proprio a Villa Erba girerà uno dei suoi film più importanti.

Dall'industria farmaceutica e al cinema all' Industria tessile di Davide Bernasconi che trasformerà Cernobbio d a un paese di pescatori in un paese rappresentante dell'industria tessile italiana nel mondo.

Nel XVIII secolo c’erano 248 filande e Como diventò il punto di riferimento in Europa per i tessuti di seta.

Da imprenditore illuminato Davide Bernasconi si interesso della fabbrica ma anche degli operai con opere pubbliche e private, l'asilo a Cernobbio porta ancora il suo nome, le Tessiture Bernasconi durarono 100 anni dal 1872 al 1971, ancora oggi Como e in particolare Cernobbio è conosciuta per la memoria storica della qualità della seta. 



Dell'eredità del passato sono rimaste le ville storiche:

Villa d'Este un hotel di lusso il cui giardino è stato dichiarato monumento nazionale

Villa Erba è stata trasformato in un complesso espositivo congressuale. 

Villa Bernasconi trasformata in museo

Le altre ville come Villa Allamel, Villa Pizzo, sono private e sono aperte raramente al pubblico.

Per non fare torto all'Architettura Moderna in via Regina 41, c'è Casa d'affitto, l'edificio di Cesare Cattaneo, del celebre architetto razionalista costruita nel 1939, un esempio di quel movimento culturale nato tra le due guerre.

Oggi Cernobbio è noto per il Forum Ambrosetti che si tiene tutti gli anni che si pone l'obiettivo di offrire alla classe dirigente internazionale ed italiana un'occasione di approfondimento serio e qualificato – supportato da analisi e ricerche – sugli scenari geopolitici, economici, tecnologici e sociali e sulle loro implicazioni per le imprese e per i Paesi.

Il paese di Cernobbio fa da contraltare per la sua pace e tranquillità, si viene a Cernobbio per perdersi nelle stradine del paese, una località a misura d'uomo, poche distanze, tutto si trova facilmente, un imbarcadero in stile Liberty buon attracco per i traghetti, un lungo lago ampio, che fa da apripista ad una giornata di sole sul lago di Como per un dolce fine estate e inizio dell'autunno.




Come arrivare a Cernobbio in treno: Stazione di Como San Giovanni, dista circa 50 minuti a piedi, una passeggiata non troppo impegnativa.

Come arrivare a Cernobbio in battello da Como lago in meno di 15 minuti si arriva a Cernobbio, seconda fermata dopo Tavernola e prima di Blevio. info : Navigazione Laghi/ lago di Como

Come arrivare a Cernobbio in auto: Ad 1 km dall'uscita "Lago di Como" - autostrada A9 in direzione Chiasso confine con la Svizzera.




Dove mangiare a Cernobbio: c'è una buona offerta di Ristoranti per tutte le disponibilità, i tre che seguono sono quelli che offrono la possibilità di vivere un' esperienza unica di una cucina molto ricercata:

Veranda Villa D'este, magnifico all'interno di Villa d'este 

Casa Perrotta Restaurant

Ristorante Materia

Personalmente preferisco fermarmi in luoghi più semplici e conviviali come:

Osteria del beuc, nella zona pedonale con tavolini all'aperto

Ristorante Miralago, speciale menù bistrot a mezzogiorno con vista lago

Dove fermarsi per un caffe o un dolce momento di Break: 

Pasticceria Poletti, via Regina 34 , sulla strada centrale con le auto a senso alternato, tavolini all'aperto in uno piccola terrazza in giardino riparata. Una buona produzione di dolci, limitata ma sempre freschi, dai bignè XL a dei favolosi cannoncini alla crema, diversi a seconda del periodo, dei giorni e dell'ora di frequentazione.

Per saperne di più:

In Lombardia Cernobbio

Comune di Cernobbio

Articoli Correlati:

La riva romantica del Lago di Como da Cernobbio a Laglio

Da Milano a Como, Brunate e Torno

Il parco dell'hotel Villa d'Este

Blevio, il fascino del lago di Como

I colori dell'autunno sul lago di Como: Tremezzo

2 commenti:

  1. Interessante come lo sono sempre i tuoi post. Guardando le barche della prima foto che si possono noleggiare, ho ripensato a tutte le volte che ne ho noleggiata una a motore come la prima che s’intravvede, per fare un giretto sul lago.
    Felice giornata.
    enrico

    RispondiElimina
  2. Sono stata a Lecco di recente avrei voluto girare un po’ di più e visitare luoghi come questi ma ero ospite e non ho potuto, ci ritornerò e rimedierò

    RispondiElimina